fbpx
 

newsPaesi poveri discarica dell’Occidente: dal 1 gennaio in vigore la convenzione contro lo sversamento della plastica - Centro Servizi Casabase

30 Dicembre 2020by 0

Dal 1° gennaio per i paesi occidentali sarà più difficile usare i paesi in via di sviluppo come discarica per la plastica consumata in Europa e in Usa. Entrano infatti in vigore le nuove regole internazionali per affrontare il commercio globale di plastica, con l’obbiettivo di rendere l’oceano più pulito entro cinque anni. Solo nel 2019, una discarica abusiva di plastica italiana era stata scoperta in Turchia grazie a Greenpeace.

L’orizzonte di cambiamento

Le regole mirano a rendere il commercio più trasparente per consentire ai paesi in via di sviluppo come Vietnam e Malaysia di rifiutare rifiuti di bassa qualità e difficili da riciclare prima ancora che vengano spediti. “È mia opinione ottimista che, in cinque anni, vedremo risultati”, ha affermato al quotidiano inglese The Guardian Rolph Payet, direttore esecutivo delle convenzioni di Basilea, Rotterdam e Stoccolma. “Le persone in prima linea ci diranno se c’è una diminuzione della plastica nell’oceano. Non vedo che ciò accada nei prossimi due o tre anni, ma all’orizzonte di cinque anni. Questo emendamento è solo l’inizio. ”

Cosa dicono le nuove regole

Le nuove regole, concordate da oltre 180 nazioni in base a un emendamento alla convenzione di Basilea, introducono un sistema di “consenso informato preventivo” per tutte le esportazioni di plastica difficile da riciclare o contaminata. Secondo Payet controlli più severi sulle esportazioni potrebbero inizialmente vedere le principali nazioni esportatrici di plastica, come il Regno Unito e gli Stati Uniti, smaltire invece i rifiuti in discarica e inceneritori. “A breve termine, sì, ci sarà lo smaltimento in discarica, ci sarà l’incenerimento dei rifiuti di plastica”, ha detto. “Ma a lungo termine, se le politiche del governo sono corrette e se i consumatori continuano a esercitare pressioni, si creerà l’ambiente per un maggiore riciclaggio e un approccio circolare quando si tratta di plastica”.

I rifiuti ritornano in patria

Finora quest’anno, la Gran Bretagna ha ricevuto 22 richieste di rimpatrio da sette paesi per riprendere le esportazioni di plastica, ha detto al Guardian l’Agenzia per l’ambiente. Includono la Malesia, che a gennaio ha rispedito 42 contenitori di rifiuti “illegali”, così come Indonesia, Vietnam, Romania, Croazia, Polonia e Belgio. In base alle nuove norme, 20 di queste 22 richieste sarebbe stato necessario previo consenso, presumibilmente con conseguente rifiuto. L’emendamento di Basilea è stato incorporato nella legge britannica, consentendo alle autorità di regolamentazione del Regno Unito di implementarlo e applicarlo.

La spinta al cambiamento

A dare una spinta al cambiamento è stato il divieto della Cina sulle importazioni di rifiuti di plastica nel 2018. Molti stati dipendevano infatti dalla Cina per prendere materiale che non potevano riciclare da sole. Secondo Payet, L’emendamento è un “catalizzatore” per il cambiamento, e ora spetta ai governi incoraggiare il settore del riciclaggio, un’industria con bassi margini di profitto e altre aziende del settore privato, a innovare. Simon Ellin, della UK Recycling Association, ha però avvertito che le nuove regole potrebbero significare che più rifiuti di plastica finiscono nelle discariche domestiche o nell’incenerimento.

 

Il 79% finisce in discarica e poi nel mare

Al momento, spiega il Guardian, i paesi in via di sviluppo non possono vedere se una data spedizione di plastica è effettivamente riciclabile o se è troppo contaminata per essere utilizzata prima che arrivi. “I rifiuti che non possono essere riciclati di solito finiscono per essere bruciati o scaricati illegalmente in discariche o corsi d’acqua. Solo il 9% di tutta la plastica mai prodotta è stata riciclata. Circa il 12% è stato incenerito. Il restante 79% si è accumulato nelle discariche, nelle discariche e nell’ambiente naturale, dove spesso finisce per finire nei fiumi attraverso le acque reflue, la pioggia e le inondazioni. Gran parte di esso alla fine finisce nell’oceano” scrive il Guardian. Inoltre, molti dei paesi che importano plastica di difficile smaltimento o fortemente contaminata non dispongono delle strutture adeguate per affrontare le conseguenze ambientali e per la salute delle persone.

 

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase