newsDagli Ogm alle discriminazioni razziali, il lato oscuro del nuovo segretario all’agricoltura scelto da Joe Biden

21 Gennaio 2021by 0

Gli ambientalisti che esultano per l’intenzione di Joe Biden di rimettere al centro dell’agenda statunitense la questione climatica e la lotta all’inquinamento, potrebbero essere fiaccati da un’altra decisione: quella di nominare come segretario all’agricoltura Tom Vilsack, accusato da più parti di essere un “uomo della Monsanto”, oltre che di avere posizioni discriminatorie nei confronti degli agricoltori afroamericani. Secondo George Goehl,  direttore di People’s Action, rete di organizzazioni antirazziste e per la giustizia sociale Usa, con un’opinione pubblicata per il quotidiano inglese The Guardian: “Il suo precedente incarico alla guida del dipartimento era disseminato di fallimenti, che andavano da dati distorti sugli agricoltori neri e discriminazioni a inchinarsi ai conglomerati aziendali”, scrive Goehl.

Le accuse di discriminazione degli agricoltori neri

“La nomina di Vilsack è stata categoricamente respinta da alcune delle persone che hanno aiutato Biden a sconfiggere Trump: organizzazioni che rappresentano i neri, organizzazioni rurali progressiste, agricoltori familiari e ambientalisti. Se il team di Biden stava cercando modi per unire la classe lavoratrice multirazziale, lo ha fatto – in piena opposizione a questa scelta”. Secondo un rapporto investigativo di The Counter, il dipartimento ha pignorato le fattorie di proprietà dei neri a un tasso più elevato rispetto a qualsiasi altro gruppo razziale tra il 2006 e il 2016 “. Durante quel periodo l’agenzia aveva sei volte più probabilità di pignorare un agricoltore nero rispetto a uno bianco. Il rapporto rileva inoltre che dal 2010 al 2012 sono stati presentati oltre 2.800 reclami di discriminazione da parte di “clienti” contro l’Usda e che il dipartimento non è riuscito a indirizzare i propri dipendenti in risposta ai reclami.

I favori al settore della carne

Inoltre, secondo People’s Action, sotto la sua guida durante il secondo mandato di Obama, il dipartimento dell’Agricoltura (Usda) “si prostrò davanti ai lobbisti dell’agribusiness e agli interessi delle multinazionali, sperperando un’occasione d’oro per frenare i monopoli della lavorazione della carne”. Sotto la guida di Vilsack, l’Usda non solo non è riuscita a far passare i regolamenti ai sensi del Packers and Stockyards Act, ma ha anche promosso un piano che essenzialmente consente all’industria del confezionamento della carne di autoregolamentarsi. Vilsack lasciò il suo lavoro all’Usda una settimana prima per diventare un lobbista come amministratore delegato del Dairy Export Council degli Stati Uniti. Come ha detto a Politico Michael Stovall, fondatore di Independent Black Farmers: “Vilsack non fa bene all’industria agricola, punto”.

Le politiche morbide sugli Ogm

Inoltre, con lui alla guida, l’Usda ha accelerato il processo di approvazione per gli organismi geneticamente modificati. Lo stesso Vilsack ha persino aiutato a mediare una legge sull’etichettatura degli Ogm favorevole al settore, progettata per anticipare e sostituire la legge sull’etichettatura più rigorosa proposta dal Vermont. La Biotechnology Industry Organisation – che rappresenta colossi del Biotech- una volta lo ha nominato Governatore dell’anno.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase