news Olio di canapa, un ottimo alimento ma ancora troppo “artigianale”

24 Agosto 2020by 0
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

La canapa industriale (Cannabis sativa L.) è una pianta erbacea annuale ampiamente e tradizionalmente diffusa in diverse zone geografiche grazie alla sua capacità di adattarsi e rispondere ai cambiamenti climatici. È stata a lungo utilizzata fin dall’antichità con scopi medicinali e nutrizionali, tra gli altri, grazie al suo ricco contenuto chimico. Ma qual è la qualità e la composizione degli alimenti che oggi sono in commercio in Italia?

Se lo sono chiesti un gruppo di ricercatori della Facoltà di Chimica della Federico II di Napoli (tra cui il professor Alberto Ritieni), del Dipartimento di Scienze farmaceutiche biologiche e ambientali dell’Università di Caserta, del Dipartimento di Medicina molecolate e biotecnologia della Federico II di Napoli e di quello di educazione sanitaria e sviluppo sostenibile della stessa Università.

La conclusione a cui sono arrivati lavorando su 13 oli di canapa commercializzati nel nostro paese è che potenzialmente si tratta di un ottimo alimento ma che le variazioni della composizione sono ben lontane da quelle accettabili in un cibo e assai lontane da quelle dell’olio di oliva, anche per i minori controlli che quello di canapa subisce.

SEMI PREZIOSI NELLA NOSTRA DIETA

Attualmente, il catalogo comune delle cultivar approvato dall’UE include alcune cultivar di Cannabis sativa con un contenuto totale di ∆9-tetraidrocannabinolo (∆9-THC, il principio psicotropo, tradizionalmente associato all’uso “riucreativo” della marijuana) inferiore allo 0,2%. D’altra parte, queste cultivar di cannabis comunemente chiamate “canapa industriale” generalmente contengono un’alta concentrazione del precursore acido del cannabidiolo (CBDA), composto noto per avere una vasta gamma di importanti proprietà biologiche, comprese attività anticonvulsivanti, antiepilettiche e antimicrobiche, e usato come integratore nel trattamento dell’osteoartrosi e delle malattie muscolo-scheletriche.
Il seme di canapa, però, rappresenta anche una grande fonte di nutrienti e l’uso a scopo nutrizionale è focalizzato sui semi oleosi, principalmente a causa di un ricco contenuto di acidi grassi polinsaturi (PUFA) e di un alto rapporto da omega-6 a omega-3 di acidi grassi, che raggiunge una proporzione 3:1 . Questo valore è considerato ottimale per la salute umana, con un’influenza positiva sulla condizione di salute riducendo il rischio di soffrire di malattie cardiovascolari.
Tuttavia, l’elevato contenuto di polinsaturi nell’olio di semi di canapa lo rende altamente suscettibile all’ossidazione dei lipidi. L’instabilità ossidativa è uno dei fattori più importanti responsabili della riduzione della qualità dell’olio e della durata di conservazione. Questo processo negli oli commestibili influenza le proprietà nutrizionali, la tossicità, il colore e l’aroma, portando allo sviluppo di vari sapori sgradevoli e un gusto sgradevole. Inoltre, è stato riportato che l’olio di semi di canapa contiene un’enorme quantità di clorofille che sono in grado di interferire con la stabilità ossidativa e l’irrancidimento. Questi pigmenti naturali agiscono come potenti proossidanti, aumentando la suscettibilità all’ossidazione e promuovono il cambiamento dal colore verde scuro intenso al giallo. Sono necessari diversi processi di raffinazione durante la produzione di olio di semi di canapa per ridurre il contenuto di clorofilla e altri componenti minori come metalli e fosfolipidi che potrebbero influenzare la qualità dell’olio.
Infine, l’olio di semi di canapa contiene altri costituenti minori come polifenoli, carotenoidi e tocoferoli, tutti coinvolti nei processi antiossidanti, che potrebbero svolgere un ruolo importante nella protezione degli oli commestibili dall’ossidazione. Negli esseri umani, tutti questi composti possono mostrare importanti proprietà biologiche come effetti antiossidanti e antinfiammatori.

COSA SI TROVA IN COMMERCIO

Sebbene diversi prodotti oleosi a base di canapa siano disponibili in commercio, il quadro giuridico per la commercializzazione di questo tipo di prodotto nell’Unione europea è ancora ambiguo. Infatti, nonostante sia classificato come nuovo alimento, non vengono stabiliti controlli di qualità per l’olio di semi di canapa commercializzato, al contrario di quanto accade per l’olio d’oliva. Acidità, indice di perossido, caratteristiche di assorbanza attraverso misurazioni K232 e K270 e composizione chimica, sono i parametri che comunemente qualificano un olio d’oliva come idoneo alla commercializzazione, ma la loro definizione applicativa per gli oli di semi di canapa potrebbe essere limitativa. La qualità dell’olio di semi di canapa dovrebbe essere garantita da parametri più restrittivi, spiega il pool di scienziati italiani, che tengano conto della sua complessità chimica e della sua differenziazione mediante diversi fattori quali fattori genetici (varietà), o metodi utilizzati per il suo ottenimento (es. Pressatura ed estrazione con solvente), così come i processi di raffinazione e sbiancamento. Lo sviluppo di standard condivisi per migliorare la gestione della qualità dell’olio di semi di canapa a livello nazionale dovrebbe essere approfondito attraverso la definizione di uno speciale libretto disciplinare.

COSA HA TROVATO LO STUDIO SUGLI OLI DI CANAPA

Sebbene alcuni studi abbiano esaminato la composizione chimica dei semi di canapa e degli oli di semi di canapa, poco si sa sulle caratteristiche dell’olio di semi di canapa commerciale che effettivamente raggiunge i consumatori. E lo studio realizzato da un pool di scienziati (tra questi spicca il professor Alberto Ritieni che i nostri lettori conoscono bene)  ha cercato di fornire dati utili riguardanti la composizione chimica nonché i parametri di qualità di tredici oli di semi di canapa commerciali disponibili sul mercato italiano al fine di valutarne la variabilità caratteristica biochimica e proporre la loro introduzione nella dieta umana abituale. È stata inoltre studiata la stabilità all’ossidazione dell’olio, valutata misurando i prodotti di ossidazione primaria e secondaria durante i test di fotoossidazione accelerata.

I dati riportati nel lavoro dei ricercatori e pubblicati sulla rivista accademica Molecules hanno mostrato che gli oli studiati differiscono notevolmente nel contenuto di alcuni composti bioattivi, suggerendo la necessità di un disciplinare che definisca bene le condizioni agronomiche e di gestione post-raccolta per il raggiungimento di un buon obiettivo alimentare.

In particolare gli oli hanno mostrato un buon rapporto omega-6 / mega-3, compreso tra 1,71 e 2,27, ma molte differenze nei loro contenuti di clorofille (0,041-2,64 μg/g) e carotenoidi (0,29-1,73 μg /g), nonché in fenoli e tocoferoli.

 

il Salvagente

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.