fbpx
 

Nuove accuse per gli interferenti endocrini: aumentano il rischio di sviluppare il cancro al seno

27 Aprile 2021by 0

Una revisione di recente pubblicazione della ricerca epidemiologica delle università di Hong Kong e della Finlandia orientale ha evidenziato la crescente evidenza di collegamenti tra i composti che alterano il sistema endocrino (EDC) e il cancro al seno.

Sappiamo già che gli interferenti endocrini sono in grado di alterare il normale funzionamento del sistema ormonale e, allo stesso tempo, sappiamo che evitare, o anche solo ridurre l’esposizione, è cosa assai complessa: sono ovunque. Pesticidi, plastificanti, altri prodotti chimici industriali e farmaceutici e fonti naturali, l’esposizione agli interferenti endocrini si verifica spesso attraverso il cibo, l’acqua potabile, il contatto con la pelle e l’aria. Qui abbiamo provato a tracciare una mappa.

Pubblicata su Critical Reviews in Food Science and Nutrition, la revisione si è concentrata sugli EDC e sul loro effetto sul cancro al seno, il cancro più comune tra le donne.

La revisione ha rilevato che “crescenti evidenze epidemiologiche suggeriscono che gli EDC possono influenzare lo sviluppo o la progressione del cancro al seno e di conseguenza portare a conseguenze dannose per la salute per tutta la vita, specialmente quando l’esposizione si verifica durante i primi anni di vita negli esseri umani”.

Atrazina, diossina e PBDE

La ricerca ha affermato che c’è stato un crescente interesse scientifico per il ruolo degli xenoestrogeni (EDC che imitano gli estrogeni) nello sviluppo del cancro al seno.

Questi includono l’erbicida atrazina, sostanze chimiche sintetiche come la diossina sottoprodotto industriale, i PBDE presenti nei rivestimenti e negli elettrodomestici dei mobili per la casa e le micotossine prodotte dagli alimenti e dalle muffe delle colture.

La revisione comprendeva 131 studi epidemiologici che valutavano questo legame, principalmente attraverso la misurazione degli EDC e dei loro metaboliti nelle urine, nel siero, nel plasma o nei tessuti adiposi dei pazienti.

Tuttavia, la revisione ha anche rilevato che per molte sostanze chimiche le prove sono incoerenti o limitate.

Il DDT antiparassitario ampiamente vietato è uno degli EDC più studiati in relazione al rischio di cancro al seno. Su 43 studi epidemiologici, undici hanno riportato un legame tra DDT in lipidi, siero o plasma e casi di cancro al seno. Nove hanno riportato livelli di DDT più elevati tra le donne con cancro al seno rispetto ai controlli. In alcuni studi, il DDT era anche collegato al cancro al seno positivo agli estrogeni o ereditario.

La ricerca ha rilevato che anche i policlorobifenili (PCB) sono stati al centro di molti studi. 50 studi hanno riscontrato che l’associazione tra PCB e rischio di cancro al seno non è coerente. Tuttavia, 19 di questi PCB specifici collegati a una maggiore incidenza di cancro al seno. Proprio come con il DDT, i PCB si accumulano nel tessuto adiposo attraverso la catena alimentare e possono essere escreti nel latte materno.

L’acido perfluoroottanoico (PFOA), spesso presente negli imballaggi alimentari o nelle pentole, è stato collegato nella revisione al rischio di cancro al seno in tre dei cinque studi sull’argomento.

 

 

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase