news Usa, gli algoritmi medici usano un “aggiustamento di razza”

18 Settembre 2020by 0
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Per quanto possa sembrare incredibile, esistono degli algoritmi medici che elaborano i dati in maniera diversa, a causa di coefficienti di “razza”. A raccontarlo è il portale Usa Consumer Reports, che è partito da una storia avvenuta a San Francisco, dove un uomo afroamericano non è stato inserito nella lista d’attesa del trapianto di reni perché il calcolatore basato sul filtraggio del sangue lo ha retrocesso di 4 posizioni a causa del suo colore della pelle.

Il caso legato ai reni

I test sulla velocità di filtrazione glomerulare (Gfr) misurano una sostanza chiamata creatinina con un esame del sangue, quindi eseguono semplici calcoli che tengono conto del sesso e dell’età del paziente. “Considerano anche la razza del paziente” scrive Cr, che aggiunge “il laboratorio che gestisce l’esame del sangue prenderà il suo punteggio GFR iniziale e lo moltiplicherà per un coefficiente di adattamento della razza per i pazienti neri, o istruirà i medici a fare i conti”. Non c’erano altre categorie razziali.

L’aggiustamento della “razza”

L’uso di due numeri diversi, uno per i pazienti neri e l’altro per tutti gli altri, risale a uno studio del 1999 sulla funzione renale. Simili aggiustamenti etnici (chiamati anche “correzioni di razza”) emergono in tutti i tipi di algoritmi clinici in medicina. Alcuni algoritmi aiutano i medici a decifrare i risultati dei test come quello di Eli. Altri combinano informazioni mediche e demografiche per consigliare un test diagnostico specifico o produrre un punteggio di rischio che aiuta a determinare se un paziente è un buon candidato per un particolare trattamento. Algoritmi come questi a volte si adattano all’età, al sesso e ad altri fattori che possono aiutare a tenere conto di ampie differenze fisiologiche tra i pazienti. Ma gli aggiustamenti etnici sono più controversi.

Cosa ha scoperto il New England journal of medicine

Situazioni simili possono affrontare le persone di colore affrontando una vasta gamma di problemi medici. Un articolo pubblicato online nel New England Journal of Medicine a giugno ha esaminato gli “aggiustamenti della razza” in 13 algoritmi clinici utilizzati in diverse specialità: cardiologia, pneumologia, nefrologia (medicina renale) e molti altri. Algoritmi come questi si basano su studi che riportano differenze in misure come la funzione degli organi o le risposte ai trattamenti tra i neri e altri. I critici affermano che questi studi tendono ad essere inaffidabili perché presumono che i corpi neri siano fondamentalmente diversi dagli altri, una premessa non supportata dalla scienza. Le differenze riscontrate dagli studi potrebbero essere illusorie o causate da fattori diversi dall’etnia. I sostenitori degli algoritmi affermano che mentre gli aggiustamenti etnici sono approssimazioni, possono comunque indirizzare i medici verso cure mediche più efficaci per i loro pazienti neri.

Le conseguenze pratiche

“Il documento del NEJM non ha quantificato in che modo le correzioni razziali influenzano i risultati sulla salute, ma ha sollevato domande preoccupanti – scrive Cr – Nella maggior parte dei casi, gli aggiustamenti della razza suggerivano che i pazienti neri avevano meno probabilità di soffrire di gravi condizioni mediche rispetto ai pazienti non neri altrimenti identici. Ciò potrebbe renderli meno propensi a essere indirizzati a specialisti e a ricevere cure aggressive, secondo gli autori”. Al contrario, alcuni aggiustamenti fanno sembrare procedure specifiche più rischiose per i pazienti neri, creando una serie diversa di preoccupazioni.

In ostetricia

Ciò può accadere in ostetricia. Se una donna incinta ha subito un taglio cesareo in passato, il suo medico può utilizzare un punteggio di rischio per decidere quale tipo di parto consigliare. Il calcolatore del rischio “parto vaginale dopo cesareo” fa sembrare un parto vaginale più pericoloso per i pazienti neri e ispanici che per gli altri, afferma il documento del NEJM. Ciò potrebbe portare una donna incinta a farsi guidare verso un taglio cesareo, che generalmente comporta più rischi. Le donne nere hanno maggiori probabilità di sottoporsi a sezioni C rispetto ai membri di qualsiasi altro gruppo razziale (PDF) negli Stati Uniti.

…e al pronto soccorso

Anche la razza conta al pronto soccorso. Se un paziente si lamenta del dolore addominale, una formula rapida può aiutare il personale medico a decidere se eseguire test per rilevare i calcoli renali. Se sono neri, il calcolo suggerisce che hanno meno probabilità di avere calcoli renali, riducendo le probabilità che vengano sottoposti a test.

Qualcosa sta cambiando

L’università di Washington, in seguito alle proteste di un gruppo d studenti ha iniziato a studiare cosa significherebbe eliminare del tutto la variabile della razza. Un’analisi interna dei precedenti pazienti dell’UW Medical Center ha scoperto che sbarazzarsi degli aggiustamenti della razza non aumenterebbe in modo significativo il numero di pazienti neri classificati come affetti da malattia renale cronica. Il 1 ° giugno 2020, l’università ha smesso di includere un aggiustamento della gara nei risultati dei test. Alla fine di agosto, la National Kidney Foundation e l’American Society of Nephrology hanno annunciato un gruppo di lavoro che discuterà l’uso della razza nei calcolatori Gfr.

 

il Salvagente

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.