fbpx
 

news“L’agricoltura industriale spreca e inquina l’acqua”. La Corte dei conti Ue contro le politiche comunitarie

1 Ottobre 2021by 0

“L’Ue ha certamente finanziato aziende agricole e progetti che minano l’uso sostenibile dell’acqua”. Per questo motivo, la Corte dei conti europea ha condannato le politiche deboli e mal applicate che danno agli agricoltori la possibilità di abusare dell’uso dell’acqua, sollevando critiche schiaccianti al programma di sovvenzioni agricole dell’Ue. Le conclusioni, riportate da Euractiv.com, sono arrivate dopo la pubblicazione di un nuovo rapporto sull’uso sostenibile dell’acqua in agricoltura. “Gli agricoltori – scrive Euractiv  – sono consumatori significativi di acqua dolce, con l’agricoltura che rappresenta un quarto di tutta l’estrazione di acqua nell’Ue. Oltre alla quantità, il settore incide anche sulla qualità dell’acqua, principalmente a causa dell’inquinamento da fertilizzanti e pesticidi. Sebbene sia vero che gli agricoltori hanno ottenuto miglioramenti nell’efficienza idrica, con il settore che utilizza il 28% in meno di acqua rispetto al 1990, i revisori hanno concluso che la quantità di acqua utilizzata dall’industria è ancora “insostenibile””.

Politiche deboli

“L’impatto dell’agricoltura sulle risorse idriche è importante e innegabile”, sottolina il rapporto. I revisori dei conti hanno accusato anche le politiche deboli e non applicate. “Il sostegno dell’UE all’agricoltura non è allineato con gli obiettivi idrici”, ha affermato Joëlle Elvinger, revisore dei conti responsabile del rapporto, durante una conferenza stampa. “Cosa intendo con questo? Intendo dire che le politiche dell’UE nella loro forma attuale non possono garantire che gli agricoltori utilizzino l’acqua in modo sostenibile”. Per i revisori, questo significa che, nel complesso, l’UE ha “certamente finanziato aziende agricole e progetti che minano l’uso sostenibile dell’acqua”.

La direttiva in ritardo

Euractiv ha parlato con Netafim, un’azienda specializzata nell’irrigazione, delle soluzioni innovative offerte per far fronte a questo problema. L’attuale approccio dell’UE alla gestione dell’acqua risale alla direttiva quadro sulle acque (Wfd) del 2000, che ha introdotto politiche relative all’uso sostenibile dell’acqua. Comprendeva l’obbligo per gli Stati membri di abbracciare il principio “chi inquina paga”. Ma l’attuazione di questa direttiva è stata a lungo ritardata, hanno osservato i revisori dei conti.Anche la politica agricola comune svolge un ruolo essenziale nella sostenibilità dell’acqua, offrendo strumenti che possono aiutare a ridurre le pressioni sulle risorse idriche. Questi includono il collegamento dei pagamenti a pratiche più ecologiche e il finanziamento di infrastrutture di irrigazione più efficienti. Ma secondo i revisori queste garanzie non si traducono sui campi degli agricoltori.

Troppe esenzioni

Gli Stati membri, infatti, attualmente offrono “troppe esenzioni” agli agricoltori dalla politica idrica dell’UE, comprese le regioni in condizioni di stress idrico. Il risultato è un ostacolo agli sforzi per garantire un uso corretto dell’acqua. Allo stesso tempo, alcune autorità nazionali applicano raramente sanzioni all’uso illegale dell’acqua che rilevano, conclude il rapporto. “Il risultato di queste esenzioni è che in agricoltura si recuperano meno costi che in altri settori. In altre parole, ciò che è più economico per il settore agricolo secondo il principio “chi inquina paga” viene lasciato nel dimenticatoio”, ha affermato Elvinger, sottolineando che agli agricoltori spesso non viene addebitato il volume effettivo di acqua che utilizzano.

Le colpe della Pac

I revisori hanno riservato particolari critiche al fatto che i pagamenti della Pac possono sostenere colture ad alta intensità d’acqua, come riso, noci, frutta e verdura. Il rapporto afferma che questi pagamenti vengono emessi senza restrizioni geografiche, anche nelle aree a forte stress idrico. “In altre parole, puoi utilizzare i finanziamenti dell’UE nelle zone aride per aiutarti a coltivare, il che peggiora la mancanza di acqua”, ha sottolineato Elvinger. Sebbene il rapporto concluda che alcune misure, in particolare nel fondo per lo sviluppo rurale, possono aiutare gli agricoltori a utilizzare l’acqua in modo più sostenibile, ha rilevato che gli agricoltori “raramente approfittano” di tali opportunità.

 

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase