news Latte artificiale e affari sporchi: l’inchiesta di copertina del Salvagente

28 Agosto 2020by 0
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Decenni di accurate operazioni di marketing hanno insinuato in molti la convinzione, a volte persino inconsapevole, che il latte artificiale, in polvere o liquido, sia come quello della mamma, che all’occorrenza il sostituto sia equivalente all’originale. Ovviamente non è così: da altrettanto tempo le ricerche scientifiche hanno dimostrato, anche ai più scettici, che il latte materno è insostituibile. Lo è certamente per la sua composizione – unica, sempre diversa ogni giorno – e per il valore emotivo e psicologico che ha l’allattamento al seno.

Abbiamo trovato micotossine emergenti

Le nostre analisi su 18 formule aggiungono un ulteriore tassello, mettendo in evidenza che il latte artificiale non è uguale a quello materno anche per la presenza, seppur in minime quantità, di micotossine.
Assenti le più famose, e tossiche, aflatossine così come l’ocratossina, le muffe che abbiamo trovato in 15 campioni su 18 appartengono a quelle che la comunità scientifica chiama “micotossine emergenti” ovvero un gruppo di sostanze su cui si stanno concentrando gli studi di sicurezza al fine di individuarne rischi e limiti di concentrazione.

E troppo sale e zucchero

Oltre a un rischio chimico, i latti artificiali che abbiamo testato non convincono neanche da un punto di vista nutrizionale per la presenza di elevate quantità di zucchero e sale: oramai tutte le linee guida nutrizionali, e da ultime quelle del Crea, concordano sul fatto che i neonati non devono consumare alimenti salati e zuccherati e i bambini devono ridurne drasticamente il loro consumo pena essere condannati al sovrappeso e all’obesità da adulti. E, invece, convinti dalla pubblicità a dare ai nostri figli un prodotto che contribuirà alla loro crescita, li rimpinziamo di biberon carichi di zucchero e sale. Basterebbe questo per spianare la strada al latte materno ma, purtroppo, non è così.

Spunta lo spettro degli antibiotici

Nerl numero in edicola del Salvagente, poi, riportiamo i risultati allarmanti di una nuova ricerca del professor Alberto Ritieni che, come aveva fatto nell’Uht e nel fresco, ha cercato residui di medicinali a uso veterinario nei preparati per l’infanzia. Trovandoli anche in dosi oltre i limiti di legge.

“Abbiamo condotto uno studio su 18 campioni venduti in Italia e, purtroppo, in 4 di essi le analisi hanno evidenziato la presenza di residui di farmaci normalmente utilizzati in zootecnia” spiega nel lungo servizio.
Il professore continua: “In tre formule abbiamo evidenziato la presenza di desametasone, un corticosteroide utilizzato per curare più che altro gli stati infiammatori negli animali. La normativa tollera la presenza di residui nel prodotto finito ma entro certi limiti, purtroppo le nostre analisi hanno evidenziato il superamento di questi limiti in alcuni dei campioni analizzati”.

Gli interessi dietro il biberon

L’allattamento al seno dovrebbe essere esclusivo nei primi 6 mesi di vita del bambino, eppure nel nostro paese allattano l’85,5% delle madri, una percentuale in aumento rispetto agli anni precedenti grazie al contributo delle mamme straniere che per la quasi totalità, 89,4%, scelgono di evitare il biberon (fonte Istat anno 2013, ultima rilevazione). I motivi per cui questo accade sono tanti, pesa certamente una società e una cultura che non favoriscono e sostengono adeguatamente le mamme. Ma non è da meno il pressing delle case farmaceutiche e del marketing.
Un’inchiesta dello scorso anno di Peopleforplanet aveva portato alla luce una vecchia, quanto illecita, pratica di alcun reparti di ostetricia che consegnano alle puerpere in dimissione dall’ospedale dopo il parto, insieme alle informazioni sanitarie, anche la segnalazione della marca di un latte artificiale per neonati consigliato. Una pratica vietata dalla legge. Come è vietato pubblicizzare le formule di latte destinato ai neonati, le formule 1, eppure non mancano tecniche sopraffine di marketing che attraverso escamotage studiati a tavolino reclamizzano questi prodotti. Un illecito che è diventato routine perché, purtroppo, mancano controllori e sanzioni

Inventare malattie per vendere

Così come è un costume “storico” delle industrie quello del mongering ovvero inventare malattie per vendere prodotti che dovrebbero curarle. Una tecnica in cui si distinguono i colossi di questo mercato , come raccontiamo nella lunga inchiesta di copertina del numero di settembre.
Eppure, come ci ha spiegato Adriano Cattaneo, neonatologo all’ospedale lombardo di Busto Garolfo, basta semplicemente cimentarsi in una ricerca sul motore di ricerca internet più famoso, Google, per scoprire che non è mai stata multata una azienda farmaceutica per aver pubblicizzato quello che non doveva.

L’inchiesta integrale e il test del Salvagente su 18 latti artificiali la trovate in edicola, o nel nostro negozio digitale

il Salvagente

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.