news L’integrazione di vitamina D nei bambini migliora il loro microbiota

22 Agosto 2020by 0
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Uno studio basato su 1.157 neonati ha scoperto che l’integrazione della vitamina D è associata a cambiamenti batterici nel microbioma di un bambino che può influenzare in meglio la suscettibilità all’asma o alle infezioni virali respiratorie. A riportare la notizia è FoodNavigator. La ricerca in vivo ha riassunto l’impatto della vitamina D sul microbiota intestinale dei mammiferi, ma ha incluso da due anni anche studi su neonati umani.
Lo studio del Child Cohort Study – il più grande studio di coorte di nascita multidisciplinare basato sulla popolazione in Canada, pubblicato su Gut Microbes, ha scoperto che l’integrazione di vitamina D è associata a cambiamenti di composizione nel microbioma di un bambino – in particolare una minore abbondanza di batteri Megamonas a tre mesi di età.

Il batterio collegato all’asma

I ricercatori hanno esaminato campioni fecali prelevati durante le visite domiciliari di 1.157 neonati, notando che l’integrazione di vitamina D era associata a una presenza inferiore
di Megamonas, indipendentemente da come un bambino era stato allattato.
“Anche se si sa poco di Megamonas nell’infanzia, la nostra ricerca precedente suggerisce che potrebbe esserci un collegamento tra questo batterio e asma o infezioni virali respiratorie, quindi la vitamina D può fornire ulteriori benefici per la salute dell’infanzia, e dovrebbe essere studiata ulteriormente “, spiega l’autore senior Anita Kozyrskyj, professore in Dipartimento di Pediatria presso l’Università di Alberta e ricercatore di uno studio di coorte Child.

Il batterio che rende più probabile le malattie croniche

I ricercatori hanno anche valutato l’associazione tra integrazione di vitamina D infantile e materna e la presenza di Clostridioides dicile (C. dicile) nell’intestino di un bambino. “Alcuni bambini trasportano il batterio C. dicile che causa la diarrea nell’intestino senza alcun sintomo. Tuttavia, quando i livelli di batteri intestinali si squilibrano, questo particolare batterio può moltiplicarsi, causando malattie e aumentare la suscettibilità alle malattie croniche più tardi nell’infanzia “, ha commentato il primo autore Kelsea Drall.
Lo studio ha rilevato che quasi il 30% dei bambini era portatore di C. dicile, ma c’era una minore incidenza di batterio tra i neonati allattati esclusivamente al seno. Tuttavia, né l’integrazione infantile con vitamina D in gocce né l’integrazione materna di vitamina D durante la gravidanza o dopo il parto era associata alla colonizzazione del batterio C.
dicile. “È interessante notare che il consumo materno di latte fortificato con vitamina D era l’unico fattore che ha ridotto la probabilità di colonizzazione da C. dicile nei neonati “, ha aggiunto Drall. E inoltre, “Bassi livelli di vitamina D sono stati associati al virus respiratorio sinciziale (RSV), una comune infezione polmonare tra i neonati e, più recentemente, la suscettibilità alla malattia Covid-19 “, ha sottolineato il ricercatore.

il Salvagente

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.