news Chi ha carenza di vitamina D si ammala di più di Covid, la ricerca

22 Settembre 2020by 0
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Un nuovo studio Usa conferma l’associazione tra la carenza di vitamina D e il rischio di contrarre il Covid-19. A fornire i nuovi dati, pubblicati su PLoS ONE, sono Quest Diagnostics e la Boston University che indicano che le persone con carenza di vitamina solare possono avere un tasso di positività più alto del 54%. Per il nuovo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati di 191.779 pazienti di tutti i 50 stati Usa. I test per il coronavirus sono stati eseguiti tra metà marzo e metà giugno 2020.

Le quantità da assumere

Come riporta FoodNavigator, nello specifico i dati  hanno indicato che, rispetto alle persone con livelli sufficienti di vitamina D (livello nel sangue di 25-idrossivitamina D di almeno 30 ng / mL), le persone con una carenza di vitamina D (livello nel sangue di 25-idrossivitamina D inferiore a 20 ng / mL) hanno un tasso di positività SARS-CoV-2 superiore del 54%. Il nuovo studio si aggiunge all’ondata di pubblicazioni scientifiche che suggeriscono che l’integrazione di vitamina D3 potrebbe essere un approccio potenzialmente promettente e sicuro per ridurre il rischio di infezioni e decessi da Covid-19. Meta-analisi di studi clinici randomizzati (RCT) hanno dimostrato che l’integrazione di vitamina D3 riduce il rischio di infezioni acute del tratto respiratorio. “I nostri risultati forniscono ulteriori motivazioni per esplorare il ruolo dell’aggiunta di vitamina D nel ridurre il rischio di infezione da SARS-CoV-2 e malattia COVID-19”, hanno scritto i ricercatori, guidati da Harvey Kaufman, MD, di Quest Diagnostics e Michael Holick , PhD, MD, professore di Medicina, Fisiologia e Biofisica e Medicina Molecolare presso il Boston University Medical Campus. Gli autori raccomandano un’integrazione responsabile di vitamina D “in base alle esigenze personali, ai fattori di rischio e ai consigli dei medici personali in conformità con le linee guida della società endocrina esistenti”.

In che cibo si trova

Sebbene il nostro corpo produca vitamina D se esposto al sole, il livello di radiazione solare in alcuni paesi del nord è così debole durante i mesi invernali che il nostro corpo non produce affatto vitamina D, il che significa che gli integratori alimentari e gli alimenti fortificati sono visti da molti come il modo migliore per aumentare l’assunzione di vitamina D. Ma va detto che ci sono diversi cibi che contengono vitamina D in abbondanza, eccoli:  alcuni pesci, come tonno, salmone, aringa e sgombro, burro, uova, fegato, e alcuni tipi di formaggi grassi, funghi, cacao e cioccolato.

 

il Salvagente

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.