news“Vodafone e l’attivazione senza la mia firma sul contratto. Lo possono fare?”

10 Marzo 2021by 0

Caro Salvagente

ho un problema con Vodafone. Il 29 dicembre scorso tramite il web ho stipulato un contratto Internet Casa a 29,90 euro. Dopo un paio di giorni mi arriva il contratto da firmare: noto alcune cose che non mi convincono e decido di avvalermi del diritto di recesso quindi invio una Pec a Vodafone per disdire. Pensavo che tutto fosse finito. Ora mi accorgo che dal mio conto hanno prelevato 114,33 euro. Mi chiedo: possono farlo visto che non ho firmato nessun documento?

Giacomo Campo

La situazione nella quale si è ritrovato il nostro lettore è purtroppo diffusa. Come ci si può tutelare? Ecco il parere di Valentina Masciari responsabile Utenze di Konsumer Italia:

Le regole in tema di recesso  da un contratto concluso a distanza, come quello del signor Campo sono previste dal Codice del Consumo, che infatti stabilisce (articolo 52 e seguenti) che per le proposte contrattuali a distanza, o negoziate fuori dai locali commerciali, il consumatore ha diritto di recedere, senza dover fornire alcuna motivazione e senza alcuna penalità, entro il termine di 14 giorni lavorativi.

Tale diritto, regolato dal Codice del Consumo, è rivolto esclusivamente al consumatore, al  quale viene garantita una tutela completa in quanto considerato la parte debole del contratto. Il diritto di recesso si esercita con l’invio, entro il termine suddetto, di una comunicazione scritta, per maggiore sicurezza tracciabile e, nel caso di specie, avendo il signor Campo inviato una Pec, ha seguito la procedura corretta.

Il fornitore, deve anche comunicare al consumatore, la possibilità di esercitare tale diritto di ripensamento e le modalità con cui esercitarlo. Se poi il fornitore omettesse di indicare termini e modalità del recesso, il consumatore potrà esercitare comunque questo diritto ma, il termine passa da 14 giorni dalla conclusione del contratto, a 12 mesi dopo la fine del periodo di recesso iniziale.
A questo punto, in base a quanto ci scrive, il signor Campo ha rispettato la tempistica e ha utilizzato i canali giusti. Nonostante ciò, Vodafone ha effettuato un addebito sul suo conto: direi allora, innanzitutto, di verificare nello specifico a cosa si riferisce tale addebito, perché Vodafone avrebbe dovuto inviare anche la relativa fattura di dettaglio.
L’addebito va, ad ogni modo, considerato come non corretto e quindi va formalmente contestato.
Se il signor Campo non ottiene risposta soddisfacente entro 30 giorni dall’invio della sua contestazione, allora dovrà avviare un tentativo di conciliazione per vedersi restituire il mal tolto.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase