fbpx
 

newsTest su politici Ue e giornalisti: trovate sostanze nocive da imballaggi alimentari - Centro Servizi Casabase

11 Dicembre 2020by 0

Sostanze chimiche pericolose associate agli imballaggi alimentari trovate in quantità elevate nel corpo umano. A rivelarlo è una nuova ricerca pubblicata dalla Rete Zero Waste Europe che chiede un’azione decisa per garantire imballaggi sostenibili e sicuri che proteggano adeguatamente sia l’ambiente che la salute umana. La ricerca è stata condotta con partecipanti da Belgio, Bulgaria, Lettonia, Portogallo, Slovenia e Spagna. I 52 partecipanti includevano politici, artisti, chef, giornalisti e altri personaggi pubblici. Ad esempio, i partecipanti in Belgio includono il vicepresidente esecutivo Margrethe Vestager, il vice presidente del PE Heidi Hautala, il presidente della commissione ENVI Pascal Canfin e l’eurodeputato Frédérique Ries. Tra i partecipanti anche Eline Schaart, giornalista di Politico e Frédéric Simon, redattore giornalista di Euractiv.

Le sostanze trovate

La ricerca ha testato campioni di urina per la presenza di sostanze chimiche comunemente utilizzate negli imballaggi alimentari in plastica (monouso), ovvero ftalati e fenoli, e associate da scienziati a malattie come il cancro e le malattie cardiovascolari, nonché che colpiscono il sistema riproduttivo e immunitario. Delle 28 sostanze chimiche analizzate, nei campioni sono state trovate in media 20,5 sostanze chimiche (con un intervallo da 18 a 23 sostanze chimiche trovate).

L’allarme della comunità scientifica

Rosa Garcia, Direttrice di Rezero, una delle associazioni che hanno partecipato alle analisi, commenta: “Questa ricerca si aggiunge a un corpo crescente di letteratura scientifica che dimostra l‘esposizione dei consumatori a sostanze chimiche pericolose attraverso imballaggi alimentari monouso, in particolare plastica, e collega questa esposizione a una serie di malattie. Ancora una volta stiamo vedendo che la salute pubblica è stata protetta in modo inadeguato da queste sostanze chimiche tossiche per troppo tempo. Non possiamo continuare a tenere i cittadini all’oscuro dell’impatto di ciò che acquistano e consumano. Questo aspetto deve essere affrontato con urgenza dai responsabili delle decisioni e dai produttori di imballaggi “.  A marzo, un gruppo di  scienziati ha pubblicato un documento su Environmental Health che ha lanciato l’allarme sulle migliaia di sostanze chimiche utilizzate negli imballaggi alimentari e in altre forme di materiali a contatto con gli alimenti. La dichiarazione sottolinea che, data la capacità di queste sostanze chimiche (molte delle quali pericolose) di migrare dall’imballaggio all’alimento, il loro uso continuato sta mettendo a rischio la salute umana. In risposta alla dichiarazione, più di 230 Ong in tutto il mondo hanno firmato una Dichiarazione di preoccupazione invitando i responsabili delle decisioni a intraprendere un’azione urgente.

La revisione della Commissione

All’inizio di quest’anno la Commissione europea si è impegnata a proporre una revisione della legislazione dell’Ue sui materiali a contatto con gli alimenti entro la fine del 2022. Justine Maillot, attivista di consumo e produzione presso Zero Waste Europe commenta: “Questa revisione tanto attesa e ampiamente richiesta è un’opportunità che non deve essere sprecata. Gli aggiustamenti al margine della legislazione attuale non serviranno a nulla; se l’Ue vuole proteggere efficacemente la salute umana, costruendo allo stesso tempo sistemi alimentari sostenibili e un’economia circolare priva di sostanze tossiche, deve optare per una riforma fondamentale “

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase