newsIl Messico mette al bando il mais geneticamente modificato e il glifosato

11 Gennaio 2021by 0

Il Messico, il luogo di nascita del mais, diventa il primo paese delle Americhe a vietare il mais geneticamente modificato e il glifosato, un erbicida a cui è spesso associato. Con un decreto entrato in vigore il 1 ° gennaio, il governo del presidente di sinistra Andrès Obrador ha deciso di “revocare e astenersi dal concedere permessi per il rilascio ambientale di semi di mais OGM”, in altre parole di “vietare nel suo suolo la coltivazione di queste piante il cui patrimonio genetico è stato manipolato per dotarlo di caratteristiche che non possiede naturalmente”.

Esistono due tipi principali di mais transgenico“, ricorda l’agronomo Marc Dufumier. Quello in cui abbiamo introdotto un gene che secerne una proteina che uccide il trivellatore, un insetto parassita della pianta. E quello il cui gene introdotto lo rende resistente agli erbicidi ad ampio spettro, in particolare al glifosato, sviluppato con il marchio Roundup dall’azienda americana Monsanto, che è stata poi acquisita dalla tedesca Bayer “, spiega.

Il decreto sottolinea inoltre che anche l’uso del glifosato sarà definitivamente bandito il 31 gennaio 2024, tempo per l’industria alimentare di trovare alternative sostenibili a questo controverso erbicida. Infine, il testo prevede una graduale riduzione delle importazioni di mais OGM fino a quando non verranno più rilasciate autorizzazioni entro tre anni. Secondo il governo messicano, queste misure mirano a “proteggere il mais autoctono e contribuire alla sovranità alimentare” del paese in cui questo cereale è un ingrediente alimentare di base, consumato in particolare nelle tortillas, torte di farina di mais.

La decisione non è piaciuta agli agricoltori. “Non solo questo metterà gli agricoltori messicani in una posizione di svantaggio rispetto ai nostri concorrenti, soprattutto i coltivatori di mais negli Stati Uniti. Ma destabilizzerà anche la catena agroalimentare per la quale l’importazione di cereali geneticamente modificati è essenziale “, ha affermato Laura Tamayo, portavoce del Consiglio nazionale agricolo del Messico e direttore regionale di Bayer, la cui unità Monsanto produce il diserbante Roundup e il Mais OGM che lo accompagna.  Al contrario, gli oppositori degli OGM rivendicano la vittoria. L’Ong ambientalista Greenpeace Mexico e il Collective Without Corn, No Country hanno accolto con favore l’adozione di un decreto che segna “21 anni di lotta comune” . Dalla fine degli anni ’90, parte della società civile messicana si è mobilitata contro la pretesa delle multinazionali e delle aziende agricole di imporre il mais OGM. Una lotta intrapresa in nome della tutela delle sessanta specie di mais Criollo (tradizionale) di cui il Messico è la storica culla e che sono considerate “essenziali all’autosufficienza e alla sovranità alimentare” del Paese.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase