newsL’accordo tra la FAO e la lobby dei pesticidi preoccupa scienziati e ambientalisti

24 Novembre 2020by 0

“La collaborazione annunciata tra la Fai e CropLife mina gli sforzi dell’organizzazione per la riduzione dell’uso dei pesticidi nel mondo”. Non hanno dubbi né i quasi 300 scienziati, né le 350 organizzazioni della società civile che hanno scritto al Direttore Generale della FAO Qu Dongyu, eletto nel giugno 2019 a capo dell’organizzazione, per dimostrare tutta la loro contrarietà al riavvicinamento tra FAO e CLI annunciato il 2 ottobre in una dichiarazione dell’organizzazione delle Nazioni Unite, citando la firma di una “lettera di intenti” che “rinnova e rafforza il loro impegno a lavorare insieme e trovare modi per trasformare sistemi agroalimentari ”.

FAO-CropLife: un conflitto di interessi

“La proposta di rafforzare la collaborazione tra FAO e CropLife mina la politica della FAO per ridurre i rischi associati all’uso di pesticidi nel mondo”, scrivono gli scienziati nelle loro lettere. Secondo gli autori di questa missiva – inclusi agronomi, professori di scienze ambientali e tossicologia, o David Michaels, l’ex capo dell’agenzia americana per la salute sul lavoro, OSHA -, questa partnership rappresenta “Un conflitto di interessi fondamentale con la missione e il mandato delle Nazioni Unite di proteggere la biodiversità, sostenere i beni pubblici e rispettare e proteggere i diritti umani come il diritto alla salute, un ambiente di lavoro sicuro, un’aria e per pulire l’acqua ”.

La lettera delle associazioni, firmata in particolare dal Pesticide Action Network (PAN), dall’Istituto per la politica agricola e commerciale (IATP) e da Les Amis de la Terre, aggiunge: una tale collaborazione significherebbe che “la FAO rinuncia al suo ruolo di leader mondiale a sostegno di approcci agricoli innovativi ”, secondo i suoi firmatari.

Chi è CropLife

CropLife è la principale associazione che rappresenta gli interessi dei produttori di pesticidi (Bayer Crop Science, Corteva, Syngenta, BASF): una recente revisione sistematica della letteratura (in corso di stampa) ha rilevato che una percentuale significativa di agricoltori in tutto il mondo soffre ogni anno di avvelenamento acuto non intenzionale da pesticidi. Gli agricoltori, i lavoratori agricoli e coloro che vivono nelle comunità rurali soffrono anche di un aumento dei tassi di alcuni tipi di cancro, nonché di disturbi riproduttivi, neurologici e dello sviluppo dovuti all’esposizione ai pesticidi.  I prodotti antiparassitari prodotti dalle aziende associate a CropLife – si legge nella lettera firmata dalle organizzazioni – hanno anche decimato le popolazioni di impollinatori e stanno devastando la biodiversità e gli ecosistemi fragili. Alcuni esempi specifici includono:
L’erbicida paraquat di Syngenta è uno dei pesticidi più tossici al mondo ed è stato collegato al morbo di Parkinson e a molti altri danni alla salute. Bandito in Europa dal 2007, è tuttora esportato e ampiamente utilizzato.
L’insetticida clorpirifos di Corteva danneggia lo sviluppo del cervello, provocando ritardi nello sviluppo e un QI inferiore. È stato vietato in diversi stati degli Stati Uniti, in Europa e in altri quattro paesi, ma la produzione e l’uso continuano.
L’imidacloprid di Bayer e altri insetticidi sistemici neonicotinoidi hanno devastato le popolazioni di impollinatori. Uno studio recente ha rilevato che nel complesso, i terreni agricoli degli Stati Uniti sono 48 volte più tossici per gli insetti rispetto a 20 anni fa.
Il fipronil di BASF è stato implicato nella morte di massa delle api in molti paesi, tra cui Francia, Brasile e Sud Africa.

Questi sono solo alcuni esempi degli impatti dannosi delle centinaia di prodotti prodotti e promossi dalle società che sono membri di CropLife International: era inevitabile la serie di reazioni a catena ha scatenato l’annuncio della FAO.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase