fbpx
 

Vaccino Covid, ecco perché Big Pharma boicotta il congelamento del brevetto

17 Maggio 2021by 0

Se Big Pharma gioca con la nostra salute… e mette le mani nelle nostre tasche. È la storia che abbiamo raccolto in “Malati!” la guida di 188 pagine con la lista nera dei farmaci che causano più danni che benefici (e di come sostituirli)

Sì! Voglio vedere le Guide del Salvagente

C’era da aspettarsi che l’annuncio di Joe Biden di appoggiare la richiesta di India e Sudafrica a favore di un “congelamento” della protezione intellettuale sui vaccini anti- Covid, lasciasse interdetta Big Pharma. E così è stato: alcuni documenti pubblicati da The Intercept dimostrano il pressing delle aziende farmaceutiche sui senatori statunitensi affinché non appoggino Biden.

La richiesta di rinuncia, che è stata inaspettatamente approvata dall’amministrazione Biden il 5 maggio ed è progettata per fornire l’immunità legale alle aziende farmaceutiche per copiare le formule dei vaccini esistenti per fornire vaccini a basso costo ai paesi a basso reddito, molti dei quali stanno affrontando ritardi che potrebbero prolungare la pandemia.

L’industria farmaceutica si è espressa apertamente contro la mossa dell’amministrazione Biden: “Questa decisione seminerà confusione tra partner pubblici e privati, indebolirà ulteriormente le catene di approvvigionamento già tese e promuoverà la proliferazione di vaccini contraffatti”, ha detto Stephen Ubl, presidente di PhRMA, in una dichiarazione ai giornalisti. Ma l’azione di PhRMA, uno dei gruppi industriali più influenti al Congresso che rappresenta Pfizer, Johnson & Johnson, AstraZeneca e altre importanti aziende farmaceutiche, non si è limitata a questo.

Congelando il brevetto, Cina e Russia avranno più potere

Jared Michaud, un lobbista di PhRMA, ha inviato un’e-mail in cui illustra il ruolo del settore nel persuadere i legislatori a respingere contro una rinuncia. La lettera inedita avverte l’amministrazione Biden che condividere il know-how sui vaccini costerebbe posti di lavoro americani e consentirebbe alla Cina di “trarre profitto dalla nostra innovazione”. Attualmente ha 29 co-firmatari, tutti repubblicani della Camera.

L’e-mail, inviata a un team di consulenti che lavorano per PhRMA, includeva tre serie di punti di discussione per far avanzare l’agenda dell’industria farmaceutica. Uno dei documenti ha esposto potenziali problemi di sicurezza nazionale e ha suggerito che i legislatori dovrebbero sostenere che la rinuncia potrebbe dare potere alla Russia e alla Cina. La proposta di rinuncia, afferma il documento, consentirebbe alla Cina di “divorare scorte di vaccini e tecnologia”.

Un altro documento sui punti di discussione, elencato come “riservato – non per la distribuzione pubblica”, ha chiesto di rafforzare l’argomento secondo cui “la rinuncia alla proprietà intellettuale minerà la risposta globale alla pandemia e comprometterà la sicurezza dei vaccini“. I metadati del documento mostrano che il documento PDF è stato creato da Megan Van Etten, specialista internazionale delle relazioni pubbliche per PhRMA.

Raggiunto da The Intercept per un commento, un portavoce del PhRMA ha riconosciuto il ruolo della lobby nel portare avanti la lettera del Congresso ma non per averla scritta.

“Sebbene non abbiamo avuto alcun ruolo nella stesura di questa lettera, sosteniamo gli sforzi per educare l’amministrazione Biden sulle conseguenze dannose della sua decisione di rinunciare alla protezione della proprietà intellettuale per i vaccini COVID-19, compresi i rischi che minano la nostra capacità di ottenere colpi di armi nei paesi in via di sviluppo e la necessità di lavorare insieme per risolvere i problemi reali che dobbiamo affrontare nel fornire l’accesso globale ai vaccini “, ha affermato Brian Newell, amministratore delegato per le comunicazioni strategiche per PhRMA.

Il valore del brevetto

Nella guida Malati! (che si può acquistare qui) abbiamo raccolto non solo i principali scandali che hanno coinvolti negli ultimi anni Big Pharma ma abbiamo ricostruito le procedure di approvazione di un farmaco (o di un vaccino). Vale la pena ricordare quale sia il valore di un brevetto su un farmaco per capire la portata innovativa della posizione statunitense.

Le finalità del brevetto sono essenzialmente quelle di permettere a chi ha investito tempo e risorse di recuperare i costi necessari per lo sviluppo del farmaco e vedere riconosciuto l’impegno profuso nelle diverse fasi della ricerca. In genere il brevetto farmaceutico dura venti anni a partire dalla data di deposito. In alcuni casi la normativa consente l’estensione fino a un massimo di cinque anni dalla sua scadenza per permettere di recuperare, almeno parzialmente, i lunghi tempi necessari per lo sviluppo del farmaco e la sua immissione in commercio. Il brevetto non decorre però dal momento in cui il farmaco ottiene l’autorizzazione all’immissione in commercio, bensì dal momento in cui ne viene chiesto il diritto esclusivo di sfruttamento, che avviene in genere tra la fase 0 e la fase 1 della ricerca. In pratica, alle aziende del farmaco restano in genere, su 20 anni, circa 10 anni di commercializzazione per rientrare dei propri investimenti.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase