news Il lato oscuro degli allevamenti suini cinesi tra biotech e intelligenza artificiale

11 Ottobre 2020by 0
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Più simili a fabbriche di smartphone che ad allevamenti. Questa la conclusione di Xiaowei Wang, giornalista del Guardian che firma un lungo reportage dalla Cina, sugli stabilimenti ipertecnologici che pongono più di una questione etica. Due terzi della produzione di carne suina in Cina è svolta da grandi società. “Un allevamento di suini industriale è più simile a una fabbrica di smartphone che a un bucolico rifugio di campagna – scrive il Guardian – Ogni mandria viene controllata attentamente per rilevare eventuali segni di malattia o malattia. I maiali hanno una costituzione fragile. Un allevatore di suini mi ha detto che i maiali possono essere stressati e ammalati solo per un piccolo cambiamento nel loro approvvigionamento idrico. Quando è necessario l’intervento umano, le persone entrano indossando tute ignifughe disinfettate e maschere per il viso, assomigliando meno a un contadino tradizionale e più come un operaio all’interno di una fabbrica di chip di silicio”. La ricerca di carne di maiale a buon mercato è ciò che ha portato all’epidemia di peste suina africana, che ha decimato la produzione cinese di carne.

Corporations in azione

Aziende come la Pig Improvement Corporation sfruttano la genetica computazionale e la biotecnologia all’avanguardia per progettare suini specificamente per l’allevamento industriale. La maggiore automazione agricola ha portato i suini a diventare fisicamente standardizzati, proprio come la frutta e verdura. Oggi va di moda il popolare ibrido DLY, un incrocio tra le razze Duroc, Landrace e Yorkshire. Persino gli attributi indesiderati di questi maiali vengono lentamente eliminati, ad esempio tratti fisici come la coda, che sono un fastidio nel trasporto perché in condizioni di affollamento i suinetti stressati si mordono la coda a vicenda. In combinazione con controllo genetico, alimentazione automatica e sistemi di erogazione dell’acqua e tempi di esercizio rigorosi, i maiali vengono allevati a una taglia precisa.

Anche Alibaba investe nel settore

Anche il gigante dell’e-commerce Alibaba investe nel settore. Il suo nuovo enorme prodotto, ET Agricultural Brain, mira a utilizzare l’intelligenza artificiale per trasformare l’agricoltura e contribuire a promuovere “il miracolo del maiale in Cina”. Il Guardian ha visitato Alibaba Cloud, il braccio del cloud computing dell’azienda, per saperne di più sul suo piano di utilizzare l’intelligenza artificiale per aiutare ad allevare maiali in collaborazione con il gruppo Tequ con sede nel Sichuan, una ramificata azienda alimentare che si concentra sull’agricoltura industriale.

Il ruolo dell’intelligenza artificiale

“In questi allevamenti su larga scala – scrive il Guardian – i maiali sono timbrati con un marchio di identità univoco sul corpo, simile a un codice QR. Questi dati vengono inseriti in un modello realizzato da Alibaba, che può monitorare i maiali in tempo reale, utilizzando sensori video, di temperatura e di suono. È attraverso questi canali che il modello rileva eventuali segni improvvisi di febbre o malattia o se i maiali si schiacciano a vicenda nei loro recinti”. gli umani sono ancora necessari. Per ET Agricultural Brain, una grande quantità di lavoro è impiegata nella realizzazione dei modelli: non solo dagli ingegneri di Alibaba, ma anche nella creazione dei dati di formazione – gli agricoltori esaminano i filmati ed etichettano i maiali nelle immagini come malati o sani, e così via . In una città, Guiyang nella provincia di Guizhou, ci sono aree designate come “città digitali”, dove i giovani migranti rurali sono impiegati per generare dati di formazione per l’AI, cliccando su immagini, taggando animali e altri oggetti. Nonostante le storie sull’intelligenza artificiale che sostituisce gli umani, “l’AI ha ancora un disperato bisogno di noi”.

Il circolo vizioso

Ma il Guardian evidenzia il circolo vizioso attivato da questo sistema:”La domanda di carne suina guida l’allevamento industrializzato di suini, che aumenta la trasmissione delle malattie. La costante comparsa di malattie guida l’implementazione di nuove tecnologie come l’allevamento di suini con intelligenza artificiale. Queste tecnologie continuano a rendere la carne di maiale a buon mercato, aumentando la disponibilità e la domanda, poiché le persone iniziano a credere che la carne di maiale sia una parte necessaria della loro dieta. E così il ciclo continua. Man mano che l’Ai risolve alcuni problemi, ne emergono altri”.

Il reportage del Salvagente

Al sistema cinese di produzione di carne suina, anche il Salvagente ha dedicato un lungo reportage sul numero di settembre, firmato da Francesco De Augustinis, che ha visitato l’impianto più grande al mondo sul monte Yaji, nella regione del Guangxi Zhuang. Blocchi di cemento, alti fino a sette piani, in ognuno dei quali sono tenuti quasi 1.300 maiali. La nuova frontiera del superintensivo che fa davvero impressione.

 

il Salvagente

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.