news Australia, Amazon accusata di controllare i dipendenti sindacalizzati

8 Settembre 2020by 0
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

“Il gigante della tecnologia Amazon sembra stia cercando di impedire ai suoi lavoratori di iscriversi al sindacato nel nuovo magazzino della società a Western Sydney”. Il quotidiano inglese The Guardian racconta la polemica che coinvolge il colosso di e-shopping, aggiungendo però che la cosa potrebbe essere legale in Australia. Amazon aveva pubblicato degli annunci per due lavori nel suo team operativo di sicurezza globale per analisti dell’intelligence che avrebbero monitorato le “minacce di organizzazione del lavoro contro l’azienda”. Entro poche ore dalla segnalazione degli annunci di lavoro, Amazon ha rimosso i link e ha affermato che non erano rappresentativi di ciò che il ruolo comporta. “Il posto di lavoro non era una descrizione accurata del ruolo – è stato fatto per errore e da allora è stato corretto”, ha detto una portavoce di Amazon Australia.

L’annuncio

L’annuncio ha causato allarme a causa delle sue implicazioni tra i lavoratori Amazon australiani, in particolare per il magazzino della società di 200.000 metri quadrati a ovest di Sydney che aprirà alla fine del 2021.  La legge locale non è chiara sul fatto che gli analisti che stanno setacciando i dati raccolti sui dipendenti violino le leggi statali sulla sorveglianza sul posto di lavoro. Vi è un divieto di sorveglianza ottica, sorveglianza informatica e monitoraggio del monitoraggio, ma la sorveglianza dei dati non è coperta.

Il duro rapporto sulle ingerenze

“Un rapporto dell’Open Markets Institute pubblicato questo mese – scrive il Guardian – ha esaminato le pratiche di sorveglianza sul posto di lavoro di Amazon e ha scoperto che l’analisi dei dati dell’azienda ha permesso di prevedere quali località avrebbero probabilmente iniziato a sindacalizzare prima ancora di avere la possibilità di organizzarsi”. “Amazon analizza più di due dozzine di variabili interne ed esterne ai dati raccolti da una varietà di fonti, inclusa la percentuale di famiglie al di sotto della soglia di povertà, un ‘indice di diversità’ e il sentiment dei membri del team, per determinare quali negozi Whole Foods si trovano a un rischio più elevato di sindacalizzazione “, afferma il rapporto.

La risposta di Amazon

La portavoce di Amazon ha affermato che la società “rispetta il diritto dei propri dipendenti di scegliere di aderire o meno a un sindacato”. “Amazon mantiene una politica della porta aperta che incoraggia i dipendenti a portare i loro commenti, domande e preoccupazioni direttamente al loro team di gestione per la discussione e la risoluzione”, ha affermato. Tuttavia, in altre giurisdizioni, in particolare negli Stati Uniti, Amazon è stata accusata di tattiche pesanti nel reprimere l’organizzazione del lavoro e di proteste per la retribuzione e le condizioni nei suoi magazzini.

 

il Salvagente

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.