fbpx
 

newsEcco come l’industria agrochimica ha corrotto l’Authority di controllo Usa

2 Luglio 2021by 0

L’Epa? Un’agenzia ambientale federale che spesso non è in grado di resistere alle intense pressioni delle potenti aziende agrochimiche, che spendono di milioni di dollari in attività di lobbying ogni anno e impiegano molti ex scienziati dell’agenzia una volta che la lasciano. Così viene descritta l’Agenzia federale da due dozzine di scienziati che hanno lavorato presso l’Office of Pesticide Programs dell’Epa e che hanno aiutato i giornalisti di The Intercept a mettere nero su bianco le opacità nella procedura di autorizzazione dei pesticidi. Quello che emerge è un’autorità completamente in balia delle multinazionali dell’agrochimica e responsabile dell’avvelenamento della popolazione statunitense.

Lo studio sbagliato sul clorpirifos: un gioco di prestigio mortale

“L’enorme influenza delle multinazionali, in alcuni casi, ha bloccato la significativa regolamentazione dei pesticidi negli Stati Uniti e ha lasciato i residenti del paese esposti a livelli di sostanze chimiche pericolose non tollerate in molte altre nazioni” si legge. E questo è vero in almeno due casi raccontati dal sito di inchiesta. Il primo riguarda il clorpirifos, un pesticida conosciuto per essere dannoso per il cervello dei bambini. Vietato in Europa, il suo uso è tuttora consentito negli Usa sulla base – denunciano i nostri colleghi – di uno studio dalle conclusioni travisate. “Eppure le conseguenze di quell’unico gioco di prestigio statistico, e l’incapacità del governo di notarlo, sono immense. Tra il 1992 e il 2017, il clorpirifos è stato uno dei pesticidi più utilizzati negli Stati Uniti, con circa 450 milioni di libbre spruzzati sui raccolti. Innumerevoli bambini e donne incinte sono stati esposti a quelli che ora sappiamo essere livelli pericolosi. E da allora è stato scoperto che quelle esposizioni aumentano il rischio di un’ampia gamma di problemi dello sviluppo neurologico nei bambini, tra cui ADHD e altri disturbi dell’attenzione, autismo, tremori e deficit di intelligenza, nonché problemi di memoria e motori”.

Sebbene il vero bilancio di quel danno cerebrale sia incalcolabile, il pediatra e ricercatore di salute ambientale Leonardo Trasande stima che l’esposizione ai pesticidi organofosfati, la classe a cui appartiene il clorpirifos, abbia causato la perdita collettiva di 1,8 milioni di bambini nati negli Stati Uniti in un solo anno – 2010 punti QI, che costano al paese 44,7 miliardi di dollari in produttività, istruzione e costi sanitari.

La lobby capitanata da Dow Chemical

Quello del clorpirifos è solo uno dei tanti casi in cui un’industria molto più potente e dotata di migliori risorse rispetto all’agenzia federale responsabile della sua regolamentazione ha ingannato, maltrattato e convinto l’Epa a utilizzare una scienza imprecisa a scapito della salute pubblica. E quell’influenza sulla ricerca utilizzata per stabilire i livelli sicuri di esposizione ai pesticidi è solo uno dei tanti strumenti che le aziende agrochimiche come Dow Chemical hanno utilizzato con successo per aumentare e mantenere l’uso dei prodotti anche quando danneggiano la salute e l’ambiente.

Glifosato e cancro: una correlazione nascosta

Sebbene sia impossibile catalogare tutti i modi in cui l’Epa non è riuscita a proteggere il pubblico dai danni dei pesticidi, questo rapporto ha portato alla luce diversi casi in cui il trascurare, seppellire o affondare la scienza ha avuto conseguenze dirette per la salute umana . Le scoperte allarmanti includono un rapporto dell’Epa che mette in guardia sul legame tra il pesticida glifosato e il cancro che non ha mai visto la luce del giorno; la mancata considerazione delle prove che un pesticida neonicotinoide provoca danni cerebrali; il rifiuto di indagare sulle prove che un altro pesticida che è un ingrediente di Roundup può causare il cancro; il rigetto della scienza che dimostra che il pesticida malathion, ampiamente utilizzato, provoca il cancro; e la rinuncia da parte dell’agenzia alla stragrande maggioranza dei test di tossicità su richiesta dell’industria.

I pacchetti sì

A volte – racconta The Intercept –  l’urgenza di approvare i pesticidi viene dai membri del Congresso. All’interno dell’ufficio dei pesticidi, il personale si riferisce a tali casi come “pacchetti sì” – ha affermato la fonte – che ha incontrato il termine in diverse occasioni in cui funzionari eletti hanno contattato l’Epa per conto di aziende i cui pesticidi erano in fase di revisione.

La versione dell’Epa

In risposta all’articolo pubblicato su The Intercept, il portavoce dell’Epa Kenneth Labbe ha scritto in una e-mail: “L’agenzia si impegna a garantire che le decisioni sulla registrazione dei pesticidi siano prive di interferenze e che la politica di integrità scientifica dell’agenzia. Come in passato, l’agenzia continuerà a far sentire la loro voce e il ruolo della scienza guiderà le sue decisioni in futuro.

Gli esordi brillanti

Eppure, l’Agenzia non è stata sempre così dipendente dall’industria agrochimica. Anzi. Nel suo primo decennio, l’Epa ha annullato la registrazione di 12 pesticidi, tra cui DDT, aldrin e dieldrin. In quei primi anni, l’agenzia di regolamentazione aveva il potere di incutere timore nelle aziende chimiche, come risultava dai documenti interni sul paraquat antiparassitario . La notizia che l’Epa stava prendendo in considerazione la possibilità di vietare il pesticida perché non esisteva un antidoto noto all’avvelenamento da paraquat invitò i dirigenti dell’Imperial Chemical Industries, che l’hanno fatta, affrettandosi alla ricerca di alcune prove della sua sicurezza. Ma il ritmo con cui l’Epa ha rimosso i pesticidi dal mercato ha presto rallentato. Negli anni ’80, l’Epa ha annullato le registrazioni di otto pesticidi. Negli oltre cinque decenni dalla sua fondazione, l’agenzia ha cancellato solo 37 pesticidi. (L’Epa ha dichiarato di aver cancellato 40 “prodotti pesticidi”.) Tra il 2000 e il 2010, l’Epa ha eliminato dal mercato solo quattro pesticidi e, nell’ultimo decennio, solo uno. Nel frattempo, le aziende agrochimiche hanno introdotto migliaia di pesticidi. L’Epa gestisce ora più di 16.800 prodotti pesticidi e 1.200 principi attivi.

Gli Usa utilizzano 322 milioni di libbre di pesticidi vietati altrove

In controtendenza rispetto a quanto stava accadendo in altre parti del mondo dove  la crescente evidenza dei pericoli di questi composti ha portato i governi di altre importanti economie agricole a rimuovere dall’uso alcune delle sostanze chimiche. Gli Stati Uniti, un tempo faro di speranza per la regolamentazione dei pesticidi, ora sono in ritardo. Secondo uno studio del 2019 di Nathan Donley, un biologo del Center for Biological Diversity , nel 2016 gli Stati Uniti hanno utilizzato 322 milioni di libbre di pesticidi vietati altrove . Donley ha affermato che la maggior parte di queste sostanze chimiche è stata vietata per motivi sanitari e ambientali. Almeno 85 pesticidi vietati in Cina, Brasile o nell’Unione europea sono stati ancora utilizzati negli Stati Uniti nel 2016, ha affermato, un numero che è quasi certamente aumentato da allora.

Un vero e proprio lavaggio del cervello

Uno dei modi in cui le aziende agrochimiche convincono gli scienziati dell’Epa a chiudere uno o entrambi gli occhi, è invitandoli a visitare le fattorie. Gli scienziati dell’EPA si sono recati in un tour di una fattoria del New Jersey in autobus e, una volta lì, è stata loro servita una semplice cena a base di barbecue e mais su piatti di carta. “Sembrava fantastico rispetto a quello a cui siamo abituati nel governo”, ha detto a The Intercept un ex scienziato dello staff dell’ufficio dei pesticidi, che ha partecipato alla festa e l’ha trovata sorprendentemente commovente.

“Era sottile, ma ha cambiato il mio modo di pensare”, ha detto lo scienziato, che ha chiesto di non essere nominato per evitare rappresaglie professionali. Non si trattava solo di chiacchierare con uno scienziato aziendale che stava cercando l’approvazione dello stesso pesticida che lo staff dell’EPA stava quindi esaminando mentre i due aspettavano nella fila del buffet o ascoltando i contadini parlare delle minacce economiche poste dalle erbacce. Era l’effetto cumulativo di passare del tempo con queste persone fuori dall’ufficio. “Sembrava una specie di lavaggio del cervello”, ha detto. “Alla fine, ho pensato: ‘Hai davvero bisogno di queste sostanze chimiche, altrimenti avrai un raccolto fallito.”

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase