news Xylella, la Commissione Ue approva nuove misure per salvare gli ulivi

20 Agosto 2020by 0
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

La Commissione europee ha adottato nuove misure contro la Xylella fastidiosa. Per impedire la diffusione nel territorio europeo, le nuove decisioni includono l’istituzione di un’area delimitata, misure per l’eradicazione del batterio e misure di contenimento.
Come riporta FoodNavigator, non appena il batterio è confermato all’interno di uno Stato membro le autorità sono tenute a farlo delimitare l’area che dovrebbe consistere in una “zona infetta” con un raggio di almeno 50 m intorno alla pianta infetta e una “zona cuscinetto”. Quest’ultimo può variare da 1 km a 5 km intorno alla zona infetta, a seconda che si sia verificata una diffusione naturale o siano state adottate misure di eradicazione.
All’interno della zona infetta vanno eliminate tutte le piante infette o sintomatiche, insieme a quelle che appartengono alla stessa specie, indipendentemente dal loro stato di salute.
In alcune zone d’Europa, l’eradicazione del batterio non è ritenuta fattibile. Questi includono il Salento in Italia, la Corsica in Francia e le Baleari in Spagna. Queste regioni, quindi, dovrebbero dare la priorità alle misure di contenimento.

Zone infette e zone cuscinetto

“All’interno della zona infetta si applicano disposizioni più leggere, consistenti in una sorveglianza intensiva e nella rimozione immediata delle piante infette. Queste misure dovrebbero essere attuate, ove applicabile, almeno negli ultimi 5 km di striscia della zona infetta adiacente alla zona cuscinetto, nonché intorno a siti ad alto contenuto culturale e sociale”, ha osservato la Commissione. “All’interno della zona cuscinetto di 5 km si applicano le stesse disposizioni di quelle presentate nelle misure di eradicazione”

Le perdite stimate

In un tentativo di impedire l’introduzione della Xylella fastidiosa nel blocco, afferma la Commissione, l’importazione di piante ospiti da paesi terzi infetti è possibile solo se tali piante sono coltivate sotto condizioni protette. Prima della loro esportazione, così come all’ingresso nell’Ue, dovrebbero essere ispezionate, campionate e testate, per garantire che non siano infette. “Le misure della Commissione – ha aggiunto FoodNavigator – arrivano appena quattro mesi dopo la pubblicazione di una nuova ricerca dell’Università di Wageningen nei Paesi Bassi, che ha stimato che la Xylella fastidiosa potrebbe costare la produzione di olio d’oliva regioni miliardi di euro nei prossimi 50 anni. Secondo i suoi risultati, l’Italia, la Grecia e la Spagna dovrebbero essere le più colpite”.
Nella migliore delle ipotesi, in cui la sostituzione con varietà resistenti alla Xylella fastidiosa sia fattibile, l’Italia potrebbe farlo perdere tra € 0,6 e € 1,6 miliardi, hanno osservato i ricercatori. Nella peggiore delle ipotesi, in cui la produzione cessa dopo la morte dei frutteti, l’impatto potrebbe raggiungere i 5,2 miliardi di euro.

il Salvagente

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.