fbpx
 

L’utilizzo eccessivo di cortisone contro l’asma può avere effetti controproducenti e ridurre l’efficacia del vaccino anti-Covid

19 Aprile 2021by 0

Troppo cortisone preso per via orale per l’asma può aumentare il rischio di altre malattie negli asmatici, oltre che ridurre l’efficacia del vaccino anti-Covid. A dirlo è una campagna social lanciata per sensibilizzare sugli effetti del cortisone per via orale per l’asma da Rete Sani (Severe Asthma Network Italy), promossa dalla Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (Siaaic) e la Società Italiana di Pneumologia (Sip), con FederAsma.

Come spiega la campagna, riportata dall’Ansa, sopra i 7,5-10 milligrammi al giorno infatti, l’effetto immunosoppressore del cortisone orale prevale su quello antinfiammatorio e si rischia una risposta inferiore al vaccino, oltre che un decorso peggiore dell’infezione da SarsCoV2. “I corticosteroidi per via orale – rileva Francesco Blasi, docente di Malattie Respiratorie della Statale di Milano – dovrebbero essere utilizzati solo nelle crisi acute. In caso di asma grave, vanno impiegati ai minori dosaggi possibili e come seconda scelta, dopo aver valutato l’opportunità di terapie biologiche come gli anticorpi monoclonali”.

Trattamenti ingiustificati

In Italia circa 4 milioni di persone soffrono di asma, “di cui circa mezzo milione viene trattato con cortisone orale, anche se con asma lieve, in modo del tutto ingiustificato”, precisa Giorgio Walter Canonica, dell’Istituto Clinico Humanitas di Milano. Percentuali che si impennano per gli oltre 200mila asmatici gravi: la metà assume cortisone per bocca e nella quasi totalità dei casi in modo cronico da più di 2 anni, con un elevato rischio di effetti collaterali. Secondo un’indagine Doxa, condotta su circa 300 pazienti e 300 medici, il 63% di chi utilizza cortisone per via orale soffre di più patologie. Percentuale che sale al 73% in chi segue una terapia con cortisone orale continuativa, per più di 6 mesi.

Costi crescenti e benessere calante

Anche i costi economici derivanti dal cattivo utilizzo del cortisone sono alti: per far fronte agli effetti collaterali si stima una spesa di 240 milioni di euro annui, stando al più recente studio italiano della rete Sani e dell’Università di Pavia, secondo cui la spesa sanitaria cresce con l’aumentare dell’uso dei cortisonici per via orale. Per un soggetto non asmatico si parla di circa 1000 euro l’anno, mentre per chi ha asma grave si arriva a circa 2000 a paziente. “Per di più il benessere dei pazienti peggiora con l’impiego di cortisone per via orale – conclude Pierluigi Paggiaro, docente di malattie respiratorie dell’Università di Pisa – solo il 12% degli asmatici gravi dichiara di avere una qualità di vita elevata, contro il 28% di chi si cura con altri farmaci”.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase