newsDeforestazione, non solo allevamenti: il pesantissima ruolo delle miniere

19 Novembre 2020by 0

I mega-progetti infrastrutturali rischiano di spingere le grandi foreste di Asia, Africa e Sud America oltre un “pericoloso punto di svolta” e di rendere irrealizzabili gli obiettivi climatici. A dirlo è un rapporto pubblicato da 25 organizzazione di ricerca e conservazione ambientale chiamato “Dichiarazione di New York sui partner per la valutazione delle foresta“. Lo racconta il quotidiano inglese The Guardian, secondo cui “Decine di migliaia di miglia di strade e ferrovie sono progettate insieme a miniere e dighe, aprendo alla distruzione le foreste del Sud America, dell’Asia sudorientale e dell’Africa centrale” Oggi, infatti, quasi la metà di tutte le grandi miniere – più di 1.500 – si trova nelle foreste. Nel 2014, 50 paesi e 50 delle più grandi aziende del mondo hanno sostenuto la dichiarazione, impegnandosi a ridurre la deforestazione del 50% entro il 2020 e porre fine alla distruzione delle foreste entro il 2030. “Ma l’obiettivo del 2020 è stato mancato e la deforestazione è in aumento” scrive il Guardian riassumendo l’accusa principale del rapporto, che ha rilevato come molti paesi e aziende hanno introdotto regolamenti e piani, ma l’attuazione è rimasta scarsa. Solo il 10% delle 225 aziende che estraggono nelle foreste ha risposto alla richiesta degli autori del rapporto di informazioni sui loro impegni in materia di biodiversità.

Il ruolo centrale delle miniere

Franziska Haupt, l’autore principale del rapporto e anche a Climate Focus, ha dichiarato: “Le foreste sono assolutamente essenziali. Se non fermiamo la deforestazione, non raggiungeremo i nostri obiettivi climatici. Le infrastrutture e l’estrazione mineraria sono probabilmente la più grande minaccia per le foreste, forse anche più importante dell’agricoltura, perché aprono davvero le foreste a questi altri fattori e creano l’accesso per i mercati globali a queste aree remote “. Aidan Davy, dell’International Council on Mining and Metals, che ha 27 membri di società minerarie, ha dichiarato: “Abbiamo bisogno che le società minerarie di tutto il settore si impegnino a standard più elevati di prestazioni sulla biodiversità e altre aree ambientali, sociali e di governance che è il scopo dei principi minerari di Icmm”. Il consiglio internazionale sulle miniere ha anche invitato i governi a vietare le miniere nelle aree forestali di maggior valore di conservazione e ad applicare misure di protezione più forti. Secondo il rapporto, inoltre, i megaprogetti che coinvolgono i corridoi di trasporto sono stati pianificati o in fase di sviluppo nella maggior parte delle regioni critiche della foresta tropicale. I governi di cinque paesi dell’Amazzonia stanno investendo 27 miliardi di dollari per i prossimi cinque anni per costruire o aggiornare più di 12.000 km di strade, il che porterebbe alla deforestazione di circa 2,4 milioni di ettari.

I casi di Indonesia e Africa

“In Indonesia – scrive il Guardian – l’autostrada Trans-Papua di 2.500 miglia attraverserà il Parco Nazionale di Lorentz, aumentando l’accesso a oltre 50.000 ettari di concessioni minerarie all’interno del parco, mentre una ferrovia pianificata per Kalimantan aprirebbe aree per l’estrazione del carbone e la produzione di olio di palma. In Papua Nuova Guinea, due piani raddoppierebbero la lunghezza della rete stradale del paese entro la fine del 2022, afferma il rapporto”. Il boom di infrastrutture nell’Africa subsahariana coinvolge dozzine di corridoi di sviluppo internazionale per esportare minerali ed energia, e secondo il rapporto, i corridoi attraverserebbero 400 aree protette e ne degraderebbero altre 1.800.

Il primo passo da fare

I curatori del rapporto sostengono che per invertire la rotta il primo passo sia garantire che i vantaggi delle foreste siano inclusi nella valutazione dei megaprogetti: “Se si tenesse conto del vero valore delle foreste – ridurre il cambiamento climatico, proteggere gli habitat degli animali e ridurre la diffusione di malattie zoonotiche, mantenere pulite le fonti d’acqua e una lunga lista di altri benefici senza un cartellino del prezzo – molti di questi progetti non avrebbero mai avuto il via libera”.

 

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase