fbpx
 

newsEfsa boccia il claim di Nestlè sul latte in polvere: i peptidi non sono efficaci contro la dermatite

22 Giugno 2021by 0

Il gruppo di esperti scientifici dell’Efsa sulla nutrizione, i nuovi alimenti e gli allergeni alimentari (Nda), ha concluso​​ che non è stato possibile stabilire una relazione causa-effetto tra il consumo della formula e una riduzione del rischio di sviluppare dermatite atopica nei bambini con una storia familiare di allergia.

“Il gruppo di esperti osserva che, tra i 14 studi di intervento sull’uomo forniti dalla multinazionale, non sono stati presentati studi di intervento sull’uomo da cui si possano trarre conclusioni per la fondatezza scientifica dell’effetto”.​

“In assenza di prove da studi clinici sull’uomo sull’effetto della formula per lattanti nel ridurre il rischio di sviluppare la dermatite atopica, il gruppo di esperti scientifici osserva che gli studi sugli animali che sono stati presentati non possono essere utilizzati per la prova scientifica dell’effetto”.

Studi sull’intervento umano​

La chiave per la decisione del gruppo di esperti sono stati tre studi di intervento sull’uomo, uno dei quali è stato descritto come uno studio randomizzato, in singolo cieco (i caregiver erano a conoscenza dell’assegnazione del gruppo) e controllato.

La sperimentazione è stata condotta su neonati con due genitori atopici e che sono stati alimentati con la formula in esame o con una formula di controllo prodotta con proteine ​​del latte di mucca intatte.

L’analisi statistica dei risultati dello studio ha rivelato che l’alimentazione con latte di mucca ha mostrato maggiori probabilità di sviluppare la dermatite atopica a un anno di età.

Tuttavia, il gruppo di esperti scientifici ha osservato che non è chiaro a quale alimentazione sia stato confrontato e se i bambini allattati esclusivamente al seno facessero parte di questa analisi o meno.

“Il gruppo di esperti ritiene che, a causa dei limiti metodologici di questo studio e dell’analisi associata, ovvero il disegno dello studio in cieco singolo, la procedura di randomizzazione poco chiara e l’analisi statistica poco chiara, da questo studio non si può trarre alcuna conclusione per la fondatezza scientifica dell’effetto. ”​

Processo di fabbricazione​

Secondo i dettagli forniti da Nestlé, il processo di fabbricazione del latte artificiale in polvere comporterebbe il preriscaldamento dell’idrolizzato liquido e poi miscelato con aminoacidi liberi, minerali, vitamine, carboidrati, oli e facoltativamente nucleotidi.

La miscela viene quindi nuovamente riscaldata, evaporata, omogeneizzata ed evaporata nuovamente. Successivamente, vengono aggiunti altri ingredienti prima dell’essiccazione a spruzzo, nonché successivamente (miscelati a secco con la polvere) prima della setacciatura e del confezionamento finale in atmosfera protettiva.

Per la formula liquida, che è stata anche oggetto di valutazione da parte dell’Efsa, dopo l’aggiunta degli ultimi ingredienti, le fasi del secondo trattamento termico, evaporazione e atomizzazione (applicato nel caso della produzione della polvere) sono sostituite dalla sterilizzazione ( trattamento ad altissima temperatura) prima dell’omogeneizzazione asettica e del riempimento asettico.

La decisione è l’ultimo passo di un processo normativo iniziato nel luglio 2019, in cui il fascicolo tecnico è stato ricevuto per la prima volta dall’Efsa.

La procedura di valutazione scientifica, avviata a gennaio 2020, è stata sospesa a febbraio 2021 per essere riavviata a febbraio 2021: la procedura si è conclusa con questo parere nell’aprile 2021.

 

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase