fbpx
 

newsOlio extravergine, dopo il nostro test Movimento consumatori chiede accertamenti all’Antitrust

5 Luglio 2021by 0

L’eco della clamorosa inchiesta del Salvagente sull’olio extravergine di oliva è ancora forte. Dopo che il nostro test, condotto dai laboratori chimici dell’Agenzia delle Dogane e del monopolio aveva trovato in 7 bottiglie su 15 vendute nei supermercati italiano olio vergine invece che extravergine, interviene anche il Movimento consumatori.

L’associazione ha inviato una segnalazione all’Antitrust, perché accerti se alcuni produttori di olio d’oliva abbiano posto in essere una pratica commerciale scorretta, dichiarando in etichetta come extravergine, olio vergine d’oliva.

Come avevamo spiegato nella lunga inchiesta di maggio il rischio non è di danni alla salute dei consumatori ma, sottolinea il Movimento consumatori, quello di “acquistare un prodotto che certamente non vale il prezzo pagato“.

Il test condotto dal Salvagente e pubblicato nel maggio scorso ha declassato 7 bottiglie su 15 acquistate sui banchi dei supermercati italiani, promuovendone 8

L’associazione dei consumatori ricorda l’analogo test condotto dal Salvagente nel 2015, quando gli stessi dubbi furono sollevati con riferimento ad alcune etichette di olio extravergine (evidenziando come alcune miscele non risultassero, dalle analisi effettuate, come olio extravergine). Da quelle analisi, presero spunto alcuni provvedimenti dell’Agcm (in parte poi annullati dalla Giustizia Amministrativa).

La valutazione circa l’attribuzione della qualifica di olio extravergine di oliva, viene fatta sulla base di tanti fattori, e quello risultato non sufficiente per l’attribuzione della qualifica di extravergine, è stato la “prova d’assaggio” (panel test). È bene specificare che un olio per essere definito e venduto come extravergine, deve rispettare, i parametri chimici previsti dalla normativa e superare la prova del panel test, obbligatoria per legge dal 1991. Lungi dall’essere una prova “soggettiva”, l’importanza del “panel test”, è stata di recente ribadita da una recente sentenza del Consiglio di Stato del 20 novembre 2020, laddove la Giustizia Amministrativa, ha ribadito l’attendibilità e l’oggettività del panel test, ritenendo la suddetta prova organolettica come “essenziale per la corretta classificazione degli oli”.

Movimento Consumatori – che si sta occupando del tema insieme al Movimento Terra è vita Vento del Sud – vuole quindi portare all’attenzione dell’Autorità, quanto segnalato dalla rivista, al fine di verificare se, come affermato da Il Salvagente, sugli scaffali dei supermercati, il consumatore corra il rischio di acquistare come extravergine, un semplice olio vergine di oliva. Se così fosse – scrive l’associazione – si assisterebbe ad una pratica commerciale scorretta, da qualificare come vendita negli scaffali, di un prodotto privo degli elementi pubblicizzati in etichetta e nelle campagne pubblicitarie.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase