fbpx
 

L’Oms abbassa i limiti massimi di sale nel cibo

7 Maggio 2021by 0

La maggior parte delle persone consuma il doppio dei 5 g di sale giornaliere raccomandati dall’Oms, esponendosi a un rischio maggiore di malattie cardiache e ictus, patologie che uccidono circa 3 milioni di persone ogni anno. Per questo, l’Organizzazione mondiale della sanità ha rilasciato una nuova serie di parametri di riferimento globali per i livelli di sodio in oltre 60 categorie di alimenti che aiuteranno i paesi a ridurre il contenuto di sodio negli alimenti per migliorare le diete e salvare vite umane.

Le linee guida

“Who Global Sodium Benchmarks for Different Food Categories” è una guida per i paesi e le industrie per ridurre il contenuto di sodio in diverse categorie di alimenti trasformati. I benchmark globali del sodio dell’Oms si rivolgono a un’ampia gamma di categorie di prodotti alimentari trasformati e confezionati che contribuiscono in modo significativo a diete eccessivamente salate. Pane trasformato e confezionato, snack salati, prodotti a base di carne e formaggi sono tra le categorie di prodotti alimentari ad alto contenuto di sodio identificate per i nuovi benchmark globali.

Obbiettivo: meno 30% entro il 2025

In tutto il mondo, il consumo di alimenti trasformati è una fonte di sodio in rapido aumento. “In modo confuso, prodotti alimentari trasformati simili spesso contengono quantità diverse di sodio in paesi diversi” spiega l’Oms in una nota “I parametri di riferimento globali armonizzati dell’Oms mostreranno ai paesi come possono progressivamente abbassare i loro obiettivi, in base ai loro ambienti alimentari locali, e incoraggeranno l’industria ad abbassare di conseguenza il contenuto di sodio negli alimenti trasformati e avanzare verso l’obiettivo dell’Oms di una riduzione del 30% dell’assunzione globale di sale entro il 2025″.

L’esempio del Regno Unito

“La maggior parte delle persone non sa quanto sodio consuma o i rischi che comporta”, ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. “Abbiamo bisogno che i paesi stabiliscano politiche per ridurre l’assunzione di sale e forniscano alle persone le informazioni di cui hanno bisogno per fare le giuste scelte alimentari. Abbiamo anche bisogno che l’industria alimentare e delle bevande riduca i livelli di sodio negli alimenti trasformati. I nuovi parametri di riferimento dell’OMS offrono ai paesi e all’industria un punto di partenza per rivedere e stabilire politiche per trasformare l’ambiente alimentare e salvare vite umane “. Nel Regno Unito, gli obiettivi volontari per i produttori di alimenti per riformulare i prodotti hanno ridotto l’assunzione di sale per adulti di circa il 15% tra il 2003 e il 2011, indicando che la definizione di obiettivi su più categorie di alimenti può ottenere riduzioni significative del consumo di sodio.

 

“L’accesso a cibi sani e convenienti è di fondamentale importanza per tutte le persone in ogni paese”, ha affermato il dott. Tom Frieden, presidente e Ceo di Resolve to Save Lives. “Questi benchmark globali sono un primo passo importante. Man mano che i gusti dei consumatori si adattano e la tecnologia avanza, i governi dei paesi e l’Oms possono ridurli costantemente nel tempo fino a quando gli obiettivi di riduzione del sodio nella popolazione non saranno stati raggiunti. Quando riduciamo gradualmente il sodio, il nostro cibo avrà comunque un ottimo sapore e solo i nostri cuori conosceranno la differenza! ”

La nostra simulazione

Va detto che basta fare una simulazione con alcuni dei valori indicati e senza eccedere si supera tranquillamente la soglia dei 5 grammi di sale al giorno stabilita dall’Oms. Immaginiamo di fare colazione con 100 grammi di pancake (330 mg di sale), e a metà mattinata spezzare la fame con 50 grammi di crackers (300 mg), a pranzo dall’ufficio si scende al bar e si mangia un sandwich e un’insalata (rispettivamente 430 e 390 mg per 100 grammi), a metà pomeriggio frutta secca per resistere fino a cena (280 mg), la sera 200 grammi di salmone affumicato (1600 mg), accompagnati da 100 grammi di pane (330 mg), 50 grammi di provolone (312,5 mg) e 100 di olive (780 mg): risultato 512,5 grammi di sale: soglia sforata senza essersi strafogati ma con un’alimentazione probabile per una persona che si alza la mattina presto e affronta una lunga giornata di lavoro.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase