news Il latte di scarto europeo sta mettendo in ginocchio gli allevatori in Africa occidentale

18 Settembre 2020by 0
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Il latte europeo, ma una qualità di scarto, addizionata con grassi tra cui l’olio di palma, a causa di una pesante politica di dumping sui prezzi, sta mettendo in ginocchio il settore caseario dell’Africa occidentale. A raccontarlo una lunga inchiesta di Politico.eu. “Quando Hamidou Bandé cresceva nel Burkina Faso rurale alla fine degli anni ’70, l’idea di bere latte straniero era inaudita – scrive il portale – I bambini delle scuole inghiottivano i prodotti freschi dei pastori nomadi durante la pausa di metà mattina. Suo padre vendeva rapidamente il latte della mandria di famiglia alle creme locali. Oggi non una singola goccia del suo stock di oltre 300 mucche viene consumata localmente. I suoi animali vengono venduti per la carne ai paesi vicini e talvolta versa il suo latte sul terreno”.

L’impatto devastante

L’industria locale afferma che i produttori europei utilizzano i mercati dell’Africa occidentale per scaricare grosse quantità di un prodotto di qualità inferiore derivati ​​da componenti del latte vaccino che non sono in grado di vendere nell’UE. Questa sorta di latte economico è pieno di grassi vegetali tra cui l’olio di palma. Il suo basso costo e l’ubiquità rendono impossibile competere, affermano gli allevatori locali, portando a una spirale di declino economico. In un rapporto condotto nell’arco di sei mesi in Burkina Faso, Mali, Mauritania e Senegal, Politico ha studiato l’impatto devastante che hanno le importazioni del cosiddetto latte in polvere carico di grassi – il nome tecnico per il mix di costituenti del latte e olio vegetale – ha avuto sulle industrie lattiero-casearie di quei paesi e sugli effetti a catena sulle società.

L’olio di palma nella miscela

I produttori di latte dell’Africa occidentale vedono il prodotto ibrido come la forza trainante dietro i problemi del loro settore lattiero-caseario. Inoltre, funzionari governativi, proprietari di caseifici su piccola scala e allevatori in Africa occidentale sostengono che il prodotto surrogato è nutrizionalmente inferiore e dannoso per l’ambiente. L’olio di palma che contiene proviene tipicamente da piantagioni in Malesia e Indonesia, la causa principale della deforestazione e della perdita di specie. Le mucche africane sono anche meno produttive che in Europa, producendo solo 4 litri di latte al giorno durante la stagione delle piogge, rispetto ai 28 litri in Europa. Ma l’industria casearia locale è stata sottoposta a crescenti pressioni da quando il Burkina Faso ei suoi vicini hanno aperto i loro mercati all’Europa in virtù di una serie di accordi commerciali che risalgono a quasi due decenni fa.

La scappatoia del latte modificato

“Sebbene i paesi utilizzino tariffe elevate per proteggere prodotti come latte fresco e formaggio – scrive Politico – a causa dei vasti sussidi ricevuti dagli agricoltori europei attraverso la politica agricola comune dell’UE, non l’hanno fatto per il latte in polvere e il latte concentrato. Questi beneficiano di una tariffa ridotta del 5% perché sono considerati dai governi della regione come una necessità per le persone e i bambini svantaggiati”. I produttori locali affermano che ha creato una porta di servizio che consente al latte di imitazione più economico di entrare nel mercato.

Come si produce il latte con gli scarti europei

Pioniera dai conglomerati lattiero-caseari irlandesi come Ornua e Lakeland all’inizio del millennio, la polvere ricca di grassi è stata la risposta per i produttori di burro alla ricerca di un mercato per il siero di latte ricco di proteine ​​che rimane dopo aver estratto il grasso dal latte per il loro prodotto primario. Per evitare il costoso processo di scartare migliaia di tonnellate di siero di latte, le aziende hanno scoperto di poter riprodurre una sostanza simile al latte aggiungendo olio di palma e altri derivati ​​vegetali come l’olio di colza. L’Europa vende il prodotto anche ai paesi del Medio Oriente e dell’Asia. Secondo Sommanogo Koutou, ministro delle risorse animali del Burkina Faso, è “un paradosso che viviamo in un paese di allevatori di bestiame e non c’è molta produzione di latte”.

I tentativi di invertire la rotta

Molti paesi dell’Africa occidentale, compresa la più grande economia del continente, la Nigeria, hanno già preso provvedimenti per frenare la crescente ondata di importazioni di latte e implementato politiche per sostenere gli agricoltori e proteggere la produzione locale di latte. Ma i produttori di latte dicono che la concorrenza è così intensa che è troppo poco e troppo tardi. “Se continua così falliremo”, ha detto Nour Al Ayatt Ouédraogo, un produttore di latte che possiede una fattoria a 15 chilometri a sud della capitale del Burkina Faso, Ouagadougou. “Non vedo perché i giovani dovrebbero bere latte che è stato sostituito con olio di palma”.

 

il Salvagente

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.