news Il rapporto: i 4 big della carne hanno esposto i dipendenti al rischio Covid

21 Ottobre 2020by 0
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Alcune tra le catene di carne più grandi a livello internazionale, tra cui WH Group, Tyson, JBS e Hormel sono accusate da di aver esposto i propri lavoratori ad abusi sul lavoro durante la pandemia Covid-19. A riportare la notizia è FoodNavigator che ha chiesto alle quattro maggiori aziende di carne del mondo un commento. Secondo il rapporto, pubblicato da KnowTheChain – campagna condotta da Humanity United, Business & Human Rights Resource Center, Sustainalytics e Verité – le quattro più grandi aziende di carne del mondo “non riescono a intraprendere azioni di base” per proteggere i lavoratori. Nello specifico, KnowTheChain ha classificato le 43 major di alimenti e bevande rispetto agli standard fondamentali dell’Organizzazione internazionale del lavoro, esaminando le loro politiche e procedure per affrontare il lavoro forzato della catena di approvvigionamento. Le aziende sono state valutate su 100 rispetto a 21 indicatori su sette temi. Questi riguardavano aree come la misura in cui le pratiche di acquisto delle imprese incentivavano le buone pratiche di lavoro tra i fornitori e i loro tentativi di garantire che i lavoratori della catena di fornitura non fossero sfruttati nel processo di reclutamento. Secondo KnowTheChain, le “quattro grandi aziende di carne” si sono comportate particolarmente male, “con l’approccio di JBS e Tyson che è peggiorato negli ultimi anni”.

Le valutazioni

Mentre il punteggio medio complessivo era di 28/100, JBS e Hormel hanno entrambi ottenuto un punteggio di 12/100. Tyson ha segnato 9/100 e WH Group ha segnato solo 1/100. La relazione afferma che nessuno dei “quattro grandi” trasformatori di carne ha rivelato alcuna procedura per valutare i nuovi fornitori per i rischi del lavoro forzato prima di stipulare contratti con loro; nessuno ha segnalato un processo per rispondere alle accuse di lavoro forzato rivolte ai propri fornitori; e nessuno ha riferito di supportare i fornitori attraverso le sue pratiche di acquisto, ad esempio effettuando pagamenti rapidi, migliorando le previsioni o considerando i costi del lavoro quando si concordano le pratiche. Inoltre, KnowTheChain ha affermato che tutte e quattro le società non sono riuscite a divulgare informazioni su chi in azienda fosse responsabile dell’attuazione delle politiche del lavoro della catena di approvvigionamento e nessuna ha riferito di impegnarsi con i sindacati dei lavoratori della catena di approvvigionamento o di fare alcuno sforzo per sostenere la libertà di associazione nelle loro catene di approvvigionamento .

Tesco la migliore, seguita da Unilever

Tesco ha ottenuto il punteggio più alto nella classifica (65/100), seguita da Unilever (60/100), che secondo KnowTheChain ha accelerato i pagamenti ai piccoli fornitori durante la pandemia e si impegna regolarmente con i sindacati dei lavoratori della catena di fornitura.

La risposta dei big

FoodNavigator ha contattato Hormel Foods, JBS, Tyson e WH Group per chiedere le loro opinioni sul rapporto. Le risposte sono state ricevute da Hormel, JBS e Tyson. JBS ha sottolineato che mira a collaborare solo con fornitori che condividono i suoi valori e la missione “per ottenere un approvvigionamento alimentare più sostenibile”. “Nel 2016, abbiamo stabilito un obiettivo della catena di fornitura 2020 che richiede che tutti i nostri fornitori rispettino il nostro Codice di condotta per i fornitori”, ha dichiarato a questa pubblicazione Cameron Bruett, responsabile degli affari aziendali di JBS USA. Hormel, in risposta al rapporto di KnowTheChain, ha suggerito che fare più delle sue politiche pubbliche interne in futuro potrebbe produrre risultati diversi. “Garantire i diritti umani all’interno della nostra intera catena di fornitura è estremamente importante per noi e ci impegniamo a portare avanti continuamente i nostri sforzi”, “Poiché i rapporti di benchmark sono spesso basati solo su informazioni disponibili pubblicamente, ci impegniamo a condividere più informazioni sulle nostre politiche e sui nostri sforzi in questo settore in futuro e siamo fiduciosi che miglioreranno la nostra valutazione”. Il trasformatore di carne Tyson ha dichiarato a FoodNavigator che la salute e la sicurezza dei suoi lavoratori sono la sua “massima priorità”. “Abbiamo implementato una serie di misure protettive presso le nostre strutture che soddisfano o superano le linee guida CDC e OSHA per prevenire COVID-19”. Secondo FoodNavigator, in effetti, l’azienda ha adottato misure di vasta portata progettate per proteggere le proprie strutture da potenziali focolai. Tyson ha “trasformato” i suoi siti con “misure di protezione”, conduce uno “screening sulla salute del benessere” per tutti i membri del team ogni volta che si presentano al lavoro e ha acquistato più di 15 scanner termici a infrarossi per aiutare a rilevare i segni di malattia.

 

il Salvagente

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.