fbpx
 

newsPfas, lo studio europeo: trovati in tre quarti dei contenitori da fast food (McDonald’s, Subways, Kfc…)

23 Maggio 2021by 0

Un nuovo studio sulla presenza di Pfas negli imballaggi usa e getta di tipo alimentare, utilizzati soprattutto dai fast food, getta nuove ombre sui rischi per la salute legati all’esposizione a queste sostanze chimiche. Lo studio presentato dalla Ong ceca Arnika, in collaborazione con la Health and Environment Alliance ( Heal), Chem Trust e altre sei organizzazioni senza scopo di lucro in Europa, riporta che su 42 campioni inviati per l’analisi, 32 campioni inclusi gli imballaggi delle principali catene mondiali di fast-food come McDonalds, KFC, Subway o Dunkin Donuts hanno mostrato un trattamento intenzionale con sostanze perfluoro alchiliche, ritenute interferenti endocrini pericolosi per lo sviluppo, e secondo diversi studi, dannose anche a livello cardiocircolatorio e collegate ad alcune forme di tumore.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

Lo studio

Secondo lo studio, i Pfas sono ampiamente utilizzati in imballaggi alimentari e stoviglie usa e getta in Europa. “Si sospetta che 38 dei 99 campioni (38%) raccolti da asporto, supermercati ed e-shop in 6 paesi europei (Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Germania, Paesi Bassi e Regno Unito) siano stati trattati con prodotti chimici Pfas in per ottenere l’oleorepellenza” scrivono i ricercatori, “32 dei 42 campioni selezionati per l’analisi chimica (76%) mostrano un trattamento intenzionale con Pfas”. E tracce sono state rilevate in tutti i campioni selezionati per l’analisi di laboratorio, anche campioni non trattati intenzionalmente con Pfas. Purtroppo, il 99% del fluoro organico presente in campioni selezionati non viene catturato dall’analisi specifica del composto del laboratorio di 55 Pfas, il che significa che è impossibile identificare con certezza gli attuali composti perfluro alchilici.

Il doppio problema per ambiente e salute

Come sottolineano i ricercatori, uno degli aspetti più problematici è che “per definizione e design, gli imballaggi monouso vengono gettati via immediatamente dopo essere stati utilizzati. Poiché vengono utilizzati in volumi molto elevati, crea una grande quantità di rifiuti contenenti sostanze chimiche Pfas tossiche. Queste sostanze chimiche “per sempre” inquinano soprattutto l’acqua potabile, rimanendo e accumulandosi nell’ambiente e nella catena alimentare”. Inoltre, alcuni studi hanno dimostrato che i Pfas possono migrare dall’imballaggio all’alimento, aggiungendosi all’esposizione complessiva ai Pfas della popolazione generale

“L’Unione europea deve bandirli”

“È giunto il momento che l’Unione Europea agisca e bandisca immediatamente e definitivamente l’intera classe di PFAS negli imballaggi alimentari, per proteggere i consumatori in primo luogo. Chiaramente, non è essenziale utilizzare sostanze chimiche altamente tossiche e persistenti, che presentano un rischio così grave per la salute e l’ambiente, negli imballaggi alimentari usa e getta, soprattutto quando ci sono alternative più sicure “, afferma Jitka Strakova, l’autore principale dello studio e Arnika / Consulente scientifico dell’International Pollutants Elimination Network (Ipen).

La Danimarca dimostra che i divieti funzionano a pressare l’industria

Laddove è stata introdotta una regolamentazione, ha effettivamente incentivato le aziende ad abbandonare l’utilizzo dei composti. In Danimarca, l’uso di sostanze chimiche permanenti negli imballaggi alimentari di carta e cartone è stato vietato dal luglio 2020. Lo studio ha rilevato che nessuno dei sacchetti di patatine fritte McDonald’s campionati acquistati in Danimarca mostrava il trattamento Pfas. Tuttavia, è stato riscontrato un trattamento Pfas intenzionale per gli stessi articoli acquistati nella Repubblica ceca e nel Regno Unito. “Ciò dimostra che la legislazione può proteggere e protegge le persone dall’esposizione a sostanze chimiche nocive. Sottolinea inoltre che la mancanza di normative armonizzate a livello dell’Ue per i materiali a contatto con gli alimenti si traduce in diversi livelli di protezione nei paesi” scrive lo studio. “La grande restrizione europea dei Pfas in fase di sviluppo è un’opportunità unica per affrontare tali usi e lavorare verso l’eliminazione graduale della produzione e degli usi dei Pfas, ovunque siano inutili e possibili “, afferma Natacha Cingotti, Health and Chemicals Dirigere presso la Health and Environment Alliance.

Le alternative esistono

Come dimostrato dallo studio, esistono e sono disponibili sul mercato alternative agli imballaggi da asporto trattati con Pfas, compresi gli imballaggi di carta e cartone usa e getta (ad esempio, sacchetti per panini e patatine fritte e scatole di cartone da forno e pizza). Alternative durevoli e riutilizzabili alle stoviglie in fibra modellata sono anche ampiamente disponibili per consumatori, ristoranti e rivenditori. Secondo gli esperti, il modo più sicuro per i consumatori è allontanarsi dagli imballaggi monouso e portare i propri contenitori riutilizzabili quando acquistano cibo da asporto.

 

 

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase