fbpx
 

9 casi in cui utilizzare l’aceto per la pulizia in casa può fare più male che bene

17 Dicembre 2020by 0

Contrordine. Dopo aver per anni utilizzato e consigliato l’aceto per la pulizia naturale della casa, oggi arriva quella che se non è una stroncatura, gli assomiglia molto. E arriva dai laboratori di Consumer Reports, mensile dei consumatori nordamericani che non può essere tacciato di ammiccare all’industria della detergenza chimica, e per questo fa rumore.

L’oggetto dell’attenzione degli statunitensi è l’aceto bianco distillato. Diluito con acqua a circa il 5% di acidità, l’aceto bianco distillato viene salutato come una meraviglia di pulizia naturale e non tossica, in grado di eliminare alcuni batteri, dissolvere i depositi di carbonato ed eliminare la sporcizia senza la spesa (economica e ambientale) dei prodotti chimici per la pulizia.

“Esiste una percezione comune che l’aceto possa pulire tutto, ma non è l’ingrediente così strabiliante che potresti pensare”, afferma Brian Sansoni, vicepresidente senior delle comunicazioni presso l’American Cleaning Institute a Consumer Report.

Non che sia completamente inutile, attenzione. L’aceto bianco distillato è efficace per rimuovere il calcare dalla macchina del caffè e lasciare le finestre senza aloni perché “l’acido reagisce con le sostanze chimiche organiche nelle macchie e le dissolve”, spiega sempre all’associazione dei consumatori Joe Glajch, chimico e proprietario di JLG AP Consulting a Nashua, NH ” Ma proprio come erode le macchie di caffè, immagina che faccia la stessa cosa su altre superfici della tua casa”.

Consumer Report elenca nove casi in cui dovremmo evitare l’aceto e prendere un detergente diverso. Vediamoli.

Ferro da stiro

Non aggiungere mai aceto nel serbatoio; potrebbe danneggiare in modo permanente l’interno del ferro da stiro. La maggior parte dei modelli a vapore ha un rivestimento protettivo all’interno della camera, ma l’acido può corrodere il rivestimento e quindi le parti metalliche.

Se il modello ha una funzione autopulente, nella maggior parte dei casi tutto ciò che devi fare è riempire d’acqua il serbatoio, riscaldare il ferro, scollegarlo e tenerlo sopra il lavello con la piastra rivolta verso il basso. Tenere premuto il pulsante di autopulizia e l’acqua calda e il vapore verranno rilasciati dalla piastra, insieme a eventuali impurità.

Controsoffitti

Se vuoi mantenere belli i tuoi controsoffitti in pietra, non prendere l’aceto. L’acido incide e opacizza le pietre naturali come il marmo e il calcare. Può fargli perdere il loro splendore. Con altre pietre durevoli, come il granito, l’aceto può sciogliere qualsiasi sigillante che è stato applicato.

Il consiglio, in questo caso, è di pulire questi tipi di controsoffitti con una spugna o uno strofinaccio imbevuto di un detergente delicato. Utilizzare solo spugnette di plastica per rimuovere le macchie ostinate.

Lavastoviglie

Potresti aver sentito dire che il funzionamento di una lavastoviglie con un bicchiere di aceto aiuta a eliminare la pellicola di acqua dura e gli odori persistenti. Alcune persone usano persino l’aceto come brillantante.

I tester di CR l’hanno provato in laboratorio e “Non ha funzionato”, afferma Larry Ciufo, capo del laboratorio lavastoviglie di Consumer Report. “Oggi ci sono detergenti per lavastoviglie appositamente formulati che funzionano molto bene.”

Ciufo consiglia di utilizzare un detersivo per lavastoviglie, per rimuovere lo strato di acqua dura.

L’aceto è inefficace per eliminare le macchie d’acqua e alcuni produttori di lavastoviglie avvertono che l’acido acetico può corrodere le parti in gomma dell’elettrodomestico. “Ci sono dozzine di gomme là fuori con diverse composizioni chimiche, alcune delle quali reagiscono con l’aceto e altre no”, dice Glajch. “Se non sai che tipo di gomma c’è nel tuo elettrodomestico e il manuale non dice che puoi usare l’aceto, allora non farlo.”

Schermi elettronici

Se miscelato con il giusto rapporto di acqua, l’aceto può essere ottimo per lasciare le finestre senza aloni. Ma non usarlo mai su uno schermo elettronico come quello del tuo computer, smartphone, tablet o TV. “L’aceto può danneggiare le proprietà antiriflesso di uno schermo e persino rendere un touch screen meno reattivo”, afferma Antoinette Asedillo, tester di prodotti elettronici presso CR.

Utilizzare invece una spugna morbida o un panno inumidito con acqua naturale. In caso di macchie ostinate, prova una soluzione di detersivo per piatti molto diluito con acqua, applicato sul telo e non sullo schermo stesso. (Come linea guida per la quantità di sapone da utilizzare, Panasonic consiglia un rapporto di 100: 1 tra acqua e sapone.)

Pavimenti

Molti produttori di pavimenti mettono in guardia contro l’uso di aceto sul legno. Alcuni addirittura annulleranno la garanzia se ci sono segni che indicano che l’aceto è stato utilizzato.

L’aceto diluito può dissolvere la finitura che protegge il legno e lasciarlo torbido, opaco o graffiato. (Lo stesso vale per i mobili). Segui le raccomandazioni di pulizia del produttore o scegli un detergente specifico per i pavimenti in legno.

Stesso sconsiglio per chi ha piastrelle di pietra.

Coltelli

Tieni l’aceto lontano da alcuni tipi di acciaio inossidabile. Gli strumenti con i bordi esposti, come i coltelli da cucina, sono particolarmente vulnerabili. L’aceto può danneggiare la finitura dei coltelli e lasciare il bordo snocciolato, avverte Jim Nanni, responsabile dei test degli elettrodomestici per CR. Altri metalli comuni in cucina che dovresti tenere lontano dall’aceto sono l’alluminio e il rame. La migliore opzione di pulizia è il detersivo per piatti e l’acqua calda.

Piano cottura

L’aceto non danneggerà necessariamente la cucina o il piano di cottura (i metalli nelle gamme sono in genere rivestiti di smalto e i piani di cottura lisci sono fatti di vetro), ma se si tratta di un pasticcio grasso che stai cercando di pulire, l’aceto semplicemente non lo eliminerà. “Gli acidi sono pessimi sgrassanti”, dice Glajch. “Invece, opta per un detergente alcalino, come l’ammoniaca o il borace.”

Piccoli elettrodomestici

Le superfici in plastica e vetro della maggior parte dei piccoli elettrodomestici da cucina, come frullatori, caffettiere e tostapane, possono essere pulite in sicurezza con l’aceto, ma è meglio evitare parti in gomma o metallo che l’aceto può corrodere. E questo include l’acciaio inossidabile. “Esistono diversi gradi di acciaio inossidabile”, afferma Nanni. “Quelli di qualità inferiore sono spesso utilizzati per piccoli elettrodomestici e sono meno resistenti alla ruggine, che può essere stimolata dall’acido”.

In caso di dubbio, usa invece del detersivo per piatti diluito. Ottieni ulteriori consigli su come pulire i tuoi piccoli elettrodomestici.

Lavatrici

L’aceto viene talvolta usato come ammorbidente o per eliminare macchie e odori dal bucato. Ma come con le lavastoviglie, può danneggiare le guarnizioni in gomma e i tubi in alcune lavatrici al punto da causare perdite. È un problema che Steven Grayson, proprietario di Foothills Appliance Service a Wilkesboro, N.C., vede abbastanza frequentemente. “Con l’uso continuo, l’aceto può letteralmente sciogliere i tubi, causando perdite e quindi possibilmente tutti i tipi di danni aggiuntivi alla casa”, afferma Grayson. Nella sua esperienza, le lavatrici a carica frontale sono particolarmente suscettibili ai danni causati dall’aceto.

In più “L’aceto non è molto utile con le macchie che si sono già fissate sui vestiti, comprese le macchie di cibo e le macchie di sangue”, dice Sansoni.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase