news Dieta, 5 ragioni per non comprare gli integratori alimentari dimagranti

10 Settembre 2020by 0
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Settembre è il mese dell’amaro appuntamento con la bilancia. La dieta per molti incombe e i modi di farla fruttare sono diversi. Tra questi, secondo gli esperti consultati dal magazine francese 60 millions de consommateurs, non ci sono gli integratori alimentari dimagranti, prodotti molto in voga perché fanno promesse entusiasmanti: “Brucia fino a 400 kcal al giorno”, “senza sforzo”.

Nessuna formula miracolosa

Sfortunatamente, secondo il prof. Luc Cynober, farmacista e capo dipartimento dell’ospedale Cochin, a Parigi, e il dottor Jacques Fricker, nutrizionista, nel loro libro “Tutto sugli integratori alimentari”:  “Non esiste una formula magica per perdere peso”, “Nessun integratore alimentare ha finora dimostrato un significativo potere dimagrante”. Inoltre, i produttori non sono tenuti a dimostrare la loro efficacia attraverso prove sull’uomo, poiché questi prodotti sono considerati alimenti e non medicinali.

Le 5 ragioni per non comprarli

Ecco dunque i cinque buoni motivi di 60 millions de consommateurs per evitare di cedere alla tentazione di comprare un integratore dimagrante.

1. Collegamenti causa ed effetto non dimostrati

Gli studi cosiddetti “scientifici” citati sulle confezioni dei prodotti sono spesso discutibili: alcuni sono stati effettuati solo su animali o in vitro, altri hanno utilizzato un panel di tester così piccolo che non si è giunti a conclusioni rilevanti.  E anche quando la ricerca è stata condotta rigorosamente, la prova dell’esistenza di un effetto fisiologico non implica necessariamente la perdita di peso. Il collegamento tra le parole “brucia calorie”, “legante di grasso” e perdita di peso è intuitivo per il cervello del consumatore – che può innescare l’acquisto – ma non è affatto provato per il consumatore.

2. Brucia-calorie? Non molto efficace

In questo campo emergono quattro categorie principali, vendute da sole o sotto forma di programmi completi: prodotti drenanti, sensori di grasso, soppressori dell’appetito e brucia-calorie. In quest’ultimo gruppo troviamo ad esempio formulazioni a base di guaranà, mate e tè verde; melograno e wakame; nopal, curcumina e minerali come zinco e cromo. Tuttavia, “solo le catechine presenti nel tè verde hanno dimostrato la loro efficacia sul dispendio energetico”, avverte il dottor Jacques Fricker, “Non aspettarti un miracolo. Rispetto a un placebo, l’aumento del dispendio energetico è solo di una piccola percentuale “. Inoltre, se il corpo viene incoraggiato a bruciare più calorie, “può mettere in atto meccanismi di compensazione”, osserva il medico. Di conseguenza, sulla bilancia non appare nulla. Sul lato dei “raccoglitori di grasso”, troviamo il konjac e il chitosano, una sostanza dal guscio dei crostacei. In vitro e negli animali, questa molecola si lega molto chiaramente ai lipidi che la circondano e li trasporta nelle feci. Ma “questo effetto è quasi insignificante se paragonato alla quantità totale di grassi ingeriti quotidianamente da una persona”, osserva la Prof. Marie-Paule Vasson, specialista in nutrizione e professore emerito presso l’Università di Clermont-Auvergne.

3. I drenanti? Nessuna prova di effetti accertati

Gli integratori alimentari drenanti non trovano favore agli occhi degli operatori sanitari. Le loro accuse riguardano principalmente piante: estratti di finocchio, carciofo, olmaria … “Spesso si tratta di raccomandazioni molto vecchie, basate sulla farmacopea tradizionale”, afferma il dott. Fricker, “Gli antichi osservarono questo effetto e trasmisero questa conoscenza senza successiva dimostrazione scientifica. Tuttavia, finché non è pericoloso, se vuoi provare questi integratori drenanti e ti senti meglio con loro, puoi continuare, anche se non è stata stabilita alcuna prova dell’effetto. ”

4. Soppressori dell’appetito? Non bastano

Gli unici integratori alimentari che trovano favore agli occhi degli operatori sanitari sono i moderatori dell’appetito o i soppressori dell’appetito. In questa categoria si trovano formulazioni a base di konjac glucomannano; psillio; fucus e semi di carruba. “Ci sono prove di efficacia solo per due di queste sostanze: psyllium e konjac”, osserva il dott. Fricker, “Hanno mostrato una differenza significativa di appetito rispetto al placebo negli studi”. Lo psillio è una pianta erbacea di origine indiana. Sebbene possa aiutare la perdita di peso riducendo l’appetito, questa “non supera 1 o 2 kg in quattro settimane”, spiega il nutrizionista. Sarebbe altrettanto o anche più efficace consumare dieci pomodorini prima di ogni pasto ”. La Konjac è una fibra di una pianta asiatica. Nello stomaco, assorbe fino a cento volte il suo volume di acqua, e “si gonfia”. “Può frenare l’appetito e aiutare con una dieta ben gestita “, afferma Vasson, “Ma attenzione, l’effetto saziante non dura e richiede di ridurre effettivamente le dimensioni del pasto che segue, altrimenti lo stomaco potrebbe espandersi ulteriormente e causare maggiore fame nei mesi successivi”.

5. Rischi per la salute comprovati

Per Ghislain Grodard, presidente dell’Associazione francese dei dietisti e nutrizionisti (AFDN), “questi prodotti presentano rischi che non possono essere banalizzati”. Molti acquisti di integratori alimentari dimagranti sono auto-medicati, quindi senza alcun consiglio medico. Tuttavia, alcune sostanze hanno controindicazioni. I prodotti di drenaggio non dovrebbero essere presi in caso di insufficienza renale, per esempio. Konjac non è adatto a persone con disturbi della deglutizione e bambini, nei quali può causare gonfiore che può portare a soffocamento fatale. Inoltre, un sovradosaggio è possibile – ad esempio, se il consumatore prende contemporaneamente diversi integratori dimagranti contenenti p-sinefrina, lì guaranà, ingredienti che, dietro il loro nome appreso, nascondono … caffeina. “Per ottenere risultati duraturi, l’obiettivo di una dieta è indurre i consumatori a modificare il loro comportamento alimentare. In questa strategia l’integratore alimentare dimagrante non trova posto” conclude 60 millions de consommateurs.

il Salvagente

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.