fbpx
 

newsBanane, la guerra dei prezzi: la mossa di Aldi che fa infuriare i produttori - Centro Servizi Casabase

25 Novembre 2020by 0

È guerra di prezzi all’interno dell’industria delle banane. Un gruppo di associazioni industriali che rappresentano gli esportatori da Ecuador, Colombia, Guatemala, Honduras, Panama e Costa Rica ha criticato le mosse per abbassare il prezzo che Aldi paga per le banane. Secondo quanto riporta FoodNavigator, Aldi ha segnalato che intende ridurre il prezzo fisso che paga di 0,06 centesimi di euro al chilo nel 2021, il che farebbe scendere il prezzo per scatola di 11.33  euro dai livelli 2020. Resta inteso che la riduzione è stata attuata dalla funzione centrale di approvvigionamento di Aldi e si applicherà a tutte le operazioni europee. Aldi non ha risposto alle richieste di commento quando è stato contattato da FoodNavigator.

Il conflitto di prezzi

La ragione potrebbe essere le forti polemiche che colpirono Aldi nel 2019, quando aveva rivelato il prezzo della banana. Secondo la coalizione degli esportatori, il problema è che in qualità di principale cliente per le banane dell’America Latina, la politica dei prezzi di Aldi è essenzialmente un “punto di riferimento” seguito da altri rivenditori in tutta Europa. FoodNavigator riporta le parole di un portavoce dell’associazione: “Questo conflitto di prezzi è un problema che riguarda tutti i dettaglianti dell’Ue. L’unica differenza tra loro e Aldi è che Aldi ha una politica commerciale più aggressiva e schietta, dalla quale alla fine tutti gli altri rivenditori dell’Ue beneficiano”, a causa del potere di influenzare il mercato dovuta al peso della catena tedesca.

Il ruolo rilevante di Aldi

“La rilevanza del mercato richiede responsabilità di mercato. Stiamo sicuramente affrontando un abuso del loro potere di mercato “, ha affermato il portavoce parlando con FoodNavigator, suggerendo che la decisione potrebbe rientrare nella direttiva Ue per le pratiche commerciali sleali. Il problema è che essendo i coltivatori di banane operatori economici non europei, qualsiasi soluzione dell’Ue potrebbe essere inefficace. “Aldi è la punta di diamante dei rivenditori europei. Aldi fissa il prezzo e il resto dei rivenditori lo segue. Non è che Aldi sia il peggiore: è solo quello che nasconde meno la loro politica commerciale aggressiva”, hanno suggerito i coltivatori di banane. E a riprova di tale tendenza, FoodNavigator riporta che nel Regno Unito, il più grande rivenditore al dettaglio del paese Tesco ha un’iniziativa chiamata “Aldi Price Match” che confronta i propri prezzi di vendita con quelli della catena di sconti tedesca.

I peggioramenti per i lavoratori

Secondo la coalizione dei gruppi di banane, la decisione presa in Europa contribuirà alla povertà rurale, abbassando i salari e le condizioni di sicurezza dei lavoratori e ha il potenziale per minare la coesione sociale nelle comunità rurali dell’America Latina. “Questo prezzo della guerra in Europa porterà alla fine all’abbandono delle aree rurali, all’affollamento nelle aree urbane, ostacolando lo sviluppo nelle regioni rurali dell’America Latina”, ha avvertito il portavoce della coalizione. “Avviare una tale guerra dei prezzi potrebbe significare la perdita di migliaia di posti di lavoro nel settore delle banane, cruciale per il Pil di tutti i paesi interessati”.

La pressione dei paesi latinoamericani

La disputa sui prezzi è di tale importanza economica per i paesi latinoamericani che FoodNavigator ha saputo che gli ambasciatori dei paesi coinvolti hanno contattato le loro controparti europee per sollevare preoccupazioni. Il rischio è quello di minare gli impegni dell’Ue per gli appalti sostenibili e le ambizioni della strategia Farm-to-Fork della regione.

Anche la sostenibilità sotto accusa

“Mentre il dipartimento di Corporate Social Responsibility di Aldi difende il discorso sulla sostenibilità sociale e ambientale e sulla due diligence lungo la catena del valore, il suo dipartimento commerciale non si preoccupa di fare pressione sui produttori e pagare il prezzo più basso possibile per le banane, mantenendo una campagna di riduzioni graduali dei prezzi per questo prodotto nei suoi supermercati ogni anno “, ha sottolineato la coalizione. La Rainforest Alliance, che gestisce uno schema di certificazione a cui molti rivenditori europei richiedono la partecipazione dei fornitori di banane, concorda sul fatto che i coltivatori di banane sono schiacciati tra l’aumento dei costi e la riduzione dei prezzi. “I prezzi sono diminuiti negli ultimi 10 anni, mentre i requisiti di sostenibilità sono aumentati, così come i costi”, ha detto a FoodNavigator Leonie Haakshorst, responsabile del settore banane e frutta presso The Rainforest Alliance.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase