news Origine obbligatoria per salumi e insaccati: cosa cambia in etichetta

18 Settembre 2020by 0
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Niente più mortadelle e salami “muti”, probabilmente la fine delle cosce di prosciutto “nazionali” di cui era più che lecito sospettare l’arrivo – magari surgelate – da paesi del nord Europa. È il risultato del decreto sull’indicazione di origine delle carni suine, appena entrato in vigore con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Esaurite le scorte delle vecchie produzioni (nel caso dei prodotti confezionati), dovremo trovare indicate in maniera leggibile e sul fronte principale delle etichette le seguenti informazioni:
Paese di nascita: (nome del paese di nascita degli animali);
Paese di allevamento: (nome del paese di allevamento degli animali);
Paese di macellazione: (nome del paese in cui sono stati macellati gli animali).

E questo varrà per le preparazioni di carni suine e prodotti a base di carne suina (dunque salumi e insaccati) così come per le carni separate meccanicamente (così comuni in polpette, nuggetts e cotolette panate).

Cosa troviamo in etichetta

  • Quando la carne proviene da suini nati, allevati e macellati nello stesso paese, l’indicazione dell’origine può apparire nella forma: “Origine: (nome del paese)”.
  • La dicitura “100% italiano” è riservata ai prodotti in cui la carne è proveniente da suini nati, allevati, macellati e trasformati in Italia.
  • Quando la carne proviene da suini nati, allevati e macellati in uno o più Stati membri dell’Unione europea o extra europea, l’indicazione dell’origine può apparire nella forma: “Origine: Ue“, “Origine: extra Ue“, “Origine: Ue e extra Ue“.

Il decreto italiano ha ricevuto il via libera con il silenzio assenso della Commissione europea e rimarrà in vigore fino al 31 dicembre 2021.

Dove l’origine è già obbligatoria

Il decreto appena entrato in vigore si aggiunge alle norme che obbligano i produttori a dichiarare l’origine delle materie prime che usano. A oggi queste sono già presenti sulle confezioni di:

  • Carne di pollo
  • Carne ovino-caprina
  • Carne suina
  • Carne bovina
  • Frutta e verdura fresche
  • Uova
  • Miele
  • Olio extravergine di oliva
  • Pesce
  • Latte fresco
  • Passata di pomodoro
  • Alimenti e bevande biologiche
  • Alimenti e bevande a denominazione (Dop)

Obbligatoria fino a dicembre 2021

Così come previsto per le carni suine, poi, ci sono altri alimenti per cui il nostro ordinamento prevede misure sperimentali che dovrebbero scadere il 31 dicembre 2021. Si tratta di:

  • Derivati del pomodoro e sughi pronti
  • Latte Uht, burro e formaggi
  • Pasta
  • Riso

 

il Salvagente

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.