newsIl Tribunale Ue dà torto all’industria della plastica: “Il BPA è un rischio per la fauna selvatica”

20 Dicembre 2020by 0

Il Bisfenolo A è “estremamente preoccupante” per la fan selvatica. A confermarlo è il Tribunale dell’Unione europea che si è espresso per la terza volta di seguito, in un ricorso presentato da PlasticsEurope, l’associazione europea dell’industria della plastica, contro la decisione dell’Echa del 2018. Con quella decisione, l’Agenzia europea delle sostanze chimiche aveva, infatti, riconosciuto il BPA come sostanza chimica che altera gli ormoni per la fauna selvatica.

Apolline Roger, avvocato specializzato in prodotti chimici presso ClientEarth, l’ente di beneficenza per il diritto ambientale intervenuto nel caso, ha dichiarato: “Questa è una sentenza cruciale. Il riconoscimento del BPA come sostanza estremamente preoccupante per la fauna selvatica non è un esercizio stilistico, ma apre la strada a ulteriori restrizioni “.

Che cos’è il BPA

Il BPA viene utilizzato per produrre plastica (principalmente policarbonato) in un’ampia varietà di prodotti tra cui contenitori e bottiglie, bollitori, otturazioni dentali. Viene anche utilizzato per produrre resine che rivestono le lattine di cibo. La maggior parte delle informazioni disponibili sui possibili effetti sulla salute dell’esposizione al BPA proviene da studi sugli animali. È stato dimostrato che il BPA imita la funzione degli ormoni naturali negli animali e nell’uomo. Ad esempio, è stato dimostrato che danneggia la capacità di riproduzione di pesci e anfibi con il potenziale di influenzare la stabilità della popolazione. L’UE ha vietato il BPA dai biberon nel 2011. Ha inoltre vietato l’uso della sostanza chimica nelle ricevute cartacee a partire da gennaio 2020 per proteggere i cassieri.

“L’industria della plastica si è opposta da anni alla tanto necessaria regolamentazione più rigorosa della sostanza chimica. Ma il BPA è una delle sostanze chimiche più studiate e le sue proprietà di disturbo ormonale sono ben documentate su tutta la linea. L’industria deve cambiare strategia, lasciarsi alle spalle la resistenza al cambiamento e concentrarsi su alternative più sicure ” ha aggiunto l’avvocato Roger.

Le sentenze precedenti

PlasticsEurope ha perso un primo caso sfidando la decisione di rendere il BPA un SVHC (la lista delle “sostanze estremamente preoccupanti” ai sensi del REACH, il sistema dell’UE per il controllo delle sostanze chimiche) in base alle sue proprietà come tossico per la riproduzione. PlasticsEurope ha perso un secondo caso, sfidando la decisione di rendere il BPA un SVHC basato sulle sue proprietà di interferenza endocrina per l’uomo. Plastics Europe ha deciso di impugnare la sentenza e l’appello è pendente. PlasticsEurope ha ora perso un terzo caso che sfidava la decisione di rendere il BPA un SVHC basato sulle sue proprietà di interferenza endocrina per la fauna selvatica. In tutti e tre i casi, ClientEarth ha agito in qualità di interveniente – sostenendo l’imputato ECHA nella sua difesa contro la sfida di PlasticsEurope dinanzi ai tribunali dell’UE.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase