news Onu: le auto usate di Europa, Usa e Giappone inquinano i paesi in via di sviluppo

28 Ottobre 2020by 0
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Secondo un nuovo rapporto dell’Onu, milioni di auto, furgoni e minibus usati esportati dall’Europa, dagli Stati Uniti e dal Giappone verso i paesi in via di sviluppo, di scarsa qualità, contribuiscono in modo significativo all’inquinamento atmosferico, ostacolando gli sforzi per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici. Il rapporto del programma ambientale dell’Onu (Unep), mostra che tra il 2015 e il 2018, 14 milioni di veicoli leggeri usati sono stati esportati in tutto il mondo. Circa l’80% è andato a paesi a basso e medio reddito, con più della metà in Africa.

Le responsabilità del settore dei trasporti

A livello globale, il settore dei trasporti è responsabile di quasi un quarto delle emissioni globali di gas serra legate all’energia. In particolare, le emissioni dei veicoli sono una fonte significativa di particolato fine (Pm2,5) e ossidi di azoto (Nox) che sono le principali cause di inquinamento atmosferico urbano. “La qualità delle emissioni della flotta globale di veicoli è una priorità per raggiungere gli obiettivi globali e locali sulla qualità dell’aria e sul clima”, ha affermato Inger Andersen, Direttore esecutivo dell’UNEP. “Nel corso degli anni, i paesi sviluppati hanno esportato sempre più i loro veicoli usati nei paesi in via di sviluppo; poiché questo accade in gran parte  in modo non regolamentato, è diventata esportazione di veicoli inquinanti”.

La mancanza di norme efficaci

“La mancanza di norme e normative efficaci sta portando allo scarico di veicoli vecchi, inquinanti e non sicuri”, ha aggiunto. “I paesi sviluppati devono smettere di esportare veicoli che non superano le ispezioni ambientali e di sicurezza e non sono più considerati idonei alla circolazione nei loro paesi, mentre i paesi importatori dovrebbero introdurre standard di qualità più rigorosi”.

I numeri e l’esempio del Marocco

Il rapporto, basato su un’analisi approfondita di 146 paesi, ha rilevato che circa due terzi di loro hanno politiche “deboli” o “molto deboli” per regolamentare l’importazione di veicoli usati. Tuttavia, mostra anche che, laddove i paesi hanno implementato misure per disciplinare l’importazione di veicoli usati – in particolare gli standard di età ed emissioni – questi danno loro l’accesso a veicoli usati di alta qualità, comprese le auto ibride ed elettriche, a prezzi accessibili. Ad esempio, il Marocco consente solo l’importazione di veicoli con meno di cinque anni e di quelli che soddisfano la norma europea sulle emissioni dei veicoli Euro 4; di conseguenza, riceve dall’Europa solo veicoli usati relativamente avanzati e puliti.

Da dove partono e dove finiscono le auto

Il rapporto ha rilevato che i paesi africani hanno importato il maggior numero di veicoli usati (40%) nel periodo studiato, seguiti dai paesi dell’Europa orientale (24%), dell’Asia-Pacifico (15%), del Medio Oriente (12%). cento) e l’America Latina (nove per cento). Attraverso i suoi porti, i Paesi Bassi sono uno degli esportatori di veicoli usati dall’Europa. Una recente revisione condotta dai Paesi Bassi sulle sue esportazioni ha rilevato che la maggior parte di questi veicoli non disponeva di un certificato di controllo tecnico valido al momento dell’esportazione. La maggior parte dei veicoli aveva un’età compresa tra i 16 ei 20 anni e la maggior parte è scesa al di sotto degli standard sulle emissioni dei veicoli dell’Unione Europea Euro 4. Ad esempio, l’età media dei veicoli usati esportati in Gambia era vicina ai 19 anni, mentre un quarto dei veicoli usati esportati in Nigeria aveva quasi 20 anni.

Fanno anche aumentare gli incidenti stradali

I veicoli usati di scarsa qualità portano anche a più incidenti stradali. Secondo il rapporto, molti dei paesi con regolamenti sui veicoli usati “molto deboli” o “deboli”, tra cui Malawi, Nigeria, Zimbabwe e Burundi, hanno anche tassi di mortalità per incidenti stradali molto elevati. I paesi che hanno introdotto regolamenti sui veicoli usati vedono anche flotte più sicure e meno incidenti.

L’iniziativa dell’Unep e degli stati africani

L’Unep, con il sostegno del Fondo fiduciario delle Nazioni Unite per la sicurezza stradale e altri, fa parte di una nuova iniziativa a sostegno dell’introduzione di standard minimi per i veicoli usati. Il primo focus dell’iniziativa saranno i paesi del continente africano; un certo numero di paesi africani ha già messo in atto standard minimi di qualità – tra cui Marocco, Algeria, Costa d’Avorio, Ghana e Mauritius – e molti altri hanno mostrato interesse ad aderire all’iniziativa. Kwabena Frimpong-Boateng, Ministro per l’ambiente, la scienza, la tecnologia e Innovazione del Ghana spiega: “L’impatto dei vecchi veicoli inquinanti è evidente. I dati sulla qualità dell’aria ad Accra confermano che i trasporti sono la principale fonte di inquinamento atmosferico nelle nostre città. Questo è il motivo per cui il Ghana sta dando la priorità a carburanti più puliti e standard per i veicoli, nonché opportunità di autobus elettrici”. Il mese scorso, la Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale ha stabilito carburanti più puliti e standard per i veicoli a partire dal gennaio 2021.

il Salvagente

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.