newsLa frode del biodiesel a base di olio di palma spacciato come sostenibile

1 Dicembre 2020by 0

Biocarburanti a base di olio di palma introdotti in maniera fraudolente in Unione europea. È quanto risulta da un’indagine nei Paesi Bassi ha nuovamente puntato i riflettori sull’origine dell’olio da cucina usato importato (Uco) nell’UE. L’Indagine, riporta Euractiv.com, condotta dall’Ispettorato per l’ambiente umano e dei trasporti insieme ai servizi investigativi olandesi ha coinvolto un raid su una società di biocarburanti anonima in un’indagine su frodi su biocarburanti su larga scala per sospetti di certificati falsi per il biodiesel.

L’olio da cucina usato e la direttiva Ue

Le preoccupazioni sono che i biocarburanti che non sono stati prodotti in modo sostenibile siano registrati e venduti come combustibili sostenibili. Gli oli da cucina usati (Uco) sono considerati rifiuti e secondo la direttiva sulle energie rinnovabili dell’Ue possono essere usati per produrre biodiesel per decarbonizzare il settore dei trasporti europeo. Ma l’attuale direttiva non distingue tra oli raccolti a livello nazionale e quelli importati da paesi terzi. Alcuni di questi oli contengono olio di palma, che l’Ue ha deciso di eliminare gradualmente per rallentare la deforestazione nei paesi tropicali. Le piantagioni di palma infatti sono alla base di politiche aggressive nei confronti delle foreste, nel Sud-est asiatico soprattutto.

Il rifiuto della Commissione di fornire dati

L’anno scorso, il Regno Unito e i Paesi Bassi hanno avviato indagini ufficiali su società che avrebbero venduto Uco insostenibile contenente olio di palma. “La frode con i biocarburanti è inaccettabile. Ecco perché nell’UE abbiamo chiesto un controllo più rigoroso della certificazione privata “, ha detto a Euractiv un diplomatico olandese. Nel settembre di quest’anno, il mediatore dell’UE ha avviato un processo in merito al rifiuto della Commissione europea di concedere l’accesso del pubblico ai documenti riguardanti l’origine e la quantità di Uco segnalata da tutti i sistemi di certificazione volontaria per la sostenibilità dei biocarburanti ai sensi della direttiva sulle energie rinnovabili.

La Commissione sta lavorando per tracciare la filiera

Euractiv è stato informato che la Commissione sta attualmente lavorando allo sviluppo di una banca dati a livello di UE progettata per tracciare intere filiere, dalla raccolta e produzione della materia prima al consumo di carburante. Ciò è stato concepito specificamente per le filiere che comportano un alto rischio di frode. “Eventi come questo dimostrano che c’è ancora del lavoro da fare per garantire che l’olio da cucina usato importato in Europa per i biocarburanti sia sostenibile”, ha detto a Euractiv Cristina Mestre, responsabile dei biocarburanti del gruppo di campagna Trasporti e ambiente, aggiungendo che che una recente analisi della Ong ha rilevato che l’Uco viene importato sempre più da Cina, Indonesia e Malesia. “Tuttavia, in vista della lotta climatica globale, raccomandiamo che l’Europa si concentri su Uco nazionali che possono essere rintracciate e verificate più facilmente, per garantire che siano realmente utilizzate”, ha detto Mestre.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase