fbpx
 

newsMacron annuncia il dimezzamento dell’uso del glifosato entro il 2022 - Centro Servizi Casabase

29 Novembre 2020by 0

Il presidente francese Macron ha annunciato la riduzione dell’uso del glifosato del 50% entro la fine del 2022. Una presa di posizione che conferma l’intenzione della Francia – principale consumatore europeo del discusso erbicida – di arrivare ad un bando totale quanto prima a prescindere dalle decisioni che l’Unione europea assumerà riguardo alla ri-autorizzazione. A pesare sulla decisione francese, le restrizioni che l’Anses ha deciso lo scorso ottobre.

Era il 27 novembre del 2017 quando il presidente francese affidava a twitter la sua volontà di contrastare l’uso dell’erbicida: “Ho chiesto al governo di prendere le misure necessarie per vietare l’uso del glifosato in Francia non appena saranno state trovate alternative, al più tardi in tre anni”. L’iniziativa segnava il rifiuto del Capo dello Stato di prendere atto della decisione annunciata poche ore prima dall’Unione – acquisita da una stretta maggioranza ottenuta dall’inaspettato ribaltamento di Berlino – di autorizzare il glifosato per altri 5 anni.

A tre anni di distanza è molto difficile fare il punto su questo impegno presidenziale perché mancano dati precisi e aggiornati, ma di recente il ministro dell’Agricoltura ha detto che “alla fine del 2019, un terzo delle aziende agricole aveva rinunciato al glifosato, un terzo ne aveva ridotto l’uso, l’ultimo terzo doveva essere rilasciato”. Si tratta – però – di cifre, tratte da un sondaggio che non sono statisticamente rilevanti.

Tuttavia, segnano una dinamica nell’attuazione della strategia del governo. “Nel giugno 2018, la Francia ha adottato un piano nazionale di eliminazione graduale del glifosato basato su un metodo chiaro: fare affidamento sull’esperienza di INRAE, l’istituto di ricerca agricola, e Anses, l’agenzia per la sicurezza alimentare, per trovare alternative realistiche senza mai lasciare gli agricoltori in difficoltà ”, spiega il Ministero dell’Agricoltura.

Le critiche: prevedere un’alternativa

Nonostante sia un piano condivisibile perché tutela la salute umana, non mancano le critiche come quella di Amandine Lebreton, direttrice del patrocinio della Nicolas Hulot Foundation: “Come sperare di uscire dal glifosato, chiave di volta del modello produttivista, senza investire le risorse finanziarie per sostenere gli agricoltori in questo profondo cambiamento? ”

Una critica che si unisce, in parte, a quella della FNSEA, il principale sindacato agricolo. “Ancora una volta, la Francia vuole andare più veloce dei suoi vicini imponendo ai suoi produttori vincoli che creano una distorsione della concorrenza e mettono in pericolo la sicurezza alimentare del Paese, anche se la pericolosità del glifosato non è attestata. », Sottolinea Christian Durlin, responsabile del dossier fitosanitario.

Vai più veloce e più lontano

“Il dibattito scientifico non dovrebbe impedire ai politici di assumersi le proprie responsabilità. Ci sono elementi sufficienti per applicare rigorosamente il principio di precauzione e vietare il glifosato a livello europeo. Questo è il livello giusto per andare avanti e ci sono grandi possibilità di successo nel 2022. Quindi, quello che oggi sembra essere un vincolo sarà la fortuna perché l’agricoltura francese sarà un passo avanti rispetto alle altre ” , supplica l’eurodeputato Pascal Canfin, presidente della commissione per l’ambiente al Parlamento europeo.

L’Eliseo sembra determinato ad andare sempre più veloce negli ultimi due anni del quinquennio. “Se vogliamo un’Europa più verde e più giusta, abbiamo bisogno di standard comuni e la Francia difenderà questa ambizione a Bruxelles, soprattutto sul glifosato“, spiega una fonte del governo. Ma accelereremo anche a livello francese per superare i vicoli ciechi tecnici ed economici incontrati negli ultimi tre anni”.

Il nostro test

Intanto, come ha dimostrato il nostro test su 20 marchi di pasta, la presenza del glifosato nella pasta non accenna a diminuire. Le analisi di laboratorio, infatti, hanno rilevato la presenza dell’erbicida più utilizzato al mondo in 7 confezioni di spaghetti, tra l’altro uno di questi 7 marchi dichiara di utilizzare grano italiano. In questo articolo il nostro test spiegato nel dettaglio

 

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase