fbpx
 

Solo l’1% delle big companies sta facendo qualcosa contro la deforestazione

25 Marzo 2021by 0

Solo l’1% tra le oltre 500 aziende più grandi del mondo sta veramente facendo qualcosa per ridurre la deforestazione. A rilevarlo è un’analisi condotta da Cdp, una Ong internazionale che si occupa di verificare l’impatto ambientale delle attività produttive. L’analisi, riportata da edie.net, media partner di Euractiv. I settori caldi in questo senso sono quelli dei prodotti del legno, dell’olio di palma, della soia, dei prodotti del bestiame, della gomma, del cacao e / o del caffè. Secondo il rapporto, mentre il 93% delle 553 aziende sta adottando almeno una delle 15 misure accettate dal settore per proteggere le foreste, un’azione è quella in cui si è fermata per la maggior parte delle aziende. Solo l’1% delle aziende analizzate ha intrapreso tutte o quasi tutte le azioni rilevanti per le proprie operazioni e catene di fornitura, ovvero Essity, Tetra Pak, L’Oreal e Mars. Le azioni approvate dall’industria comprendono la garanzia di una supervisione a livello di consiglio di amministrazione sull’impatto delle foreste; definizione di solide politiche pubbliche contro la deforestazione; impegnarsi con i fornitori sui processi e implementare sistemi per verificare la conformità con gli standard e gli obiettivi concordati.

Mars

Per esempio, nel 2020, Mars ha fatto chiarezza riguardo cinque materie prime utilizzate: prodotti di bestiame, cacao, olio di palma, soia e prodotti del legno. “Sta prendendo almeno otto azioni accettate dal settore per ogni merce e sta dimostrando le migliori pratiche per
olio di palma adottando misure su tutta la gamma” scrive Cdp.

L’Oreal

Si prevede che il cambiamento climatico si tradurrà in un aumento frequenza e gravità degli eventi meteorologici estremi con conseguenti cambiamenti nei modelli di precipitazione. Come sono previsti cambiamenti in particolare in Indonesia e Malesia da cui L’Oréal ricava il 99,7% olio di palma, ingrediente importante nei suoi prodotti. Questo
potrebbe causare volatilità dei prezzi con conseguente aumento dei costi di produzione
costo di produzione. Per superare questo rischio, L’Oréal ha pensato a costruire la resilienza delle sue catene di approvvigionamento mettendo in campo progetti e creazione di attività a più lungo termine, oltre che accordi con fornitori a monte. Dal 2015, L’Oréal ha lavorato con la sua catena del valore della palma e per promuovere l’adozione di miglioramenti
in pratiche agricole, tracciabilità e certificazione tra i produttori malesi. Nel 2019,
L’Oréal ha anche collaborato con un centro di ricerca per lavorare a stretto contatto con i piccoli agricoltori e contribuire a migliorare la qualità del suolo e la produttività. “Lavorare a stretto contatto con gli agricoltori consentirà di fornire loro più valore, in ultima analisi, migliorare la redditività dell’azienda agricola, assicurando i volumi richesti a L’Oréal e
stabilizzare i prezzi” scrive Cdp.

Barilla

I prodotti derivati dal legno sono uno dei principali motori della globalizzazione deforestazione, a causa della grande varietà di usi del legname e legno lavorato. Tra questi ci sono carta e imballaggi. “C’è una pressione crescente sulle aziende da consumatori sempre più consapevoli del questioni ambientali e conseguenze negative della produzione di carta come la deforestazione. Per assicurarsi che ciò non provochi danni al marchio, Barilla Holding SpA ha sviluppato una serie di principi per garantire la sostenibilità del suo packaging. Come risultato, 100% di cartoni e carte pieghevoli a base di legno acquistato da Barilla Holding SpA proveniva da foreste gestite in modo sostenibile” scrive Cdp.

Unilever

Aumentare la consapevolezza dei consumatori sull’impatto di le catene di approvvigionamento delle materie prime sulle foreste potrebbero causare campagne e un boicottaggio di prodotti che potrebbero causare danni alla reputazione dei marchi. per questo Unilever ha messo in campo una strategia per gestire questo rischio, “lavorando
a stretto contatto con i suoi fornitori di cacao per raggiungere il suo impegno con il Consumer Goods Forum di rifornirsi di Cacao al 100% senza deforestazione entro la fine del 2023. Come gruppo, Unilever ha ottenuto l’89% di cacao in modo sostenibile nel 2019 utilizzando FairTrade e la certificazione Rainforest Alliance. È diventato anche un firmatario
dell’iniziativa Cocoa & Forests che si concentra sull’impatto per i piccoli coltivatori della deforestazione, lavorando con altre aziende che lavorano con gli agricoltori sul campo per rafforzare l’uso sostenibile del suolo nella produzione di cacao.

Serve un’azione olistica, anche perché i costi saranno alti

Secondo Cdp, però “è necessaria un’azione olistica in tutte queste aree di azione, a un ritmo maggiore e su scala più ampia, se le imprese vogliono rispondere adeguatamente alla doppia crisi climatica e naturale”. L’inazione sulla deforestazione porterà un alto costo finanziario nei prossimi anni e decenni. Le aziende che hanno riferito a Cdp hanno segnalato collettivamente 53,1 miliardi di dollari di rischi dalla deforestazione nell’ultimo periodo di rendicontazione. Mentre, secondo i calcoli dell’Ong, affrontare i rischi segnalati dalle aziende ammonterebbe a soli 6,6 miliardi di dollari, solo il 12% del costo potenziale dell’inazione. “La distruzione delle foreste vitali del mondo pone enormi rischi per il clima, la natura, l’economia e aumenta anche il rischio di future pandemie, poiché l’attività umana invade gli habitat della fauna selvatica ed entra in contatto con virus zoonotici”, ha aggiunto il direttore associato delle foreste di CDP , Sareh Forouzesh.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase