newsLa moda dei dentifrici senza fluoro ha senso?

20 Marzo 2021by 0

Negli ultimi anni si sono sviluppate formule di dentifricio “100% naturali”, con una caratteristica confermata: l’assenza di fluoro. A partire da questa constatazione 60 millions de consommateurs ha passato in rassegna i pro e i contro dei prodotti per l’igiene orale con o senza questo comune ingrediente.

Cosa dicono gli esperti

“Dovremmo adottare questa tendenza? Solo se sei pronto a rispettare una disciplina molto rigorosa: dai tre ai quattro minuti di cura dei denti, due volte al giorno, quando la spazzolatura media del francese raggiunge i 43 secondi.” scrive il magazine d’oltralpe. L’Unione francese per la salute sconsiglia questa scelta. “Senza fluoro è una perdita di opportunità nella prevenzione delle carie”, insiste il dottor Christophe Lequart, chirurgo dentale e portavoce dell’associazione professionale.

Riduzione del 24% delle carie

L’azione di questo elemento chimico, presente nella lista degli ingredienti sotto forma di fluoruro (sodio, calcio, ecc.), è ben documentata. “Previene la proliferazione dei batteri della placca dentale”, afferma il dott. Lequart. Ancora più importante, rafforza lo smalto dei denti, rendendolo meno suscettibile agli attacchi di acido che si verificano dopo l’assunzione di cibo”. Nel 2003, una revisione (“meta-analisi”) di 70 studi clinici ha mostrato che l’uso del dentifricio al fluoro si traduce in una riduzione del 24% della carie sui denti permanenti. Gli autori, citati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, hanno concluso che ci sono “prove evidenti” dell’azione preventiva del fluoro sulla carie, proporzionale al numero di spazzolature giornaliere. Questo effetto è stato valutato con 100 mg di fluoruri per 100 g di pasta, che corrisponde al limite inferiore dei dentifrici per adulti presenti nei supermercati (da 1000 a 1500 ppm).

Ma l’assunzione eccessiva potrebbe causare problemi alla salute

Allora perché un numero crescente di marchi sta andando senza fluoro? Solo un produttore ha accettato di rispondere a 60 millions de consommateurs: i laboratori Léa Nature, che commercializzano il dentifricio Dentavie. “Abbiamo escluso tutti gli ingredienti per i quali la letteratura scientifica mostra un ‘rumore di fondo’ negativo: sospetti interferenti endocrini, tensioattivi che causano afte, fluoro, ecc.”, Spiega Mathilde Hagège, responsabile innovazione, ricerca e sviluppo di Léa Nature. Infatti, “il fluoro è un elemento ambivalente, dotato di effetti benefici durante assunzioni moderate ed effetti nocivi sulla salute umana durante assunzioni eccessive e prolungate”, ha osservato ANSES in un rapporto del 2004.

Cautela per gli under 12

Allo stato attuale delle conoscenze, si ritiene che dall’età di 9 anni non si debbano superare i 4 mg di fluoruro al giorno – e molto meno prima. Il periodo critico è tra la gestazione (esposizione materna) e l’età di 12 anni (fine della dentizione permanente). L’ingestione eccessiva e prolungata di fluoro può quindi portare alla fluorosi dentale, caratterizzata dalla comparsa di macchie permanenti sui denti. Il rischio è limitato con l’uso convenzionale del dentifricio, in cui la pasta viene espulsa dopo la spazzolatura. Ma aumenta con la moltiplicazione delle fonti di fluoro, in particolare alcune acque minerali o il sale da cucina integrate con fluoro.

Xilitolo, alternativa valida?

Qualche produttore utilizza lo xilitolo in alternativa al fluoro. Infatti, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha approvato l’indicazione sulla salute “riduce il rischio di carie dentale” sulla confezione quando questo zucchero di betulla viene utilizzato nelle gomme da masticare. “Lo xilitolo non sostituisce il fluoro, tuttavia”, pesa il dottor Lequart. Non rinforza lo smalto. “D’altra parte, gli studi riscontrano diversi vantaggi: questo zucchero non viene scomposto in acido dai batteri presenti nella bocca, e blocca leggermente la moltiplicazione dei batteri che lo hanno incorporato. “Indurrà anche un aumento della produzione di saliva. Tuttavia, questo ha un ruolo tampone e fornisce minerali che rimineralizzeranno lo smalto. Un’alternativa parziale al fluoro quindi, ma non poco interessante. Attenzione, però: lo xilitolo non si trova in tutti i dentifrici privi di fluoro.

Per evitare il fluoro, serve igiene impeccabile

Per fare a meno del fluoro, il dottor Lequart avverte: “Dovrai quindi adottare un’igiene dentale impeccabile: due volte al giorno, lavati i denti per due minuti, poi usa il filo interdentale o lo spazzolino per altri due minuti. “Questa azione meccanica, unita alla presenza di prodotti saponosi e di silice nel dentifricio, aiuta a sciogliere la placca dentale. “Sarà anche necessario vietare gli spuntini, che promuovono gli attacchi acidi che causano la carie”, aggiunge il dentista.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase