newsEnd the Cage Age, anche Barilla e Ferrero chiedono lo stop all’allevamento in gabbie

18 Marzo 2021by 0

Le principali aziende alimentari – tra cui Barilla, Ferrero, Mondelēz, Nestlé e Unilever – hanno chiesto all’Unione europea di eliminare l’uso delle gabbie nell’allevamento degli animali, a partire dalle galline ovaiole. Nella lettera, oltre ad elogiare gli obiettivi dell’iniziativa dei cittadini europei “End the Cage Age“, firmata da 1,4 milioni di cittadini dell’UE, le aziende fissano quello dell’eliminazione delle gabbie come primo passo di un progetto più ampio che ha l’obiettivo di revisionare le leggi dell’UE sul benessere degli animali.

Riformare l’industria alimentare dall’interno

Nella lettera, le società hanno affermato di essere “impegnate a riformare l’industria alimentare, dall’interno”, aggiungendo che “la revisione della legislazione sul benessere degli animali rappresenta l’opportunità ideale per una base giuridica per porre fine all’uso delle gabbie nell’allevamento dell’UE, a partire da galline in gabbia e sostenere gli agricoltori nella transizione “. Le aziende hanno affermato che “i sistemi senza età sono diffusi, economicamente sostenibili e forniscono migliori condizioni di vita per le galline”.

La lettera sottolinea che l’impegno economico per l’eliminazione graduale delle gabbie per le galline dall’UE in particolare è forte. Le aziende firmatarie e oltre 1000 altre imprese in tutta Europa – compresi rivenditori, produttori e fornitori di servizi alimentari – hanno eliminato le uova in gabbia dalla loro catena di approvvigionamento o si sono impegnate a farlo entro il 2025. In effetti, la maggior parte delle galline allevate a fini commerciali nell’UE sono allevati in sistemi alternativi, siano essi fienili, ruspanti o biologici.

L’UE deve recuperare il ritardo

“Molte aziende sono già all’avanguardia, avendo eliminato gradualmente le gabbie nelle loro catene di approvvigionamento. Un futuro senza gabbie è davvero possibile ed è già reso possibile da alcune aziende progressiste”, ha affermato Olga Kikou, Responsabile di Compassion in World Farming EU e Rappresentante sostituto dell’iniziativa dei cittadini europei” End the Cage Age”. “L’UE deve ora mettersi al passo e introdurre nuove regole in linea con le aspettative dei cittadini. Chiediamo all’UE di rivedere le sue regole per gli animali d’allevamento, la direttiva 98/58 / CE, in modo che l’uso crudele delle gabbie sia posto fine a tutte le specie “.

 

 

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase