fbpx
 

newsGli effetti dannosi del glifosato si trasmettono di generazione in generazione

12 Agosto 2021by 0

Quello che mangiamo oggi potrebbe influenzare direttamente la salute dei nostri nipoti. L’esposizione al glifosato, un diserbante ampiamente controverso ma molto utilizzato, provoca cambiamenti genetici nei ratti che possono essere collegati ad un aumento delle malattie nei loro nipoti e pronipoti.

Lo studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports fornisce la prova che i cambiamenti spermatici indotti dal glifosato nei ratti esposti potrebbero essere utilizzati come biomarcatori per determinare la propensione delle generazioni successive alle malattie della prostata e dei reni.  Infatti, quando i topi di terza e quarta generazione i cui predecessori erano stati esposti alla sostanza chimica erano di mezza età, il 90% di loro aveva uno o più di questi problemi di salute, un tasso significativamente più alto rispetto a quello del gruppo di controllo.

“Sebbene condotto su piccoli campioni, lo studio, che ha testato gruppi generazionali di circa 50 ratti ciascuno, fornisce una prova del concetto che potrebbe portare a un nuovo strumento diagnostico medico” ha affermato Michael Skinner, autore dello studio.

“Anche se non possiamo correggere ciò che non va nell’individuo che è esposto, possiamo potenzialmente usarlo per diagnosticare se una persona ha maggiori possibilità di contrarre malattie ai reni o alla prostata più avanti nella sua vita, e quindi prescrivere una terapia o un cambiamento nello stile di vita per aiutare ad alleviare o prevenire la malattia “, ha affermato Skinner, professore di scienze biologiche presso la Washington State University.

Tossicità generazionale

Questo studio segue un articolo del 2019 su Scientific Reports, in cui il laboratorio di Skinner ha dimostrato la capacità del glifosato di promuovere la trasmissione di malattie transgenerazionali nei topi. Ricerche precedenti hanno indicato che questa sostanza chimica ha una tossicologia limitata a coloro che la ingeriscono perché ha una breve vita e si scompone rapidamente nel corpo. Tuttavia, la ricerca di Skinner e altri studi sugli animali hanno fornito prove che gli effetti sulla salute del glifosato e di altre sostanze chimiche possono essere trasmessi alle generazioni successive.

Nel presente studio, il team di ricerca ha ulteriormente approfondito questi risultati identificando i cambiamenti genetici nello sperma di ratto causati dalla sostanza chimica. Skinner e i suoi colleghi hanno scoperto che l’esposizione al glifosato ha fatto sì che lo sperma accumulasse centinaia di nuovi siti di ritenzione dell’istone, e hanno correlato questi istoni con malattie specifiche nelle generazioni successive.

“Dobbiamo cambiare il modo in cui pensiamo alla tossicologia”, ha detto Skinner. “Oggi, in tutto il mondo, valutiamo solo la tossicologia dell’esposizione diretta; non si tiene conto della tossicità delle generazioni successive. Abbiamo una certa responsabilità nei confronti delle nostre generazioni future”.

Il glifosato è ovunque

Lo studio si concentra sullo sperma, ma i ricercatori prevedono la stessa capacità di trovare marcatori nella linea germinale o nelle uova femminili. Sono necessarie ulteriori ricerche, a partire dalla replica di questo studio in gruppi più ampi di animali, che consentirebbero di determinare con maggiore precisione i tassi di suscettibilità alla malattia. In definitiva, l’obiettivo sarebbe quello di produrre test diagnostici per gli esseri umani, ma replicare gli studi sugli esseri umani sarà difficile semplicemente perché il glifosato è onnipresente nelle nostre diete, ha detto Skinner. “Attualmente, è molto difficile trovare una popolazione che non sia esposta al glifosato per avere un gruppo di controllo da confrontare”, ha osservato.

 

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase