fbpx
 

newsPfas, uno studio rivela presenza allarmante nell’aria dentro case, asili, uffici e negozi

2 Settembre 2021by 0

Un nuovo studio rileva che i Pfas stanno contaminando l’aria all’interno di case, aule e negozi a livelli allarmanti. A dirlo è un studio condotto dai ricercatori dell’Università del Rhode Island e del Green Science Policy, che hanno testato l’aria interna in 20 siti e hanno rilevato le pericolosi interferenti endocrini, usati come impermeabilizzanti, in 17 casi. “Si pensa che i composti presenti nell’aria si stacchino dai prodotti trattati con Pfas come moquette e vestiti e si attacchino alla polvere o galleggino liberamente nell’ambiente interno” scrive il Guardian, che ha riportato la notizia. Lo studio, pubblicato su Environmental Science & Technology, ha utilizzato una nuova tecnica di misurazione Pfas per il controllo dell’aria, riscontrando livelli particolarmente alti in diverse aule d’asilo e trovandoli in un magazzino di un negozio di abbigliamento outdoor, uffici, diverse aule universitarie, laboratori universitari e un ascensore.

Il peso degli Pfas nell’aria

una famiglia di sostanze onnipresenti, dal tessile ai prodotti per la casa, che contaminano l’organismo e l’ambiente. Come riconoscerle e starne il più possibile lontani. Acquista la guida qui

Gli esperti comunemente considerano il cibo e l’acqua le due vie principali attraverso le quali gli esseri umani sono esposti ai Pfas, ma gli autori dello studio notano che molti umani trascorrono circa il 90% del loro tempo in ambienti chiusi e i risultati suggeriscono che respirare le sostanze chimiche rappresenta probabilmente un terzo via di esposizione significativa. “È una fonte di esposizione sottovalutata e potenzialmente importante ai Pfas”, ha affermato Tom Bruton, coautore e scienziato senior di Green Science.

Gli studi precedenti

I Pfas tendono ad accumularsi negli animali, compreso l’uomo, e sono collegati a cancro, difetti alla nascita, malattie del fegato, malattie della tiroide, diminuzione dell’immunità, disturbi ormonali e una serie di altri gravi problemi di salute. Un’analisi del Guardian di febbraio sui prodotti per la casa ha rilevato che il fluoro, un indicatore di Pfas, è presente in 15 articoli. Le sostanze chimiche sono così ampiamente utilizzate che è difficile dire con precisione da dove provengano tutti i Pfas nell’aria, sebbene il nuovo studio abbia anche rilevato la loro presenza in tappeti e vestiti. Mentre uno studio studio pubblicato su Environmental Health Perspectives, lo scorso aprile confermava la presenza delle sostanze perfluoro alchiliche in molte polveri indoor. Uno studio del 2017 ha trovato una correlazione tra alti livelli di Pfas nell’aria e nel siero del sangue umano, e il nuovo studio ha utilizzato modelli che hanno scoperto che i bambini dell’asilo erano probabilmente esposti a più Pfas respirandoli piuttosto che ingerendo i composti. “Questo rafforza il fatto che finché ci sono Pfas nei prodotti che ci circondano nelle nostre case e nelle nostre vite, ci sarà una certa quantità che finirà nell’aria, finirà in polvere e finiremo per respirandolo dentro”, ha detto Bruton.

6.2 Ftoh, il nuovo Pfas sotto i riflettori

Tra i Pfas più diffusi c’era il 6:2 FTOH, un composto utilizzato nelle cere per pavimenti, nelle protezioni antimacchia e negli imballaggi per alimenti. L’industria aveva precedentemente affermato che il FTOH 6:2 era sicuro, ma a maggio il Guardian ha rivelato che due importanti produttori di Pfas avevano nascosto studi che suggerivano che i composti sono altamente tossici a basse dosi negli animali da laboratorio e rimangono nei corpi degli animali molto più a lungo di quanto non fosse precedentemente noto. La scienza dell’industria, delle agenzie federali e dei ricercatori indipendenti ora collega il 6:2 FTOH a malattie renali, cancro, danni neurologici, problemi di sviluppo, denti chiazzati e malattie autoimmuni, mentre i ricercatori hanno anche riscontrato tassi di mortalità più elevati tra i giovani animali e le madri umane esposte alle sostanze chimiche. “Il nuovo studio ha anche rilevato alti livelli di 8:2 FTOH, un tipo di composto che i principali produttori di Pfas negli Stati Uniti hanno affermato di aver gradualmente eliminato dalla produzione perché è così pericoloso. La sua presenza suggerisce che non tutte le aziende l’hanno eliminata gradualmente o che si trova in prodotti realizzati in paesi in cui la sostanza chimica non è stata eliminata gradualmente” scrive il guardian. Ancora uno studio inquietante, dunque che conferma come sia necessario vietare i Pfas in più ambiti possibili.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase