fbpx
 

newsPesticidi, 385 milioni di casi di avvelenamento all’anno nel mondo

1 Febbraio 2021by 0

Secondo uno studio, ogni anno ci sono 385 milioni di casi di avvelenamento grave da pesticidi in tutto il mondo. Un fenomeno in crescita dovuto a più fattori: un consumo sempre più massiccio di queste sostanze, la vendita di prodotti catalogati come estremamente pericolosi e il fallimento delle politiche per ridurne l’uso su scala internazionale, europea e nazionale. Partiamo dallo studio condotto dal PAN (Pesticides Action Network International): i ricercatori hanno analizzato 157 pubblicazioni scientifiche prodotto in 141 paesi e raccolto i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità sulle cause di morte di mondo. Dall’incrocio di questi dati è emerso, appunto, che 385 milioni di avvelenamenti nel mondo sono riconducibili all’uso di pesticidi. Di questi, 11mila diventano morti. Questi risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica BCM Public Heal ma, come spiegano i ricercatori, si tratta di stime al ribasso dal momento che, sebbene l’Europa sia molto attenta a comunicare i dati circa le cause di morte all’Oms, lo è molto meno quando si tratta di ricostruire i motivi di avvelenamento che si hanno entro i propri confini.

Nel 1990, l’OMS ha stimato a un milione il numero di gravi avvelenamenti da pesticidi. Questa grande differenza con le cifre attuali non è una coincidenza. È vero, Wolfgang Bödeker e il suo team hanno avuto accesso a più dati, ma questo boom è principalmente il risultato di un aumento dell’uso di questi prodotti. Nell’arco di trent’anni, il loro consumo globale è balzato in media dell’81%. Un dato che include sia il calo del 3% in Europa che l’aumento del 484% in Sud America. Le prime presentazioni sono gli 860 milioni di agricoltori del nostro pianeta che utilizzano regolarmente questi prodotti. Secondo lo studio condotto dal PAN, il 43,6% di loro sono vittime di gravi avvelenamenti ogni anno. Il dato varia ovviamente da un Paese all’altro: la maggior parte dei casi è da deplorare nei Paesi in via di sviluppo, soprattutto in Asia. E per una buona ragione, tra il 1990 e il 2018, questo continente ha aumentato il suo consumo di pesticidi del 95%. Dall’altra parte del globo spiccano anche il Sud America e il Centro America. Non meno di cinque dei dieci paesi più colpiti dalla morte per avvelenamento grave sono presenti. “I pesticidi non arrivano pronti, devi mescolare diversi prodotti ed è nel fare questo che le persone si intossicano”, spiega la dottoressa Cécile Stratonovitch, membro dell’associazione Alerte des médecins sur les pesticides intervistata da Reporterre.

Sfortunatamente, nei paesi che sono meno abituati a questi prodotti, non tutte le misure protettive sono in atto. Come spiega anche la FAO, nei paesi in via di sviluppo, i pesticidi estremamente pericolosi possono presentare rischi significativi per la salute umana, perché le misure di riduzione del rischio come l’uso di dispositivi di protezione individuale non sono efficaci. E l’Europa non sta facendo molto per ridurre l’uso di pesticidi pericolosi nei paesi in via di sviluppo. Anzi. Si pensi al recente rapporto di Greenpeace secondo cui nel 2018 i paesi dell’Unione Europea hanno approvato la spedizione di 81.615 tonnellate di pesticidi contenenti sostanze il cui uso è vietato nel proprio territorio. Il 90% di questi veleni banditi in Europa e inviati all’estero sono prodotti nel Regno Unito, Italia, Paesi Bassi, Germania, Francia, Belgio e Spagna. Questi prodotti arrivano principalmente in 85 paesi, tre quarti dei quali sono in via di sviluppo, come Brasile, India, Thailandia, Messico o Marocco. In totale, il 60% delle vendite di questi HHP viene effettuato nei paesi emergenti.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase