newsPellicce, l’indagine di Hsi: “Negli allevamenti cinesi crudeltà e zero norme anti-Covid”

17 Marzo 2021by 0

Inutili crudeltà, sofferenze, con animali fulminati in modi che prolungano la loro agonia prima della morte e totale disprezzo per le precauzioni sanitarie anti-Covid sono le condizioni in cui versano 19 allevamenti di animali da pelliccia in Cina secondo la denuncia di Hsi, la Humane society international, Ong animalista che ha chiesto al governo del Regno Unito di fermare l’importazione di pellicce dagli allevamenti cinesi.

Secondo Hsi, la Cina nel 2019 ha allevato più di 14 milioni di volpi, 13,5 milioni di cani procione e 11,6 milioni di visoni per fornire pellicce per l’esportazione.

Primo produttore al mondo di visoni

Dopo che la Danimarca ha sospeso l’allevamento di visioni (con l’abbattimento di 15 milioni di esemplari) a seguito dell’emergenza Covid-19, la Cina è candidata per diventare il primo produttore di visoni al mondo. Dall’aprile 2020, si sono verificati focolai di Covid in più di 400 allevamenti di visoni in tutta Europa, con altri focolai negli allevamenti in Nord America. Le autorità cinesi inverce non hanno segnalato focolai negli allevamenti di visoni.

Ma cosa hanno testimoniato le foto e i video degli attivisti di Hsi in Cina? “I nostri investigatori hanno assistito a una quasi totale mancanza di misure di controllo delle malattie e di protezione della salute negli allevamenti di animali da pelliccia, il che è estremamente preoccupante considerando che visoni, cani procioni e volpi sono tutti in grado di contrarre coronavirus”, ha dichiarto al Guardian il direttore esecutivo di Hsi Claire Bass.

Elettrochoc e agonia

La cosa più inquietante che è stata documentata è l’uso di un dispositivo di elettrocuzione destinato a sopprimere rapidamente gli animali – se usato correttamente – erogando una scarica direttamente al cervello. Invece, le riprese video di Hsi sembravano mostrare animali ripetutamente e casualmente pugnalati con la lancia a doppia punta, paralizzandoli ma non uccidendoli del tutto. “Gli animali in uno dei nostri video sono soggetti a elettrocuzione violenta nel corpo e non nel cervello, il che significa che è molto probabile che abbiano patito diversi minuti di estremo dolore fisico” prima di morire ha detto il consulente veterinario di Hsi Alastair MacMillan.

All’appello di Hsi affinché il Regno Unito sospenda l’import di pellicce si è unito anche l’ente di beneficenza britannico per il benessere degli animali, il Rspca. L’Uk ha importato più di 55 milioni di sterline di pelliccia nel 2019, di cui 5,3 milioni di sterline dalla Cina, secondo i dati di HM Revenue and Customs anche se i produttori di pellicce negano che queste pelli vengano da allevamenti incriminati. Tuttavia non esistendo un sistema di tracciamento è difficile stabilire l’origine di questi capi.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase