newsIl report del congresso Usa: in baby food alti livelli di metalli pesanti

8 Febbraio 2021by 0

Dagli Usa arriva un allerta: diverse marche di alimenti per bambini ampiamente venduti sono contaminati da livelli pericolosi di metalli pesanti tossici, tra cui arsenico, piombo, cadmio e mercurio. A dirlo è una nuova indagine di una commissione del congresso statunitense. Nel 2015, il Salvagente aveva portato in laboratorio 9 baby food riscontrando un livello di “pulizia” dei prodotti incoraggiante.

L’indagine

Tornando negli Usa, l’indagine, guidata dal repubblicano Raja Krishnamoorthi, Presidente della sottocommissione della Camera per la politica economica e dei consumatori della commissione per la supervisione e la riforma, ha esaminato i risultati dei test interni e i documenti di quattro marchi di alimenti per l’infanzia e ha scoperto che tutti e quattro erano contaminati da metalli pesanti. Secondo la Food and Drug Administration e l’Organizzazione mondiale della sanità affermano che anche bassi livelli di esposizione ai metalli pesanti possono causare danni gravi e spesso irreversibili al cervello dei bambini.

L’accusa all’Fda

Tra le società prese in esame, tre si sono rifiutate di collaborare alle indagini e il sottocomitato ha affermato di nutrire “serie preoccupazioni” sul fatto che il loro rifiuto possa nascondere “livelli ancora più elevati di metalli pesanti tossici nei loro alimenti per bambini rispetto ai prodotti della concorrenza”. “Questo è un altro esempio dell’incapacità della Fda di proteggere le nostre famiglie dalle sostanze chimiche e dai contaminanti negli alimenti”, ha affermato Scott Faber, vicepresidente senior di Environmental Working Group (Ong ambientalista) per gli affari governativi. “L’amministrazione Biden dovrebbe immediatamente indirizzare la Fda a seguire la legge e proteggere le nostre famiglie da questi veleni “, ha aggiunto Faber.

Come ci finiscono i metalli pesanti nel baby food

Molti alimenti per neonati contengono quantità eccessive di metalli pesanti, secondo il rapporto del sottocomitato, e le aziende vendono regolarmente prodotti che contengono ingredienti (alimenti, spezie, additivi o vitamine / minerali) che superano i propri standard interni per i metalli pesanti. La maggior parte delle aziende non testa regolarmente i prodotti finiti e, quando lo fanno, in molti casi, consentono comunque l’immissione sul mercato di prodotti con alti livelli di metalli pesanti, secondo il rapporto. I prodotti biologici avevano le stesse probabilità di avere livelli elevati rispetto ai prodotti convenzionali.

Le aziende testate

Quattro società hanno risposto alla richiesta di dati del sottocomitato: Nurture (che vende prodotti Happy Family Organics e Happy Baby), Beech-Nut Nutrition Company, Hain Celestial Group (che vende i migliori prodotti biologici della Terra) e Gerber. Il rapporto afferma che Walmart, Sprout e Campbell Soup Company (che vende prodotti Plum Organics) non hanno risposto. Tutte le aziende che hanno inviato i dati al sottocomitato hanno riferito di aver trovato arsenico inorganico (la forma più dannosa), piombo e cadmio nei loro prodotti. Solo una società, Nurture, ha regolarmente testato il mercurio.

Le soglie massime e i dati riscontrati

I livelli di tutti i metalli pesanti erano spesso molto al di sopra di ciò che gli esperti considerano sicuro. Ad esempio, la Fda ha fissato un limite nell’agosto 2020 per l’arsenico inorganico nei cereali di riso per neonati a 100 parti per miliardo. Utilizzando 100 ppb come riferimento, un quarto dei prodotti finiti testati da Nurture conteneva più di questo livello, secondo il rapporto. Hain di solito provava solo ingredienti, alcuni arrivavano fino a 309 ppb e alcuni prodotti finiti contenevano fino a 129 ppb. Alcuni ingredienti utilizzati da Beech-Nut hanno fatto rilevare fino a 913 ppb e Gerber ha utilizzato almeno 67 lotti di farina di riso trovando più di 90 ppb di arsenico inorganico. Non esiste uno standard di piombo per gli alimenti per bambini, ma lo standard Fda per l’acqua in bottiglia è di 5 ppb di piombo. Eppure il 20% dei prodotti finiti di Nurture conteneva più di 10 ppb di piombo e molti ingredienti utilizzati da Beech-Nut, Hain e Gerber contenevano più di 20 ppb di piombo.

Ewg: mancano trasparenza e limiti adeguati

“Quando si tratta di esposizione a metalli pesanti, le aziende che realizzano prodotti per bambini dovrebbero rispettare gli standard più severi per la salute”, ha affermato Nneka Leiba, vicepresidente di Healthy Living Science presso EWG. “I bambini sono particolarmente vulnerabili agli effetti di tali sostanze tossiche. Al posto della regolamentazione che disciplina i livelli di metalli pesanti negli alimenti per bambini, i produttori devono essere trasparenti riguardo ai loro standard e ai loro test. Per lo meno, i produttori non hanno assolutamente scuse per non rispettare i propri standard di sicurezza”. La Fda ha stabilito solo una soglia per una categoria ristretta di alimenti per l’infanzia, stabilendo un limite di arsenico inorganico di 100 ppb per i cereali di riso per neonati.

Consumer Reports: Genitori, niente panico

Secondo Consumer Reports, che in passato ha analizzato i baby food, “I risultati del rapporto del sottocomitato non significano che i genitori dovrebbero smettere di dare ai loro bambini alimenti per neonati preparati. Ma dovrebbero limitare la quantità e combinarla con scelte più salutari”. Gli esperti concordano: non esiste un livello sicuro di esposizione ai metalli pesanti, il che significa che minore è l’esposizione, meglio è, soprattutto per i bambini.  “Ciò che il rapporto mostra e ciò che i test stessi di Cr hanno scoperto è che alcuni alimenti sono più rischiosi di altri – afferma James Dickerson, PhD, direttore scientifico per Consumer Reports – Nel contesto di una dieta complessivamente varia e sana, la somministrazione occasionale anche di un prodotto con questi livelli elevati non danneggerà in modo permanente il tuo bambino”. Invece, è l’esposizione cronica a questi metalli nel tempo che è problematica.

Le richieste di cambio marcia alla Fda

Secondo Ewg, “l’Fda deve testare tutti i prodotti alimentari per bambini per i metalli pesanti tossici, non solo gli ingredienti utilizzati per preparare il cibo. L’agenzia dovrebbe inoltre richiedere ai produttori di segnalare i livelli di metalli pesanti tossici sulle etichette dei prodotti alimentari. Dovrebbe anche fissare i livelli massimi per tutti i metalli pesanti tossici presenti negli alimenti per bambini”.

Quando il test lo avevamo fatto noi in Italia

Nel numero di novembre 2015 del Salvagente (Che allora si chiamava Test),per capire le dimensioni del problema, avevamo deciso di fare una ricerca diretta, sottoponendo ad analisi 9 alimenti per la prima infanzia. Come vedete dalla tabella sottostante i risultati sono tranquillizzanti, anche considerando i limiti per l’acqua, di certo molto più stringenti di quelli relativi a un alimento che si consuma in dosi molto più limitate.

Tabella metalli pesanti baby food novembre 2015
Tabella metalli pesanti baby food novembre 2015

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase