fbpx
 

newsUsa, l’Agenzia per la protezione ambientale accusata di insabbiare i rischi connessi a Pfas e piombo

3 Settembre 2021by 0

L’Agenzia per la protezione ambientale Usa è accusata di aver insabbiato informazioni sui rischi di sostanze chimiche, tra cui i Pfas e il piombo, per favorire le lobby industriali. A dirlo, come riporta Us Right to Know è un progetto di ricerca sponsorizzato dall’Edmond J. Safra Center for Ethics dell’Università di Harvard, secondo cui mentre l’Epa ha “molti dipendenti dedicati che credono veramente nella sua missione”, l’agenzia è stata “corrotta da numerose pratiche di routine”, tra cui dirigenti che passano da una parte all’altra della barricata tra EPA e industria, le cosiddette “porte girevoli” in cui avvocati aziendali e lobbisti ottengono posizioni di potere di agenzia; E Inoltre lobbying costante dell’industria contro le normative ambientali e pressioni dei legislatori che sono in debito con i donatori, oltre che ingerenza della Casa Bianca.

Il ruolo dell’Epa

“L’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti ha una lunga e ben documentata storia di condotta discutibile quando si tratta di regolamentazione delle sostanze chimiche importanti per i centri di profitto per molte grandi e potenti società. Numerosi esempi mostrano un modello di azioni delle agenzie che consentono l’uso di sostanze chimiche pericolose da parte di consumatori, agricoltori, giardinieri e altri nonostante le prove di danni” scrive Us Right to Know, secondo cui documenti e altre prove, comprese le informazioni fornite nelle comunicazioni pubbliche da più scienziati dell’Epa, rivelano azioni in cui i dirigenti hanno intenzionalmente nascosto i rischi associati a determinate sostanze chimiche. Secondo le prove di questi addetti ai lavori dell’Epa, la pressione dei produttori di sostanze chimiche, dei lobbisti dell’industria chimica e di alcuni legislatori statunitensi guida le manipolazioni delle agenzie interne che proteggono gli interessi aziendali ma mettono in pericolo la salute pubblica. Le prove indicano che la cattiva condotta risale a decenni fa e si è verificata nelle amministrazioni guidate da democratici e repubblicani allo stesso modo.

La legge toxic substances control act

Come spiega Us Right to Know, il Frank R. Lautenberg Chemical Safety for the 21 Century Act, firmato il 22 giugno 2016, è stata la prima riforma sostanziale del Toxic Substances Control Act (TSCA). La legge richiede all’Epa di stabilire se una nuova sostanza chimica presenti un “rischio irragionevole” per la salute umana o per l’ambiente in “condizioni d’uso note, previste o ragionevolmente previste”. Nel giugno 2021, quattro scienziati dell’EPA, ciascuno dei quali lavorava all’interno dell’Ufficio per la sicurezza chimica dell’agenzia e
Prevenzione dell’inquinamento, ha pubblicamente accusato l’Epa di aver deliberatamente manomesso le valutazioni del rischio chimico. I quattro informatori hanno reso pubbliche le loro denunce attraverso un gruppo chiamato Public Employees for Environmental Responsibility (PEER).

La lettera di denuncia

In una lettera del 28 giugno al Comitato della Camera degli Stati Uniti per la supervisione e la riforma, PEER ha affermato che i quattro scienziati dell’EPA stavano fornendo “prove inquietanti di frode e corruzione”, che implicavano “la manomissione deliberata delle valutazioni del rischio chimico condotte ai sensi del Toxics Substances Control Act (TSCA)”, compresi i Pfas e l’eliminazione di potenziali effetti sulla salute senza la conoscenza o il consenso dei valutatori della salute umana”.

Le manipolazioni e le pressioni

La lettera afferma inoltre accuse circostanziate molto pesanti: “Tutti e quattro i clienti hanno sperimentato numerosi casi in cui le loro valutazioni del rischio sono state modificate dai loro dirigenti o dai colleghi in risposta alle indicazioni della direzione. Questi cambiamenti includevano l’liminazione del linguaggio che identifica potenziali effetti avversi, inclusa tossicità per lo sviluppo, neurotossicità, mutagenicità e/o cancerogenicità; revisioni importanti che alterano le conclusioni del rapporto per indicare che non ci sono tossicità preoccupazioni nonostante i dati contrari; e riassegnazione delle valutazioni del rischio a dipendenti inesperti al fine di garantire la loro disponibilità a rimuovere questioni la cui inclusione risulterebbe protettiva per la salute umana”. A causa delle manipolazioni, le persone che lavorano con queste sostanze chimiche non ricevono le informazioni di cui hanno bisogno per proteggersi. Preoccupazione particolare per le donne in gravidanza, secondo la denuncia PEER.

Cancellazione di informazioni importanti

Il 26 agosto 2021, PEER ha presentato una denuncia separata sostenendo che l’EPA ha violato la legge cancellando le versioni originali delle comunicazioni interne e delle bozze di documenti e conservando solo la versione finale dei documenti chiave. La pratica viola il Federal Records Act eliminando i dettagli del processo decisionale dalla revisione esterna, secondo PEER, che afferma anche che l’eliminazione delle tracce dei documenti non solo è contraria alla legge, ma viola anche la politica di conservazione dei documenti dell’Epa.

Il caso di Ruth Etzel

Ruth Etzel, ex direttrice dell’Ufficio per la protezione della salute dei bambini dell’Epa, ha in sospeso una denuncia da parte di informatori presso il Consiglio di protezione dei sistemi di merito degli Stati Uniti. Sostiene di essere stata oggetto di ritorsioni illegali nel 2018 e nel 2019 dopo essersi lamentata pubblicamente di ciò che ha affermato essere la resistenza dell’Epa a promuovere tutele pubbliche più forti contro l’avvelenamento da piombo. All’Epa, il compito di Etzel era determinare l’impatto delle normative sui bambini. Ma sostiene di essere stata indebitamente rimossa dalla sua posizione dopo aver parlato dei fallimenti dell’Epa, ed è stata assegnata a una divisione in cui non le è stato permesso di lavorare sulla prevenzione dell’avvelenamento da piombo. Etzel è sia un pediatra che un epidemiologo ed è riconosciuto a livello internazionale come esperto di salute infantile e ambiente. È stata nominata vincitrice del 2021 del Public Policy and Advocacy Award dall’Academic Pediatric Association. Più di 120 organizzazioni ambientali e sanitarie si sono lamentate con l’EPA per la rimozione di Etzel, affermando che l’agenzia stava inviando un “segnale che la salute dei bambini non è una priorità per l’agenzia”.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase