newsOssido di etilene, scandalo in Usa: l’Agenzia per l’ambiente sotto Trump ha invitato l’industria a dichiarare meno emissioni

1 Aprile 2021by 0

Per tutta la seconda parte del 2020 abbiamo raccontato l’invasione e i richiami in Europa di prodotti a base di sesamo, ma non solo, contaminati da ossido di etilene, sostanza tossica utilizzata impropriamente in India durante lo stoccaggio. Adesso lo scandalo arriva dagli Stati Uniti. Qui, infatti, l’Agenzia per la Protezione ambientale (Epa), sotto l’amministrazione Trump, ha invitato le aziende a modificare retroattivamente i record delle emissioni di ossido di etilene. A rivelarlo è il sito di inchieste Intercepted: la giornalista investigativa Sharon Lerner ha svelato come 122 tonnellate di ossido di etilene chimico siano svanite dai registri pubblici subito dopo che l’Epa aveva stabilito che era più tossico di quanto precedentemente noto. L’ossido di etilene è un gas incolore e inodore utilizzato per produrre molti beni di consumo e ampiamente utilizzato come agente nella sterilizzazione di apparecchiature mediche. Come riferisce Lerner, un numero sproporzionato di comunità povere e comunità afroamericane deve ancora essere allertato del fatto che livelli elevati di ossido di etilene cancerogeno permeano l’aria che respirano. Secondo Intercepted un gruppo di donne del Texas a cui è stato diagnosticato il cancro al seno sostiene una connessione all’esposizione alla sostanza chimica.

Le storie degli abitanti di Lake County morti di cancro

“Millie Corder non sapeva perché ci fosse così tanto cancro nella sua famiglia – scrive Sharon Lerner – Sua figlia, Cheryl, aveva solo 27 anni quando le fu diagnosticato un cancro al seno e 34 quando la malattia la uccise nel 2002. A quel tempo, al marito di Millie, Chuck, era stato diagnosticato un cancro alla prostata. Si è ripreso, solo per sviluppare il cancro della pelle nel 2005. L’anno successivo, a Millie stessa è stato diagnosticato un cancro al colon e, due anni dopo, un cancro al seno. Furono anni confusi, mentre faceva la spola tra il suo ufficio, la sua casa e gli appuntamenti con i medici. Mentre si stava riprendendo, Chuck morì di cancro. Due anni dopo, il suo figliastro, Brian, fu diagnosticato e morì di cancro ai polmoni. Millie Corder non può ancora dire con certezza perché la sua famiglia sia stata devastata dal cancro. Ma da quando ha seppellito sua figlia, il figliastro e il marito, ha saputo che il quartiere in cui vivevano e lavoravano a Lake County, Illinois, è stato inondato da quantità pericolose di un gas incolore e cancerogeno chiamato ossido di etilene. Altri a Gurnee, così come la vicina Waukegan, hanno sperimentato realizzazioni simili negli ultimi due anni, da quando hanno iniziato a radunarsi nel seminterrato di una chiesa locale per vedere cosa potevano fare per fermare l’inquinamento”.

Le industrie che lo utilizzano

La contea di Lake, nell’Illinois, in effetti ospita due stabilimenti industriali che rilasciano ossido di etilene. Medline a Waukegan utilizza il gas per sterilizzare le apparecchiature mediche. E Vantage Specialty Chemicals a Gurnee utilizza l’ossido di etilene per produrre altre sostanze chimiche e prodotti di consumo. Tra le crescenti pressioni da parte dei sostenitori e una raffica di cause legali, tra cui una intentata per conto di Sefton e Bennett, l’Illinois ha approvato due leggi che regolano l’ossido di etilene nel 2019. Nel frattempo, entrambe le società hanno deciso di ridurre la quantità di gas rilasciato. John Aldrin, uno scienziato locale e membro di Stop EtO a Lake County, ha tenuto d’occhio il monitoraggio dell’aria. Da casa sua, poteva vedere le case di tre persone che hanno sviluppato il cancro e Aldrin sperava che il monitoraggio effettuato dopo che entrambe le strutture avevano iniziato a funzionare con permessi più severi avrebbe finalmente dimostrato che la loro aria era sicura. In alternativa, ha pensato, il monitoraggio potrebbe rivelare un pericolo continuo che porterebbe a ulteriori azioni da parte delle società e delle autorità di regolamentazione.

Nonostante le denunce poco si è fatto

Ciò che Aldrin non si aspettava era che il monitoraggio della contea avrebbe mostrato un rischio e che nessuno l’avrebbe affrontato. “Eppure è esattamente quello che è successo” scrive Intercepted, “Anche in Illinois, lo stato che ha fatto di più per combattere l’inquinamento da ossido di etilene, le persone sono ancora esposte a livelli di sostanze chimiche al di sopra di una soglia di sicurezza fissata dall’Agenzia per la protezione ambientale più di quattro anni fa. Rendendosi conto che la comunità era stata esposta per decenni, Aldrin e i suoi vicini non pensavano di poter prendere in parola le società emittenti e le autorità di regolamentazione quando hanno affermato di aver affrontato la minaccia tossica”. L’ossido di etilene è incolore e non ha odore a meno che non sia presente a concentrazioni molto elevate. E non esiste un modo ovvio per sapere quando viene rilasciato – e quando entra nei corpi delle persone – a livelli pericolosi. Quindi, per garantire che la loro aria sia sicura, gli attivisti locali fanno affidamento sui registri pubblici.

La complicità dell’Epa

Ma mentre il gruppo della comunità scandagliava i registri pubblici sull’ossido di etilene, le aziende che rilasciavano la sostanza chimica stavano conducendo silenziosamente la propria campagna: modificare quei record per far apparire le loro emissioni più piccole e meno dannose, cancellando così migliaia di migliaia di di sterline dal registro pubblico. Quel che è peggio, almeno in alcuni casi sembra che lo abbia fatto su invito dell’Epa, che, sotto la guida di ex dirigenti dell’industria chimica nominati presidente Donald Trump, ha ritirato in modo aggressivo le salvaguardie contro l’inquinamento atmosferico. Nel marzo 2020, l’Ufficio dell’ispettore generale dell’Epa ha pubblicato un rapporto sull’incapacità dell’agenzia di allertare le comunità con elevati rischi di cancro a causa dell’ossido di etilene, tra cui Port Neches, sui pericoli che hanno dovuto affrontare. Il rapporto ha criticato l’Epa per aver lasciato all’oscuro le comunità vulnerabili e ha raccomandato all’agenzia di fornire ai residenti che vivono vicino a 25 strutture ad alta priorità “un forum per uno scambio interattivo di informazioni con l’Epa o il personale statale riguardo ai problemi di salute legati all’esposizione all’ossido di etilene. Solo nove delle comunità erano state avvertite dall’Epa o dalle autorità statali del rischio di cancro a causa dell’ossido di etilene. Ma un anno dopo, l’agenzia non ha ancora contattato le restanti comunità. Le oltre 150.000 persone che vivono entro 2 miglia dagli altri 16 stabilimenti non hanno sentito alcun avvertimento ufficiale dall’Epa.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© 2020 – Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase