news Pesticidi in Alto Adige, l’assessore pronto a ritirare la querela per diffamazione

17 Settembre 2020by 0
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Sul caso che a partire dall’Alto Adige ha sollevato un polverone tra gli ambientalisti in Italia e Germania, sembra arrivare una pietra di pacificazione: un comunicato stampa pubblicato sul sito della Provincia autonoma di Bolzano, ha annunciato che l’assessore provinciale Arnold Schuler, insieme ai frutticoltori dell’Alto Adige, è intenzionato a ritirato le accuse contro Karl Bär e Alexander Schiebel, denunciati per diffamazione solo per aver informato i cittadini sui rischi per la salute e l’ambiente dell’uso massiccio dei pesticidi che fa l’agricoltura intensiva nel territorio in questione.

Gli avvocati: “Soddisfatti della notizia”

L’avvocato Nicola Canestrini, che insieme a Francesca Cancellaro difende gli imputati, ha dichiarato, come riportato sul portale Villaggio Globale: “Siamo naturalmente molto soddisfatti della notizia, ancora da confermare: da quanto riportato sembra che l’assessore Schuler si sia trovato costretto a ritirare le querele senza condizioni. Domani, durante la prima udienza chiariremo se tutte le oltre 1600 accuse penali sono state effettivamente ritirate, e se del caso metteremo a verbale le nostre richieste per l’accettazione della remissione. Tuttavia, il processo sulla presunta violazione del marchio è ancora in corso e gli imputati proveranno con i fatti che critica e ironia non costituiscono reato. Per quanto riguarda presunte “trattative segrete” e pettegolezzi simili, chiunque sa o dovrebbe sapere che i contatti informali (peraltro riservati) hanno rilievo giuridico solo se c’è un accordo fra tutti i coinvolti: nel caso concreto, gli interlocutori non sono stati neppure in grado di esibire le procure speciali per tutti i querelanti”.

I commenti dei querelati

Karl Bär, referente per le politiche agricole e commerciali dell’Umweltinstitut: “Se questo scandaloso processo bavaglio troverà una conclusione rapida e positiva, potremmo festeggiare una piena vittoria per la libertà d’espressione in Europa. È probabile che la notizia della possibilità di far fallire una querela temeraria, in anticipo rispetto alla prima udienza, grazie alla pressione pubblica e a un controllo da parte della società civile si diffonda tra i potenziali querelanti e tra le potenziali vittime di tali cause. Se siamo riusciti a fare la nostra parte con un tale risultato, avremo ottenuto molto più che non la fine di un processo contro di noi”.  Per Alexander Schiebel, autore del libro-denuncia  “Il miracolo di Malles”, “La straordinaria ondata di solidarietà che da tutto il mondo si è abbattuta sull’Alto Adige/Südtirol può aver indotto l’assessore provinciale Schuler a ripensare radicalmente la sua posizione. Tuttavia non ci rallegreremo troppo presto, ancora non sappiamo se tutte le accuse sono state ritirate. Solo quando questo avverrà e quando tutti gli imputati saranno stati assolti potremo tirare un sospiro di sollievo. Fino ad allora, resteremo vigili”.

il Salvagente

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.