fbpx
 

Ue-Mercosur, il rapporto: con l’accordo crescerà import di pesticidi illegali in Ue

13 Maggio 2021by 0

Secondo uno studio pubblicato dal gruppo di sinistra al Parlamento europeo, l’UE ha esportato 7000 tonnellate di pesticidi mortali – vietati a livello nazionale – nei paesi del Mercosur (Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay) nel 2018-2019. Solo nel 2019, la multinazionale tedesca Basf ha esportato in Mercosur più di 550 tonnellate di fipronil, vietato in Ue. È una sostanza velenosa che causa problemi di salute cronici ed è dannosa per le api e altri impollinatori.

Le mele al fipronil

Secondo i dati che mostra il rapporto, “Queste sostanze pericolose ritornano in Ue attraverso le importazioni di cibo”. Nel 2018, l’Argentina ha esportato nell’Unione europea pere e mele per un valore di 71 milioni di euro, nonostante il fatto che 14 dei pesticidi vietati per l’uso in Europa siano utilizzati nella coltivazione di mele e pere nel paese sudamericano. “Si prevede che l’accordo UE-Mercosur aggravi questo disprezzo in corso per la vita delle persone e la biodiversità in quello che l’autore chiama il “cerchio del veleno””, scrive il gruppo Gue in una nota.

Il disboscamento per il biofuel europeo

Il rapporto lancia anche l’allarme sull’espansione dell’uso del suolo per soddisfare la domanda di biocarburanti nell’Unione europea, equivalente al territorio del Portogallo, e di terreni per la coltivazione di soia, equivalente alle dimensioni della Francia. Miguel Urbán (Anticapitalistas, Spagna) ha denunciato la devastazione in corso e quella potenziale legata all’accordo UE-Mercosur: “Il fatto che l’accordo UE-Mercosur sancisca l’esportazione di pesticidi tossici in Brasile, Argentina, Paraguay e Uruguay ci dà un’idea del tipo di politica commerciale che questo accordo rappresenta”. Urbàn aggiunge: “Di fronte alle strategie subdole in atto nell’UE per approvare al più presto la ratifica dell’accordo, insistiamo, come hanno già fatto molti governi nazionali e centinaia di organizzazioni, che l’unica soluzione è la non ratifica . ”

La richiesta all’Ue: no alla ratifica

Helmut Scholz (Die linke ha evidenziato il ruolo centrale che le multinazionali hanno svolto nella decisione dell’accordo: “Una volta entrato in vigore, l’accordo UE-Mercosur rafforzerà le disuguaglianze tra e all’interno dei due blocchi regionali invece di consentire il commercio equo e lo sviluppo sostenibile. Le multinazionali e le aziende agricole su entrambe le sponde dell’Atlantico hanno svolto un ruolo centrale nel fare pressioni per l’accordo, anteponendo i loro interessi ai bisogni, ai diritti e agli interessi delle persone e dell’ambiente”, “Lo studio mostra anche che questi pericolosi pesticidi, utilizzati nell’agricoltura e nel bestiame, finiscono di nuovo nell’UE e nei nostri piatti tramite importazioni di cibo, avvelenando fiumi e oceani e violando i nostri obiettivi di sviluppo sostenibile”. Anche lui ribadisce che l’accordo Ue-Mercosur deve essere fermato.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase