fbpx
 

newsPfas, dai cosmetici alle lenti a contatto: gli usi più comuni ma meno conosciuti - Centro Servizi Casabase

15 Dicembre 2020by 0

I Pfas, sostanze utilizzate in ambito industriale soprattutto come impermeabilizzanti, sono stati collegati a cancro ai reni e ai testicoli, colesterolo elevato, colite ulcerosa, malattie della tiroide, danni al fegato, basso peso alla nascita, risposte immunitarie ridotte e altri impatti negativi. Il Salvagente ha più volte raccontato sia la loro presenza in dosi massicce nelle falde acquifere del Veneto che l’utilizzo in prodotti da cucina, come le padelle. Con un articolo sul quotidiano inglese The Guardian, Juliane Glüge, Martin Scheringer e Gretta Goldenman, ricercatori che studiano Pfas, col supporto Global Pfas Science Panel hanno trovato sostanze perfluoro alchiliche in più di 200 tipologie di prodotti.

La ricerca inglese

“Abbiamo deciso di esaminare l’ampiezza dell’utilizzo di queste sostanze chimiche per capire meglio se tutti questi usi sono realmente necessari – spiegano i ricercatori – Abbiamo cercato ispirazione nel Protocollo di Montreal delle Nazioni Unite sulle sostanze che impoveriscono la definizione dello strato di ozono di “usi essenziali” – usi considerati essenziali per la salute, la sicurezza o il funzionamento della nostra società, per i quali non esistono ancora alternative”. L’idea chiave del protocollo di Montreal era quella di eliminare gradualmente gli usi non essenziali di sostanze che riducono lo strato di ozono. L’idea del protocollo di “uso essenziale” potrebbe servire da modello per come controllare pragmaticamente le sostanze chimiche come i Pfas.

“Procedere per esclusione di usi non essenziali”

“Il nostro pensiero era che mentre alcuni usi specifici dei Pfas, come gli indumenti protettivi professionali, potrebbero essere considerati essenziali fintanto che non ci sono alternative sufficientemente performanti, ci potrebbero essere molti usi non essenziali dei PFAS che potrebbero essere eliminati senza gravi interruzioni del prodotto sicurezza, efficacia o efficienza” spiegano i ricercatori, che aggiungono “Quello che abbiamo scoperto è profondamente inquietante”.

Le presenze note

I Pfas sono utilizzati in quasi tutti i settori industriali e in una gamma di prodotti di consumo molto più ampia di quanto ci aspettassimo. Complessivamente, abbiamo trovato Pfas in più di 200 categorie di utilizzo. Noti gli utilizzi in schiume antincendio, refrigeranti, batterie agli ioni di litio, tappeti, tessuti impermeabili, cere da sci, contenitori di carta e cartone per fast food, forme per muffin, sacchetti per popcorn e filo interdentale.

… e quelle meno note

Ma ecco un elenco di alcuni dei prodotti di consumo e degli usi industriali meno noti che i ricercatori inglesi hanno trovato:

Erba sintetica
Munizioni
Conservazione dei libri
Lubrificanti per biciclette
Corde da arrampicata
Lenti a contatto
Cosmetici (lozione per il corpo, fondotinta, blush, trattamento cuticole, crema occhi, matita occhi, ombretto, mascara, rossetto, crema idratante, struccante, smalto per unghie, polvere, shampoo, creme per capelli, balsami, lacca per capelli, mousse per capelli, crema da barba , crema solare)
Filtri per i vini
Linee per pesca
Rivestimenti per corde di chitarra e tasti di pianoforte
Finestre della serra
Igienizzanti per le mani
Telefoni cellulari (cavi isolati, circuiti stampati / semiconduttori, rivestimenti per schermi con fluoropolimeri resistenti alle impronte digitali)
Packaging farmaceutico
Celle fotovoltaiche
Lubrificanti per accordatura di pianoforte
Pesticidi utilizzati per mitigare le zanzare
Toner e inchiostro da stampa
Bonifica del suolo
Trattamento e purificazione dell’acqua
Rivestimenti delle pale dei mulini a vento

I ricercarori raccontano: “Ad esempio, eravamo consapevoli che un Pfas chiamato Ptfe era ampiamente utilizzato nei lubrificanti. Ma nei lubrificanti per biciclette? Abbiamo appreso che veniva commercializzato come additivo ad alte prestazioni. Un piccolo produttore ci ha detto che il vantaggio in termini di prestazioni era marginale, ma avere Ptfe sull’etichetta è stato considerato positivo dai consumatori. Sentivano che non aggiungere Ptfe (e non averlo sull’etichetta) sarebbe stato un rischio per loro e avrebbero potuto perdere terreno rispetto ai concorrenti più grandi”. In altre parole, questo uso non essenziale è sorto solo attraverso opportunità di mercato e non è stato guidato dalla performance. Secondo i curatori delle analisi, la via da seguire dovrebbe essere quella di regolamentare tutti i Pfas come classe: “Siamo incoraggiati dagli sforzi di diversi paesi europei per sviluppare un regolamento che eliminerà tutti gli usi non essenziali dei Pfas all’interno dell’Unione Europea entro il 2030. Ma dobbiamo anche cambiare la percezione tra i consumatori, all’interno dell’industria e in altri paesi produttori di Pfas, inclusi gli Stati Uniti. Considerare tutti gli usi dei Pfas come “non essenziali” a meno che i produttori o gli utenti non sostengano l’essenzialità in modo convincente – concludono – potrebbe aiutare a guidare lo sviluppo di alternative e aiutarci a ridurre la produzione e gli usi di queste “sostanze chimiche per sempre” dannose”.

 

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase