fbpx
 

newsL’inchiesta di Intercept svela la farsa dei controlli di sicurezza delle sostanze chimiche

6 Agosto 2021by 0

A che punto arriva il peso di una lobby su un’autorità sanitaria quando in gioco c’è l’approvazione di una sostanza che vorrebbe immettere nel mercato? E quanto riesce a essere indipendente nei suoi controlli chi dovrebbe studiarne gli effetti sulla popolazione per poi decidere se è sicura o no?

Domande che in molti si fanno continuamente e una risposta (l’ennesima) viene dall’inchiesta condotta da the Intercept su uno scandalo che coinvolge l’Epa, l’Ente di protezione ambientale statunitense, ossia l’autorità che esamina le sostanze chimiche per valutarne la sicurezza.

Riportiamo gli stralci dell’inchiesta firmata da Sharon Lerner. L’integrale lo trovate in lingua inglese qui.

“I supervisori di William Irwin avevano una semplice richiesta. Volevano solo che lui, uno scienziato che valuta la sicurezza delle sostanze chimiche presso l’Agenzia per la protezione dell’ambiente, firmasse un rapporto che avrebbe dato a una sostanza chimica l’Ok dell’agenzia per entrare nel mercato. Sarebbe stato facile per lui apporre la sua firma sul documento, che gli avrebbe permesso di togliere finalmente dalla sua scrivania il progetto a cui aveva lavorato per mesi.

L’unico problema? La scienza non ha dimostrato che la sostanza chimica fosse sicura.

A Irwin, che ha un dottorato in biochimica e biologia molecolare e tre certificazioni in tossicologia e ha lavorato presso l’Epa per 12 anni, è stato chiesto di dare il via libera alla sostanza chimica nel maggio 2020. Ma aveva già trovato motivo di preoccuparsi per gli effetti sullo sviluppo dei feti. Poiché il produttore non aveva presentato alcuno studio sulla salute, aveva trovato un analogo, una sostanza chimica strutturalmente simile per aiutare a prevederne gli effetti. Quel composto era il bisfenolo A, o BPA, un additivo per la plastica noto per causare problemi riproduttivi, nonché effetti immunitari e neurologici. Irwin aveva annotato le sue preoccupazioni e la mancanza di studi che potessero placarle. Il suo lavoro sulla valutazione, un documento che determina se e come è consentito l’uso di una sostanza chimica, ha anche sottolineato che i lavoratori hanno corso rischi sia dalla respirazione che dal contatto con le sostanze chimiche.

Hair-on-fire

Ma poiché la sostanza chimica rientrava in una categoria nota all’interno della sua divisione come casi di “hair-on-fire” (potremmo tradurlo come stato di massima allerta, ndr), situazioni ad alta priorità in cui i produttori si oppongono alle scoperte degli scienziati secondo cui le loro sostanze chimiche rappresentano un pericolo, le conclusioni raggiunte da Irwin nella valutazione sono state esaminate e alla fine cambiate. Dopo essersi rifiutato di approvare i risultati alterati, un dipendente di grado più elevato nella divisione ha assunto il caso e ha utilizzato un approccio diverso – e, secondo Irwin, scientificamente inappropriato – che ha permesso all’agenzia di evitare di calcolare i rischi per lo sviluppo posti dal chimico.

Il 15 giugno 2020, l’agenzia ha pubblicato la valutazione finale del rischio della sostanza chimica, che ha ridotto al minimo i rischi per la popolazione generale e non ha calcolato i rischi per i lavoratori che Irwin aveva evidenziato.

A causa delle richieste di riservatezza da parte dei produttori, Irwin e i suoi colleghi che hanno parlato con The Intercept hanno ritenuto di essere legalmente obbligati a non rivelare i nomi di questa e di altre sostanze chimiche menzionate in questa storia.

Come riportato da The Intercept nella prima puntata di questa serie di inchieste, i manager all’interno dell’EPA hanno fatto pressioni sui valutatori della salute per ridurre al minimo e minimizzare i rischi posti dalle sostanze chimiche per l’uso anche quando vi sono prove evidenti che presentano danni. Tale segnalazione si basava su ampie informazioni fornite da quattro informatori – Elyse Osterweil, Martin Phillips, Sarah Gallagher e William Irwin – che lavoravano come valutatori dei rischi per la salute nella nuova divisione chimica dell’agenzia. Questo articolo si basa su nuove informazioni fornite da questi informatori insieme a un altro valutatore del rischio dell’EPA, che si è recentemente fatto avanti ma ha scelto di rimanere anonimo per paura di ritorsioni.

Attraverso documenti, interviste e una divulgazione scritta che hanno fornito esclusivamente a The Intercept, l’ispettore generale dell’EPA e membri selezionati del Congresso, questi scienziati del governo hanno dettagliato alcuni esempi estremi di interferenza con la valutazione scientifica della sicurezza chimica. Lavorando con Public Employees for Environmental Responsibility, noto anche come PEER, un gruppo ambientalista che aiuta gli informatori, hanno delineato il processo attraverso il quale l’industria esercita una pressione particolare nei casi “infiammabili” – a volte attraverso membri del Congresso – per accelerare il l’approvazione di sostanze chimiche o ridurne al minimo le restrizioni.

In questi casi, alcuni manager dell’EPA hanno lavorato a stretto contatto con l’industria per respingere i problemi di sicurezza sollevati dagli scienziati dell’agenzia riguardo all’ingresso sul mercato di nuove sostanze chimiche. Sebbene non tutti i casi di valutazioni chimiche manipolate siano stati designati come “hair-on-fire” (HOF in sigla, ndr), questi casi ad alta priorità sono diventati così comuni che la divisione di nuove sostanze chimiche si è organizzata per avere qualcuno sempre disponibile a supervisionarli. Almeno da gennaio 2021, i manager hanno un programma a rotazione per “HOF Duty”, come viene chiamato nei calendari interni.

Secondo gli informatori, i dirigenti dell’EPA utilizzano una varietà di tattiche per persuadere gli scienziati del personale a modificare le loro valutazioni in questi casi, anche sottolineando il dispiacere e l’impazienza delle aziende che producono le sostanze chimiche; criticando gli scienziati per aver impiegato troppo tempo per l’esame dei prodotti chimici nelle loro revisioni delle prestazioni; e persino insinuando che i singoli valutatori saranno citati in giudizio dai produttori di sostanze chimiche se insistono nel sostenere le loro scoperte. In diversi casi in cui gli informatori si sono rifiutati di apportare modifiche, altri dipendenti dell’EPA hanno cancellato o alterato le informazioni nei documenti senza la loro approvazione o conoscenza.

Le tensioni nella nuova divisione chimica sono così grandi che i manager hanno recentemente cercato di rivedere il loro sistema informatico interno in modo da poter scavalcare automaticamente gli scienziati del personale in alcuni “casi urgenti”, secondo l’audio ottenuto da The Intercept. In un incontro del 18 novembre 2020 con gli appaltatori delle tecnologie dell’informazione che stavano lavorando al nuovo sistema di tracciamento delle revisioni chimiche, i responsabili della divisione hanno suggerito di aggiungere un nuovo pulsante all’interfaccia che con un solo clic avrebbe consentito a questi casi ad alta priorità di aggirare la ricerca scientifica da parte del personale e andare direttamente alla direzione.

“C’è un modo per ignorare tutto?” chiede un manager di divisione durante la riunione. “Quindi, ad esempio, supponiamo che ci siano nove discussioni aperte ma poi improvvisamente abbiamo dovuto accelerare un caso a causa di una situazione di un hair-on-fire, abbiamo bisogno di nove persone che entrino e chiudano queste discussioni affinché vada avanti o, uh, c’è una persona onnipotente come [nome rimosso] che può entrare e scavalcare tutto?”

Alla fine, il manager della divisione e il consulente hanno deciso alla fine della riunione. “Sì, vorremmo, vorremmo un pulsante o qualcosa del genere “, afferma il responsabile della divisione. Non è chiaro se il pulsante di override sia stato implementato.

La fabbrica di cioccolato

L’EPA ha l’autorità di impedire che nuove sostanze chimiche entrino nel mercato se presentano un rischio irragionevole per la salute umana o per l’ambiente. Ma la divisione dell’agenzia per le nuove sostanze chimiche non ha fatto questo per nessuna delle 3.835 nuove domande di sostanze chimiche presentate tra il 22 giugno 2016 e il 1 luglio 2021. In risposta alle domande, l’EPA ha sottolineato che, durante quel periodo, sono stati esaminati 3.256 casi; di questi, 266 sono stati giudicati non validi o incompleti e 11 sono stati sottoposti a ulteriori test.

Ma non una singola sostanza chimica è stata “proibita dalla commercializzazione”, secondo i dati dell’EPA.

Invece, che si tratti di casi “di fuoco” o di normali priorità, i valutatori della salute che hanno identificato i pericoli causati dalle sostanze chimiche hanno affrontato abitualmente un’intensa pressione per respingerli o minimizzarli. Secondo gli informatori, c’è una forte aspettativa che i valutatori non solo ritengano le sostanze chimiche sicure, ma lo facciano anche rapidamente.

La legge concede all’EPA 90 giorni per rispondere a una nuova richiesta di sostanze chimiche. Ma determinare se le sostanze chimiche sono sicure può richiedere molto tempo, soprattutto perché i valutatori spesso ricevono pochissime informazioni sui loro effetti sulla salute.

In alcuni casi, le aziende forniscono solo il nome chimico e la struttura senza alcuna informazione su salute e sicurezza.

Per esaminarli correttamente, i valutatori devono trovare e leggere studi pertinenti e talvolta chiedere opinioni a esperti esterni. Eppure gli informatori hanno affermato di essere stati regolarmente incoraggiati a dare l’Ok anche a queste misteriose sostanze chimiche così rapidamente che spesso non erano in grado di esaminarle a fondo.

“Non ci viene dato abbastanza tempo”, ha detto Gallagher, un tossicologo che ha lavorato come valutatore della salute umana presso l’Ufficio per la prevenzione dell’inquinamento e dei tossici.

“Abbiamo bisogno di tempo per capire se ci sono esperti con cui dobbiamo parlare. Ma ci è stato detto di portare a termine i casi entro due giorni dalla nostra riunione di rischio“.

Oltre a valutare la sicurezza delle nuove sostanze chimiche, i valutatori affermano che gli è stato chiesto sempre più spesso di apportare modifiche ai casi che avevano già completato. “Ho avuto casi che ho finito quattro mesi prima e avrebbero voluto che facessi revisioni sostanziali che erano deviazioni dal nostro processo, e sarebbero stati aggiunti al mio lavoro attuale”, ha detto Gallagher, che ha paragonato l’esperienza al “I Love Lucy” ambientato nella fabbrica di cioccolato. “Stava accelerando e accelerando, e ne avevamo sempre di più, e non riuscivamo a tenere il passo”

Irwin ha detto che doveva lavorare regolarmente nei fine settimana per stare al passo con il carico di lavoro e gli è stato persino chiesto di consegnare due valutazioni complesse entro la fine della giornata subito dopo aver detto al suo supervisore che doveva andare a casa perché soffriva di forti dolori al petto.

Tutti e quattro gli informatori sono stati rimproverati per non essersi mossi abbastanza velocemente durante la revisione di nuovi prodotti chimici. Il supervisore di Gallagher le disse che aveva difficoltà a “lasciarsi andare quando veniva presa una decisione” su una particolare sostanza chimica. In quel caso, qualcun altro aveva cambiato la sua valutazione, rimuovendo le informazioni che aveva incluso sulla cancerogenicità della sostanza chimica.

Il supervisore di Irwin ha citato il suo rifiuto di firmare la valutazione della sostanza chimica che era simile a BPA come motivo per declassare la sua valutazione delle prestazioni in una revisione annuale. E anche Martin Phillips, un altro degli informatori, è stato criticato per la tempestività delle sue valutazioni nella sua revisione delle prestazioni.

Allo stesso modo, in una revisione delle prestazioni del 21 giugno condivisa con The Intercept, il supervisore di Elyse Osterweil l’ha accusata di “fornire lavori in ritardo e incompleti”. Secondo Osterweil, questi ritardi sono stati il ​​risultato del suo rifiuto di arrendersi alla pressione di ritenere certe sostanze chimiche sicure sulla base delle prove che possono causare danni specifici, inclusi difetti alla nascita e cancro.

Tuttavia, il suo supervisore ha sottolineato che il mancato rispetto delle scadenze “ha portato l’Agenzia a essere contattata da diversi soggetti esterni, in diverse occasioni, per esprimere la loro insoddisfazione per la tempestività dei casi a lei assegnati”.

Dati insufficienti

I valutatori possono interrompere o ritardare l’approvazione se non dispongono di informazioni sufficienti per dichiarare che una sostanza chimica non può rappresentare un rischio irragionevole. Ma i loro superiori spesso li spingono a definirle sicure anche quando non hanno i dati di cui hanno bisogno per saperlo. Questo è stato il caso di una sostanza a cui è stata concessa l’approvazione condizionale per la produzione nell’aprile 2020, nonostante il fatto che sia Gallagher che Phillips abbiano affermato che era necessario uno studio di cancerogenicità di due anni per valutarne il potenziale cancerogeno.

I manager hanno anche riassegnato una sostanza chimica che Gallagher stava valutando dopo aver chiarito che riteneva che potesse essere pericolosa.

Gallagher era preoccupato che la sostanza, che dovrebbe essere utilizzata come rivestimento spray per auto, potesse avere effetti respiratori sui lavoratori che la utilizzano.

Ma un supervisore ha insistito sul fatto che la valutazione descrivesse la sostanza chimica come “a basso rischio”. In un’e-mail di marzo 2020, Gallagher è stato incaricato di rimuovere tutti i riferimenti ai pericoli. Gallagher rifiutò; ore dopo, le è stato detto che la sostanza chimica, insieme a tutti gli altri suoi casi tranne uno, era stata riassegnata ad altri valutatori. Due mesi dopo, la sostanza chimica è stata approvata per l’uso con la formula “non è probabile che presenti un rischio irragionevole”. Due mesi dopo, Gallagher fu completamente rimosso dal programma.

Anche quando i valutatori riescono a ottenere l’elenco dei pericoli nelle loro valutazioni, le aziende che presentano la domanda spesso li contestano. In alcuni casi, le aziende hanno ripresentato domande per nuove sostanze chimiche più di 10 volte. Mentre l’EPA ha bisogno di comunicare con i produttori di sostanze chimiche, secondo gli informatori, alcuni manager parlano regolarmente con i rappresentanti dell’azienda tramite cellulare e sono stati ascoltati incoraggiare i loro colleghi del settore a evitare di comunicare via e-mail perché soggette a richieste di registri pubblici.

Mentre le raccomandazioni originali dei valutatori chimici per le nuove applicazioni chimiche erano disponibili al pubblico, tale politica è cambiata sotto l’amministrazione Trump. L’allora amministratore dell’EPA Scott Pruitt ha rimosso dal sito web dell’EPA le informazioni sul processo di revisione delle nuove sostanze chimiche, comprese le registrazioni degli incontri con i produttori e le preoccupazioni che gli scienziati hanno del personale o gli studi che raccomandano. Sebbene il presidente Joe Biden e l’attuale amministratore dell’EPA Michael Regan abbiano promesso di dare priorità alla scienza e di sradicare la corruzione, questa politica rimane in vigore sotto l’attuale amministrazione. E gli informatori sostengono che la pressione per ridurre al minimo e rimuovere i rischi nelle valutazioni chimiche continua senza sosta.

In una risposta via e-mail alle domande su questa storia, l’EPA ha scritto che “Questa amministrazione è impegnata a indagare su presunte violazioni dell’integrità scientifica. È fondamentale che tutte le decisioni dell’EPA siano basate su informazioni e standard scientifici rigorosi. Come uno dei suoi primi atti come amministratore, l’amministratore Regan ha emesso un memorandum che delinea misure concrete per rafforzare l’impegno dell’agenzia nei confronti della scienza”.

La dichiarazione ha anche affermato che la leadership dell’EPA sta esaminando queste denunce e che verrà intrapresa qualsiasi azione appropriata. “L’EPA prende sul serio tutte le accuse di violazione dell’integrità scientifica. Il funzionario per l’integrità scientifica dell’EPA e i membri del team per l’integrità scientifica indagheranno a fondo su qualsiasi accusa di violazione della politica di integrità scientifica dell’EPA che ricevono e lavoreranno per salvaguardare la scienza dell’EPA. Inoltre, l’EPA sta attualmente rivedendo le politiche, i processi e le pratiche dell’agenzia per garantire che la migliore scienza e dati disponibili formino le decisioni dell’agenzia. L’EPA si impegna a promuovere una cultura della valutazione e dell’apprendimento continuo che promuova uno scambio aperto di diverse posizioni scientifiche e politiche. Inoltre, in questa amministrazione non saranno tollerate ritorsioni contro i dipendenti dell’EPA per aver segnalato violazioni che si sono verificate”.

Minacce e intimidazioni

Nel giugno 2020, Osterweil stava lavorando a una sostanza chimica che riteneva potesse causare gravi danni allo sviluppo. Il suo sospetto si basava sulla struttura molecolare che si forma quando il corpo elabora la sostanza in esame, che è associata a effetti come ossa mancanti, piede torto e dita extra. Dopo aver presentato la sua bozza di rapporto, il produttore ha confutato la sua scoperta. Un consulente dell’azienda ha fatto ripetute chiamate all’EPA sull’urgenza di modificare il suo rapporto. Il responsabile del caso la chiamò per dirle che la società stava prendendo in considerazione una causa per la sua valutazione scientifica e suggerì che avrebbero potuto “fare l’avvocato”, cosa che Osterweil ritenne significasse che avrebbe potuto essere citata in giudizio personalmente.

Osterweil, insieme a Phillips e Gallagher, aveva già sentito vaghe minacce sull’ira delle aziende arrabbiate contro i ricercatori. Nel 2019, un manager frustrato dal fatto che non avrebbero eliminato un rischio di cancro ha scritto in un’e-mail a loro tre che “tutti potete difendervi quando le aziende entrano per discutere del rischio di cancro”.

Ma la minaccia di essere denunciata come individuo le pesava. “Ero preoccupata che la mia credibilità come scienziata sarebbe stata rovinata”, ha detto Osterweil. Madre single, temeva anche di perdere il lavoro.

“Indipendentemente da quanto sei bravo come scienziato, possono comunque rovinare la tua credibilità”.

La minaccia legale è solo una delle forme di molestie subite dagli informatori, che hanno descritto episodi di urla, insulti e denigrazione del loro lavoro di fronte ai colleghi.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase