newsUna nuova ricerca Usa trova i Pfas nei pesticidi: “Un problema di proporzioni epiche”

10 Marzo 2021by 0

Pfas nei pesticidi comuni, che moltiplicano la contaminazione dei terreni in cui vengono usati. A dirlo un nuovo test condotto da un gruppo ambientalista Usa Public Employees for Environmental Responsibility (Peer) e pubblicato da E&E News. I risultati, descritti come “profondamente preoccupanti”, sollevano una serie di questioni per la salute pubblica – comprese le implicazioni per la sicurezza alimentare. I test effettuati da Peer hanno rilevato sostanze per- e polifluoroalchiliche (Pfas), una classe di sostanze chimiche legate a una vasta gamma di problemi di salute, interferenti endocrini, in alcuni erbicidi e insetticidi liberamente venduti.

Lo studio

“Non è chiaro come i Pfas entrino nei pesticidi – scrive E&E News – e se i produttori stiano aggiungendo intenzionalmente le sostanze chimiche, al contrario della contaminazione accidentale dalle apparecchiature utilizzate per produrre o trasportare i pesticidi”. I test hanno rilevato Pfas nell’agente di controllo delle zanzare e delle zecche Mavrik Perimeter, prodotto da Zoecon. I test iniziali hanno rivelato Pfas in almeno altri tre pesticidi, sebbene siano necessarie ulteriori analisi per confermare tali risultati.

A dicembre trovati nei barili

I nuovi risultati dei test seguono la scoperta di Pfas da parte di Peer di dicembre nel prodotto ampiamente utilizzato per il controllo delle zanzare Anvil 10 + 10, che è stato successivamente confermato dall’Agenzia per l’ambiente Usa (Epa). L’agenzia – che non ha commentato i test più recenti di Peer – sostiene che il Pfas in Anvil 10 + 10 proveniva dai barili di polietilene ad alta densità utilizzati per il trasporto dei pesticidi. Oggi, l’EPA ha dichiarato a E&E News di aver trovato otto diversi Pfas in barili che trasportano Anvil 10 + 10. I test sui barili hanno rilevato più composti Pfas rispetto ai test di dicembre di Peer trovati nel pesticida effettivo, con livelli totali in barili di dimensioni diverse che vanno da 20 a 50 parti per miliardo. Non tutti i Pfas trovati nei barili sono stati assorbiti nel pesticida. Ma la presenza di Pfoa, in particolare, è preoccupante, perché il composto è stato interrotto dai produttori anni fa a causa delle preoccupazioni sui suoi effetti negativi sulla salute.

L’origine

L’Epa afferma che il composto è stato “creato come risultato del processo di fluorurazione”. In generale, il Pfoa può anche svilupparsi quando altri Pfas si rompono nel tempo e Peer ha anche ipotizzato che il composto potrebbe essere una contaminazione ereditaria delle apparecchiature utilizzate nella produzione dei barili. Nel frattempo, un portavoce della Agenzia per la sicurezza alimentare (Fda) ha detto che il dipartimento sta lavorando con l’Epa per sapere “se ci sono implicazioni per la sicurezza degli alimenti” dai barili fluorurati, sottolineando che Anvil 10 + 10 non è approvato per l’uso sui raccolti.

Le critiche all’Agenzia per l’ambiente

Ma per Kyla Bennett, direttrice della politica scientifica presso Peer, l’Epa dovrebbe essere più proattiva nell’avvertire il pubblico sulla possibilità e le implicazioni della contaminazione da Pfas nei pesticidi. “Ora abbiamo cinque diversi produttori che vendono pesticidi contaminati da Pfas”, ha detto Bennett, sottolineando le ultime scoperte di Peer. “Questo è un problema di proporzioni epiche”. Ma Bennett è particolarmente preoccupata per il fatto che l’Epa sia troppo focalizzato sui test sui Pfas provenienti dai barili. I nuovi test condotti da Peer hanno rivelato composti Pfas diversi da quelli trovati nei barili Anvil 10 + 10, sollevando dubbi sul fatto che le sostanze chimiche possano entrare nei pesticidi con altri mezzi, sollevando il dubbio che i produttori stiano aggiungendo intenzionalmente i composti nei pesticidi come i cosiddetti ingredienti inerti. Se ciò è vero, le aziende non dovrebbero rivelare la presenza delle sostanze chimiche nei loro prodotti.

Pfas ingredienti “invisibili” in etichetta

La legge negli Usa, infatti, richiede che i consumatori vengano informati solo sugli ingredienti attivi che prendono di mira i parassiti indesiderati. I consumatori non hanno bisogno di essere informati della presenza di ingredienti “inerti” – che potrebbero essere aggiunti per aiutare i pesticidi ad attaccarsi o penetrare nelle piante, per esempio – e questi spesso non sono elencati sulle etichette dei prodotti anche se possono apparire in grandi quantità e essere tossico quanto i principi attivi di un pesticida. Bennett ha detto che i funzionari dell’Epa le hanno riferito che alcuni Pfas sono usati come propellenti nei pesticidi.

I produttori negano di usarli

Ma ufficialmente l’Epa e i produttori contestano le affermazioni secondo cui i Pfas sono utilizzati nei pesticidi, Zoecon non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Ma i produttori degli altri pesticidi in questione affermano di non utilizzare Pfas nei loro prodotti. Quando E&E News ha chiesto all’Epa se i composti potessero essere usati come ingredienti inerti come i propellenti nei pesticidi, l’agenzia ha riconosciuto che alcuni gruppi considerano “sostanze chimiche artificiali con almeno un atomo di carbonio completamente fluorurato” come parte della famiglia Pfas. Ma dopo aver ripetutamente affermato che non vengono utilizzati Pfas come ingredienti inerti, l’agenzia ha affermato che i pesticidi attualmente registrati non contengono ingredienti che hanno “strutture o proprietà paragonabili a Pfas prominenti”, ma nulla dice su altri composti meno noti.

 

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase