news Uffici, bar e aule, ecco perché non basta tenere sempre la mascherina

26 Ottobre 2020by 0
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Che i luoghi al chiuso sia più pericolosi degli spazi aperti per il rischio contagio da Covid è cosa ormai nota ai più. Ma la lungo e approfondito servizio del quotidiano spagnolo El Pais, basato su studi scientifici, rivela come anche dentro un ufficio, un bar o un’aula di scuola, mascherina e distanziamento non bastano per evitare il contagio. Vediamo i consigli situazione per situazione, con le probabilità di contagio in questi tre scenari quotidiani a seconda della ventilazione, delle maschere e della durata dell’incontro.
L’aerosol sono minuscole particelle contagiose esalate da un paziente e sospese nell’aria in ambienti chiusi. Il diametro è inferiore a 100 micron e possono rimanere sospese nell’aria per ore. Per ogni gocciolina rilasciamo circa 1.200 aerosol, e le autorità sanitarie le riconoscono tre modalità di contagio del covid.Senza ventilazione, rimangono sospese e si condensano nella stanza col passare del tempo.

La pericolosità degli aerosol

“All’inizio della pandemia, si aveva l’impressione che il principale veicolo di contagio fossero quelle grosse goccioline che espelliamo quando si tossisce o si starnutisce. Tuttavia, ora sappiamo che urlare o cantare a lungo in uno spazio chiuso e scarsamente ventilato genera anche un alto rischio di contagio” scrive El Pais, “Questo accade perché quando parliamo con la punta dei polmoni vengono lanciate 50 volte più particelle cariche di virus rispetto a quando siamo in silenzio. Questi aerosol, se non diluiti con ventilazione, si concentrano nel tempo aumentando il rischio di contagio”. Gli scienziati hanno dimostrato che queste particelle, che rilasciamo anche quando respiriamo o con maschere mal adattate, possono essere contagiose entro cinque metri da una persona e per molti minuti, a seconda delle condizioni. Quando parliamo emettiamo circa 10 volte più particelle respiratorie che in silenzio. Quando gridiamo ne emettiamo circa 50 volte in più. Nella peggiore delle ipotesi (gridando o cantando per un’ora in uno spazio chiuso) una persona con covid rilascerebbe 1.500 dosi infettive. Secondo il CDC (centro Usa per la prevenzione e il controllo delle malattie) “in determinate condizioni, le persone con covid-19 potrebbero aver infettato altri che si trovavano a più di due metri di distanza. Queste trasmissioni sono avvenute all’interno di spazi chiusi con ventilazione inadeguata. A volte la persona infetta respirava pesantemente, ad esempio quando cantava o si allenava”.

Uffici e case

Sei persone si riuniscono in una sala, una delle quali infetta. Il 31% dei focolai conosciuti in Spagna si verifica in questo tipo di incontro sociale, soprattutto negli incontri con la famiglia e gli amici. Indipendentemente dalla distanza, se quattro ore passassero senza maschere o ventilazione e parlando ad alta voce, le altre cinque persone sarebbero state infettate (secondo il modello scientifico spiegato nella metodologia). In caso di utilizzo di maschere, tale rischio sarebbe ridotto a quattro infezioni. Le maschere da sole non prevengono le infezioni se l’esposizione è molto lunga. Il rischio di infezione si riduce al di sotto di una persona infetta quando il gruppo utilizza le maschere, riduce della metà la durata dell’incontro e inoltre arieggia.

Bar e ristoranti

Le epidemie in eventi, luoghi e stabilimenti come bar e ristoranti rappresentano una parte importante del contagio sociale. “Sono soprattutto le più esplosive” spiega El Pais “ogni focolaio in una discoteca rappresenta in media 27 contagiati, contro i soli 6 contagi nelle riunioni di famiglia, come quella mostrata all’inizio. Come esempio di quello che può essere uno di questi super contagi, abbiamo quello che è successo in una discoteca di Cordoba, con 73 infetti dopo una serata fuori. O il contagio di 12 clienti in un bar in Vietnam, recentemente analizzato da scienziati: in questo bar ci sono 15 persone che consumano e tre dipendenti. Le porte sono chiuse e non c’è ventilazione meccanica. Nel peggiore dei casi, senza intraprendere alcuna azione, dopo quattro ore vengono infettati 14 client. Se indossano permanentemente le maschere, la probabilità scende a 8 infezioni. Ventilando i locali, cosa che si può fare con una buona attrezzatura di condizionamento, e se il tempo trascorso al bar si accorcia, la probabilità di contagio precipita a una sola persona.

Scuola

I centri educativi rappresentano solo il 6% dei focolai raccolti dalla sanità, in Spagna. Le dinamiche di contagio da aerosol in classe sono molto diverse se il paziente zero è uno studente o un insegnante. Gli insegnanti parlano molto più a lungo, alzando la voce per essere ascoltati, il che moltiplica l’espulsione di particelle potenzialmente contagiose. In confronto, un scolaro malato parla molto sporadicamente. Il governo spagnolo ha già raccomandato, con una guida del Csic, che le aule siano arieggiate anche a costo di causare disagio da freddo o che vengano utilizzate apparecchiature di ventilazione. La situazione più pericolosa si verificava in un’aula non ventilata in cui la persona infetta era l’insegnante (paziente 0). Se passassero due ore in classe con un insegnante malato, senza prendere alcuna misura contro gli aerosol, la probabilità di contagio raggiungerebbe fino a 12 studenti. Se tutti indossassero una maschera, solo 5 potrebbero averla. Nei focolai reali, è stato osservato che la distribuzione dei contagi è casuale, poiché gli aerosol si accumulano e si distribuiscono in tutta la stanza senza ventilazione. Se durante la lezione viene anche ventilato (naturalmente o meccanicamente) e si ferma dopo un’ora per rinnovare completamente l’aria, il rischio si attenua.

Il simulatore usato

“Per calcolare le probabilità di contagio delle persone presenti in situazioni di rischio, abbiamo utilizzato un simulatore sviluppato da un gruppo di scienziati, guidato dal Professor José Luis Jiménez (Università del Colorado), realizzato con l’intento di mostrare l’importanza dei fattori che ostacolano la diffusione degli aerosol” spiega El Pais. I soggetti mantengono una distanza di sicurezza nelle simulazioni, eliminando il rischio di contagio da goccioline, ma possono comunque essere infettati se non agiscono aggiungendo tutte le misure contemporaneamente: ventilare correttamente, accorciare gli incontri, ridurre la capacità e indossare maschere. In tutti i contesti, lo scenario ideale sarebbe all’aperto, dove le particelle infettive si diluiscono rapidamente. Se non si mantiene la distanza con l’eventuale zero paziente, la probabilità di contagio si moltiplica perché entrano in gioco le goccioline espulse e perché la ventilazione non sarebbe sufficiente a diluire gli aerosol se le due persone sono molto vicine.

 

il Salvagente

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.